Storie

di Nathan Algren

Argentina - Il Vescovo di Moron contro le droghe

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Come Vescovo della Chiesa di Morón voglio rivolgermi a tutta la nostra amata comunità moronense per esprimere pubblicamente la mia profonda preoccupazione per qualsiasi espressione che implichi un messaggio ambiguo rivolto ai più giovani sulle gravissime conseguenze per la salute fisica e spirituale dell’uso di sostanze che la scienza ha ampiamente dimostrato causare danni irreparabili”. Questa la dichiarazione di Monsignor Jorge Vázquez, Vescovo di Moron e Presidente della Commissione episcopale per la vita, i laici e la famiglia (CEVILAF), in merito alle campagne pubbliche di prevenzione sul consumo di droga.

Secondo le informazioni raccolte da Fides, il Dipartimento delle politiche giovanili del comune di Moron, alla periferia occidentale di Buenos Aires, lo scorso fine settimana, durante un festival musicale, ha distribuito ai giovani volantini consigliando di assumere stupefacenti “lentamente e con calma”, “per vedere come reagisce il tuo corpo”. Il fatto ha scatenato forti polemiche in tutto il paese. Il comune di Moron ha precisato che l’iniziativa fa parte di un programma locale “per la riduzione dei rischi e dei danni associati al consumo di sostanze psicoattive legali e illegali” approvato lo scorso anno all’unanimità, e che vuole proteggere la salute dei giovani consumatori di droghe fornendo loro informazioni utili.

“Non credo che qualsiasi campagna di prevenzione dalle dipendenze - senza giudicare le intenzioni - possa essere condotta senza sottolineare, con assoluta chiarezza, l’effetto devastante che l’uso di queste sostanze ha sui giovani e sulle loro famiglie” ha dichiarato il Vescovo di Moron, che ha aggiunto: “Come ho fatto in diverse occasioni, ribadisco il mio sostegno e la mia vicinanza a tante persone e istituzioni che lavorano coraggiosamente e disinteressatamente per il recupero delle persone che lottano per superare i loro problemi di dipendenza”. Infine Monsignor Jorge Vázquez esprime il suo affetto e la sua particolare vicinanza “a tante madri e padri che affrontano le terribili conseguenze che la dipendenza da queste sostanze ha per la vita dei loro figli”.

Da tempo la Chiesa cattolica argentina e le altre confessioni cristiane sono impegnata a denunciare l’enorme diffusione della droga, a tutti i livelli, e che “la droga uccide”, proseguendo la loro opera di assistenza a quanti cadono vittime della tossicodipendenza. A coloro che ritengono la legalizzazione della droga come soluzione, i Vescovi ribadiscono che “la depenalizzazione del consumo, la legalizzazione delle sostanze, porterà solo più consumo ed emarginazione”, occorre quindi una legge di emergenza sulle dipendenze

L’Osservatorio sul divario sociale dell’Università Cattolica Argentina (Uca) ha rilevato che a fine 2021, su un campione di 5.680 famiglie, il 23% segnalava la presenza di vendita di droga nell’isolato o nel quartiere in cui vive. Una percentuale che sale al 30% nelle zone urbane al di fuori della capitale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/04/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

La cosa più saggia al mondo è gridare prima di essere stati feriti

Questa nuova e malvagia eugenetica trova sostegno nell’edonismo compiaciuto e diffuso di molta gente ed è a disposizione per l’accresciuta tecnologia del mercato. L’aborto terapeutico, la diagnosi pre-impianto, l’inseminazione artificiale sono tutti strumenti messi a disposizione del mondo medico e dell’industria. Conditi con parole rassicuranti vengono veicolate attraverso la manipolazione del consenso operata dagli apparati mediatici, culturali e finanziari; in questo modo “soft” non vengono neppure concepiti come orrori né tantomeno come errori e peccati.

Leggi tutto

Società

Francia, quadro instabile: la bioetica slitta a giugno

Dopo i rituali “stati generali”, previsti dalla stessa “Legge bioetica” con cadenza decennale in vista dell’aggiornamento della stessa, il governo Macron aveva dichiarato di poter procedere alla rivisitazione del testo legale entro la fine dell’anno solare. In realtà l’ospite dell’Eliseo sta attraversando una crisi politica cui fa da sfondo l’emorragia dei consensi. Così il Président prende tempo e spinge l’apertura del dibattito parlamentare alla fine della primavera.

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Chiesa

Aborto e referendum, il vescovo di San Marino: ogni uomo ha diritto a vivere

In vista del referendum di domenica 26 settembre sulla depenalizzazione dell’aborto, il vescovo della diocesi sollecita la società a interrogarsi sui suoi valori fondanti e sul diritto alla vita.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: i 60 anni della facoltà di medicina del Sacro Cuore

Nel celebrare la Messa in occasione dei 60 anni della Facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università Cattolica del Sacro Cuore, Francesco ricorda che per amare davvero Dio bisogna appassionarsi all’uomo che vive il dolore: condividere, sostenersi, andare avanti insieme “è il futuro della sanità cattolica”.

Leggi tutto

Politica

PDF: “Mobilitazione contro il razzismo verso i bianchi”

Il Popolo della Famiglia Sardegna facendo coro al suo presidente Adinolfi, vuole rimarcare con forza che all lives matter, ossia tutte le vite contano, al di là del colore della pelle, delle appartenenze politiche, etniche o religiose. Perché così è giusto che sia. Sempre”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano