Storie

di Raffaele Dicembrino

Le rose di Santa Rita per aiutare i bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tornano in piazza le Rose di Santa Rita. Sabato 30 aprile e domenica 1 maggio, oltre 500 località italiane ospitano la sesta edizione dell’evento nazionale organizzato dalla Fondazione Santa Rita da Cascia onlus per sostenere i progetti del monastero delle agostiniane di Cascia per il mondo dell’infanzia. Da Torino a Napoli, da Parma a Cagliari, da Verona a Roma, e ancora Firenze, Bari, Potenza e Palermo, chiunque voglia sostenere le iniziative delle monache potrà acquistare una piantina di rose, simbolo universale della Santa dei Casi Impossibili, in apposite postazioni allestite da volontari. La mappa è disponibile sul portale del monastero. È anche possibile ordinare le piantine on line.

Ogni piantina di rose è preziosa perché porta con sé l’amore della nostra santa - afferma suor Maria Rosa Bernardinis, badessa del Monastero Santa Rita di Cascia e presidente della Fondazione Santa Rita da Cascia onlus - e insieme rappresenta il seme del futuro di tutti noi, quello che è racchiuso nei bambini”. La religiosa spiega che tra i progetti finanziati attraverso l’iniziativa “Le Rose di Santa Rita” c’è l’Alveare, che si trova accanto al monastero, dove da oltre 80 anni vengono accolte e accompagnate nella crescita tante bambine e ragazze che arrivano da famiglie in difficoltà. Dietro alle piantine di Rose ci sono, invece, oltre 1500 volontari, donne, uomini e ragazzi di ogni età, che a nome della Fondazione Santa Rita da Cascia onlus, testimoniano e seminano concretamente l’amore e la carità di cui la santa è ambasciatrice da secoli. Vengono definiti il volto di Santa Rita oggi, vivendo in prima persona i suoi insegnamenti, e diffondendoli con l’esempio attivo del loro agire.

La Rosa

Il simbolo ritiano per eccellenza

Alla fine dei suoi giorni, malata e costretta a letto, Rita chiede a una sua cugina venuta in vista da Roccaporena di portarle due fichi e una rosa dall’orto della casa paterna. Ma siamo in inverno e la cugina la asseconda, pensandola nel delirio della malattia. Tornata a casa, la giovane parente trova in mezzo alla neve una rosa e due fichi e, stupefatta, subito torna a Cascia per portarli a Rita.

Come la rosa, Rita ha saputo fiorire nonostante le spine che la vita le ha riservato, donando il buon profumo di Cristo e sciogliendo il gelido inverno di tanti cuori.

Il prodigio delle rose e dei fichi in inverno è reso attendibile da diverse testimonianze raccolte nel processo per la beatificazione nel 1626. Il fiore caratterizza anche il nome della Rivista del monastero “Dalle Api alle Rose

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/04/2022
1608/2022
San Rocco confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

Storie

Unicef: 170 bambini haitiani espulsi da USA e Cuba

Secondo l’Unicef, circa 170 bambini haitiani sono arrivati due giorni fa a Port-au-Prince con i loro genitori dopo esser stati espulsi dagli Stati Uniti e da Cuba. Molti dei bambini provengono da Haiti sudoccidentale e sono partiti due o tre settimane dopo il terremoto dello scorso agosto nel tentativo di raggiungere gli Stati Uniti.

Leggi tutto

Storie

Fiaba solidale per i bambini rari

Vernice Art Fair, in Fiera una fiaba solidale per i bambini rari che si intitola ‘L’Albero’: il ricavato, da venerdì 4 a domenica 6 marzo, andrà all’associazione italiana sindrome di Beckwith-Wiedemann

Leggi tutto

Storie

Save the Children e la drammatica tratta di minori

Il Rapporto dell’Ong intitolato “Piccoli schiavi invisibili” riporta un allarmante resoconto circa il traffico e lo sfruttamento di essere umani

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Media

TikTok accusato di far subire ai bambini un “lavaggio del cervello”

Secondo i dati forniti dalla piattaforma più di un quarto degli utenti britannici di TikTok ha un’età compresa tra i 15 ei 25 anni e i bambini di età compresa tra i quattro e i 15 anni che si registrano trascorrono in media 69 minuti sull’app ogni giorno. L’analisi di The Mail mostra che i video con l’hashtag #Trans sono stati visti più di 26 miliardi di volte.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano