Storie

di Roberto Signori

PAKISTAN - Violenze per blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un tribunale antiterrorismo (ATC) di Lahore ha emesso un verdetto sul caso dell’uccisione del cittadino srilankese Priyantha Kumara, ucciso da una folla a Sialkot nel dicembre 2021 con l’accusa di blasfemia

La Corte ha condannato a morte 6 persone, comminando inoltre l’ergastolo ad altri 9 uomini, mentre altre 72 persone sono condannate a due anni di reclusione. Inoltre un risarcimento complessivo di 600.000 rupie pakistane (circa 3.000 euro) è dovuto alla famiglia della vittima.

E’ l’epilogo di una vicenda che ha scioccato il paese: centinaia di manifestanti hanno ucciso Priyantha Kumara, cittadino dello Sri Lanka, dipendente della Rajco Industries a Sialkot e poi hanno bruciato il suo corpo sulla strada principale di fronte all’industria. L’uomo è stato brutalmente torturato a morte il 3 dicembre del 2021 perché accusato di blasfemia: aveva rimosso l’adesivo contenente la preghiera islamica dalla macchina di produzione dell’azienda. Priyantha Kumara, che non era a conoscenza del testo islamico sull’adesivo, stava monitorando il processo di pulizia per la visita di una delegazione internazionale all’industria di articoli sportivi.

Una denuncia (First Information Report) è stata depositato contro 900 lavoratori delle industrie Rajco e sono stati effettuati numerosi arresti. Il 12 marzo il tribunale antiterrorismo di Lahore ha incriminato 89 persone, 80 adulti e 9 minori. Nelle indagini sono stati inclusi video dai social media e dai telefoni cellulari di 55 persone accusate, oltre a media digitali, prove del DNA, testimoni oculari, prove forensi, per punire quanti hanno linciato Priyantha Kumara e bruciato i suoi resti.

Ashiknaz Khokhar, un attivista cattolico per i diritti umani in Punjab, accogliendo la decisione della Corte antiterrorismo, in un messaggio inviato all’Agenzia Fides, afferma: “L’incidente di Priyantha Kumara ha portato vergogna e cattiva fama al Pakistan. Molte persone vedono questa decisione del tribunale come una ventata di aria fresca per punire gli attacchi violenti della folla e sperano che questo sia un avvertimento per coloro che, in nome della religione, si fanno giustizia da soli”.

Khokhar aggiunge: “C’è anche la possibilità che questo verdetto venga impugnato davanti all’Alta corte. La violenza della folla solo sulla base di una presunta accusa o di un sospetto, non può essere tollerata o ammessa in uno stato di diritto e questo caso deve essere un esempio per il futuro”. “Lo stato deve vigilare sulla violenza all’interno della società e sull’odio interreligioso. Dovrebbero vigilare sui fondamentalisti responsabili di questo tipo di casi” conclude Ashiknaz Khokhar.

In un altro caso di blasfemia avvenuto alcune settimane fa, tre donne musulmane Aisha Nomani di 17 anni, Razia Hanfi di 21 anni e Umra Aman di 24, in servizio al seminario islamico Jamia Islamia Falahul Binaat, sono state arrestate la scorsa settimana per aver ucciso una donna musulmana di 21 anni Safoora Bibi, loro ex collega, dopo averla accusata di blasfemia.

La vittima è stata aggredita davanti al seminario islamico dopo che una studentessa di 13 anni, parente delle tre assassine, aveva raccontato che, in sogno, aveva visto la donna commettere la blasfemia e che, sempre in sogno, le era stato detto di ucciderla. Solo in base al sogno, la donna, una studiosa di rinomati studi islamici in Pakistan, è stata aggredita con bastoni e coltelli affilati e uccisa.

Sabir Michael, cattolico di Karachi impegnato per la difesa dei diritti umani, parlando a Fides, dichiara: “È un incidente molto triste, assurdo e tragico, e mostra come l’odio e l’intolleranza stiano aumentando nella nostra società. La situazione è disperata e non c’è rispetto per lo stato di diritto. Si uccide perfino per un sogno. Va detto che generalmente sono accuse infondate: in Pakistan i cittadini rispettano la religione e non commettono vilipendio contro nessuno dei Profeti, di nessuna religione. Condanniamo fermamente l’omicidio di una donna musulmana innocente e ci opponiamo all’abuso della legge sulla blasfemia”. “È responsabilità del governo - prosegue Michael - adottare misure solide per creare un clima di tolleranza e rispetto, soprattutto in materia religiosa, per la protezione delle persone accusate di blasfemia. Nessuno dovrebbe essere punito prima di un’indagine equa e di un giusto processo in tribunale”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/04/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Premio Ambasciatori presso la Santa Sede

Sono aperte le candidature per la quarta edizione del Premio letterario degli Ambasciatori presso la Santa Sede

Leggi tutto

Politica

Mozambico – Uccisa Suor Maria De Coppi

Un attentato terroristico di matrice presumibilmente jihadista verificatosi ieri sera a Chipene è costato la vita a Suor Maria De Coppi, 84enne comboniana italiana originaria di Vittorio Veneto, in missione in Africa dal 1963.

Leggi tutto

Società

Ecco la Balena Blu

Nel miserabile tentativo di azzardare un’analisi del fenomeno è ovvio che, in primo luogo, venga da puntare il dito sul gioco della Balena blu, ed è giustissimo farlo. Allo stesso tempo, però, è opportuno non dimenticare che quel gioco è un parto dei giorni nostri, un prodotto dell’odierna comunità umana globale. Il mondo non è mai stato un luogo perfetto ed ogni epoca ha conosciuto le sue nefandezze ma oggi la stupidità e la malvagità di pochi possono espandersi e amplificarsi come mai prima era stato possibile. Prendendo spunto dalla famosa e profonda riflessione di Hannah Arendt “La banalità del male” potremmo concludere che ciò che è banale nasce da menti banali e, contemporaneamente, attrae menti altrettanto banali.

Leggi tutto

Società

IL PECCATO ORIGINALE DEI NUOVI DOGMI DELL’ECOLOGISMO CORRETTO

Dietro i pur nobili intenti di alcuni ragazzini in perenne protesta per la salvezza del pianeta vi è una chiara e ben oleata macchina neo maltusiana che vuole eliminare più vita umana possibile dalla faccia della terra. I fallaci dogmi dell’ecologismo attuale.

Leggi tutto

Storie

India e jihadisti

La Corte Suprema indiana discuterà sullo swami che chiama alle armi contro i musulmani. In due occasioni il religioso estremista indù Prabodhanand Giri aveva invitato i fedeli a dotarsi di un’arma per “ripulire” l’india dai jihadisti

Leggi tutto

Chiesa

India, l’appello per i cristiani di monsignor Machado

L’arcivescovo di Bangalore reagisce alla demolizione da parte delle autorità di una statua di Gesù e di due stazioni della Via Crucis a Gokunte, nello Stato del Karnataka,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano