Media

di Raffaele Dicembrino

Cinema - GLI AMORI DI ANAÏS di Charline Bourgeois-Tacquet

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sarà un incontro indimenticabile e inaspettato a mettere i freni alla vita sempre in corsa di una ragazza irrequieta e impulsiva. Questa la storia raccontata da GLI AMORI DI ANAÏS, primo film diretto da Charline Bourgeois-Tacquet (attrice ne L’Avenir – Le cose che verranno) che, dopo essere stato presentato con successo alla 60ª Semaine de la Critique a Cannes, arriva nelle sale italiane, distribuito da Officine UBU, a partire dal 28 aprile.

Una commedia che mescola leggerezza e profondità attraverso il confronto tra le due protagoniste, che hanno il volto di Anaïs Demoustier e Valeria Bruni Tedeschi, le cui strade si incrociano per caso. Ad accompagnarne le immagini, le splendide musiche del Maestro Nicola Piovani, che per il film è stato premiato ai France Odeon per la Miglior Colonna Sonora.

Sinossi

Anaïs (Anaïs Demoustier) ha trent’anni, è senza un lavoro, vive alla giornata in un appartamento che non può permettersi… e corre. Corre sempre e sembra essere inafferrabile, così come lo sono suoi pensieri. La sua vita è così frenetica che nemmeno il suo fidanzato, di cui lei ogni tanto si scorda, sembra riuscire a fermarla. Un giorno però, Anaïs incontra Daniel (Denis Podalydès), un editore che s’innamora immediatamente di lei. Ma Daniel vive con Emilie (Valeria Bruni Tedeschi), un’affascinante scrittrice che, apparentemente in modo inspiegabile, cattura l’attenzione di Anaïs. Le loro strade s’incrociano per un caso fortuito e questo incontro scatena in Anaïs un sentimento che mai aveva provato prima. La ragazza decide così di fare il possibile per incontrare nuovamente Emilie, seguendola ovunque pur di trascorrere del tempo insieme e con lei… fermarsi. Inizia così la storia di una giovane donna irrequieta e di un incontro indimenticabile che le cambierà la vita.

Un film sull’amore di tutti e per tutti

INTERVISTA A CHARLINE BOURGEOIS-TACQUET

Prima di tutto, chi è Charline Bourgeois-Tacquet?

Questa è una domanda difficile. Sono nata trentacinque anni fa in una piccola cittadina di mare. Ma in riferimento a ciò per cui siamo qui a discutere, il momento cruciale della mia vita è stato quando avevo quattordici anni e ho scoperto Isabelle Huppert sul palco di “Medea”. È stato come prendere fuoco: tutto il mio mondo è cambiato. Mi sono detta che era quello che volevo fare anche io, diventare un’attrice, e ho iniziato a guardare ogni film che lei avesse mai realizzato. È così che mi sono innamorata del cinema, diventandone un’appassionata. Quando sono venuta a Parigi per la prima volta, volevo fare tutto: ero una studentessa di un programma biennale molto intenso in discipline umanistiche che mi preparava a sostenere i concorsi di ammissione alle migliori scuole di istruzione superiore, e contemporaneamente seguivo anche lezioni di teatro. Poiché amavo studiare letteratura, ho continuato i miei studi alla Sorbona dove ho scritto la mia tesi sulla riscrittura di Duras dell’opera di Racine. Poi, quasi per caso, ho accettato un lavoro nell’editoria presso Grasset Editions. Ma intorno ai venticinque - ventisei anni, mi sono resa conto che era davvero importante per me lavorare nel cinema, quindi ho lasciato perdere tutto da un giorno all’altro. Ho iniziato a scrivere da sola sceneggiature per cortometraggi, fino a quando qualcuno mi ha presentato il produttore Philippe Carcassonne, a cui piaceva quello che stavo facendo e mi ha consigliato di iniziare a dirigere i miei cortometraggi. Ho iniziato con piccoli film autoprodotti che ho diretto e interpretato. Quest’esperienza mi ha insegnato molto.

Hai diretto e recitato in Joujou, un fantasy autoprodotto, poi Pauline Enslaved, un cortometraggio che è stato selezionato dalla Semaine de la Critique del Festival di Cannes, dove ha riscosso un grande successo. Gli amori di Anaïs è il seguito di Pauline?

Diciamo che Anaïs potrebbe essere la cugina di Pauline. Il legame tra i due personaggi deriva anche dal fatto che sono interpretati dalla stessa attrice, Anaïs Demoustier. In verità, Anaïs (quella vera) e io ci siamo divertite così tanto con Pauline, che volevamo continuare a lavorare insieme e ho scritto la sceneggiatura di Gli amori di Anaïs pensando a lei. Ma il personaggio di Anaïs (quello fittizio) non è comico come Pauline. Parla infatti molto e molto velocemente, senza tenere conto della persona con cui sta parlando, né delle domande che le vengono
poste: ho lavorato sui tratti eccessivi della sua personalità, mi sono spinta oltre i limiti, che è tipico delle commedie. Eppure, Anaïs ha una profondità che a Pauline mancava.

Come definiresti la personalità della tua Anaïs?

È una giovane donna che segue i suoi impulsi improvvisi, non importa quanto siano avventati. Vive il presente senza porsi domande, senza proiettarsi nel futuro. Potresti pensare che questo lato della sua personalità la renda una persona egoista, ma per me è semplicemente una ragazza che è profondamente consapevole della fragilità della vita, e che ha deciso di cogliere ogni possibile occasione per essere felice. Amo la sua vitalità e la sua audacia. La chiave del personaggio è la sua capacità di seguire i suoi desideri. È anche una giovane donna irrequieta, una persona in costante movimento. Il suo ragazzo Raoul la chiama “bulldozer” ed è vero che questo lato “bolide” della sua personalità può
essere un po’ troppo travolgente per le persone intorno a lei. Ma che si tratti del suo aborto o della malattia di sua madre, non si sente più dispiaciuta per se stessa che per gli altri. Corre sempre, senza mai fermarsi, perché è la sua modalità di sopravvivenza, il suo modo di affrontare le avversità. Se si fermasse a dare un’occhiata a ciò che le accade intorno, probabilmente cadrebbe a pezzi.

Anaïs ha trent’anni: sono gli anni migliori?

Non direi! Può essere straziante avere trent’anni. Ti ritrovi improvvisamente a un bivio nella tua vita con molte diverse direzioni possibili e non puoi concederti errori. È un momento della vita in cui fai scelte decisive che determinano il capitolo successivo: carriera, vita amorosa, matrimonio? Con o senza figli? Se sei una donna, hai dieci anni per costruire la tua vita perché dopo è troppo tardi. Credo molto poco all’immagine eroica della donna “moderna” che ha una carriera appagante, un partner ideale e figli meravigliosi. Francamente, mi sembra
altamente improbabile e piuttosto irraggiungibile.
Diametralmente opposto a questa figura mitica, ho voluto raffigurare il ritratto di una giovane donna complessa, impigliata in una trama densa di difficoltà, sia materiali ma soprattutto esistenziali, che corrispondono alla sua età e all’epoca in cui vive. È il ritratto di una giovane donna che sta scoprendo chi è.

Possiamo parlare del desiderio e della sensualità che permeano il film?

Il desiderio è il tema dominante del film. Sto parlando del desiderio nel senso più ampio del termine, ovviamente. La cosa che generalmente ci spinge e ci fa muovere verso gli altri e verso il mondo. Quando Anaïs inizia ad interessarsi a Emilie (interpretata da Valeria Bruni Tedeschi), lei stessa non sa cosa la spinga verso questa donna: curiosità, attrazione o desiderio di essere più vicina a questa persona. Anche un’intuizione. L’intuizione che hanno qualcosa da vivere insieme.
Volevo esplorare questo tipo di magia che il desiderio risveglia dentro di noi, questa forza che misteriosamente ci spinge avanti nonostante gli ostacoli. Il fatto è che dopo un po’ le cose prendono forma e tra Anaïs ed Emilie nasce un desiderio erotico, carnale e profondo, commovente e del tutto inaspettato. Quindi sì, parliamo di sensualità ovviamente. In confronto a Pauline Enslaved, è qualcosa di nuovo che volevo esplorare. Qualcosa che è estremamente cinematografico: l’attrazione lenta e irresistibile dei corpi.

Più di ogni altra cosa, Gli amori di Anaïs parla di una storia d’amore appassionata che legherà una giovane donna a una donna matura.

Sì, ma non volevo fare un film di “nicchia”. Il mio film non parla della scoperta da parte di una giovane donna della sua omosessualità. Anche se questo nuovo desiderio turba Anaïs, non mette mai in dubbio il suo orientamento sessuale. Ed è importante per me che questo non sembri essere un problema, in un momento storico in cui le persone si stanno finalmente concedendo di amare in modo diverso. È puramente una questione di un desiderio che infrange tutti i confini dati dalla società, in termine di genere e differenze di età. La storia di Anaïs ed Emilie è
la storia di un incontro estremamente forte tra due soggettività. Una storia di amore e desiderio che abbraccia anche la mente e l’intelligenza.

L’ultima frase del film è “Non sono d’accordo”. Lei non è d’accordo con cosa?

Con tutto! Vivere è un problema, il mondo è un problema… Ma se vuoi che ti dia una risposta precisa, direi che non sono d’accordo a cedere alla paura e alla rassegnazione. Sono completamente d’accordo con Anaïs (e Annie Ernaux): rinunciare a una passione è criminale, è un insulto alla vita.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/04/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Russell Crowe interpreterà padre Amorth

Le riprese inizieranno a settembre in Irlanda.

Leggi tutto

Storie

Rinascere dopo il carcere il più grande sogno

Tra pochi giorni nelle sale di tutta Italia il film di Michele Vannucci con Mirko Frezza: è la storia di un sogno fragile, quello di un uomo che cerca di lasciarsi alle spalle una vita di strada. Un docufilm di fantasia, perché viene fuori dall’elaborazione collettiva del vero vissuto dell’attore principale

Leggi tutto

Politica

Ficarra e Picone protagonisti del nuovo film di Roberto Andò “La Stranezza” 

Gli attori siciliani Salvo Ficarra e Valentino Picone sono i protagonisti del nuovo film di Roberto Andò “La Stranezza”

Leggi tutto

Storie

Gli Ultimi Jedi: quale redenzione è per sempre?

Un capitolo che è un vero e proprio esame di coscienza della serie e che, in un’epoca in cui gli esami sono fastidiosi, la coscienza un suppellettile dell’emotivo, quando non è un ostacolo, non potrà che provocare furiose ribellioni nei suoi affezionati (e già si sprecano le reazioni rabbiose online). Non possono più essere evitate le ombre del passato, nonostante l’attaccamento al sacro cavalierato del Lato Chiaro: «I Jedi devono scomparire», sentenzia il ritrovato maestro Skywalker, emerito nascosto in una versione nuragica del monastero Mater Ecclesiae (santuario ancestrale dello jedismo) e reticente a prendere come
discepola Rey (Daisy Ridley) «che viene dal nulla». Una ragazza che non ha nulla se non la scoperta di un’intima chiamata al di sopra della sua comprensione, che com’era stato per lui anni prima, si trova ora al centro delle sorti del suo tempo. Ella chiede di un maestro che tutto ha perso, dopo che tutto aveva guadagnato, perfino quel padre che sembrava perso del tutto, perché possa mostrarle donde proviene, la di lei origine «Cerco qualcuno che mi mostri dove si trova il mio posto».

Leggi tutto

Media

Cinema: in uscita “Tre sorelle”

Da ieri su su Prime Video l’ultimo film di Enrico Vanzina Tre sorelle, una commedia tutta al femminile interpretata da Serena Autieri, Giulia Bevilacqua, Chiara Francini, Rocío Muñoz Morales e Fabio Troiano, con la partecipazione straordinaria di Luca Ward.

Leggi tutto

Società

Conosciamo i nostri figli?

Le statistiche sulle dipendenze (nuove e vecchie) dei giovani e giovanissimi mostrano una morsa di fragilità che si fa sempre più impenetrabile, oltre la cortina di sostanze psicotrope e di una pornografia dilagante. L’anno del Sinodo sui Giovani può essere per la Chiesa e per la società il momento in cui si chiuda una buona volta la stagione della complicità (dis)educativa e si volti pagina

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano