Storie

di Raffaele Dicembrino

Verso la canonizzazione di Charles de Foucauld

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Charles de Foucauld non è solo un’icona suggestiva. Se la sua vicenda continua a toccare il cuore di una moltitudine di persone in ogni parte del mondo, ciò non accade in virtù della sua immagine romantica di “eremita perduto nelle sabbie del deserto”. A prevalere è piuttosto lo stupore grato davanti alle tante “conversioni” che hanno segnato una vita donata nella sequela del suo Signore, fino alla dono di riconoscersi “fratello universale”, coinvolto in una esperienza di fratellanza “offerta a tutti, senza considerazione per le appartenenze religiose, etniche o nazionali”. Così l’Arcivescovo di Algeri Jean-Paul Vesco rende omaggio alla feconda testimonianza del monaco francese che visse buona parte della sua imparagonabile avventura spirituale in Algeria, in vista della sua imminente canonizzazione (sarà proclamato Santo a Roma, il prossimo 15 maggio).

Charles De Foucauld fu ucciso da una banda di predoni a Tamanrasset, al centro del massiccio dell’Ahaggar, nel profondo sud dell’Algeria. il 1° dicembre 1916. La sua morte – sottolinea l’Arcivescovo di Algeri nella sua riflessione, pubblicata sul sito della Chiesa cattolica d’Algeria - ha contribuito a forgiare una icona di “eremita perduto nelle sabbie del deserto”. Immagine che non esprime in maniera compiuta la verità del suo destino tanto singolare di portata così universale. Con il passare del tempo – nota l’Arcivescovo Vesco - è potuta affiorare una immagine “più bella e più umana della personalità di Charles de Foucauld”, svincolata dalla staticità della sua ‘icona’.

La testimonianza resa da De Foucauld coincide con un cammino segnato da “successive conversioni”, dal succedersi di nuovi inizi, che scandiscono la vita del futuro santo, rimasto orfano all’età di cinque anni, che aveva presto “disappreso” le preghiere imparate nella prima infanzia. Questa testimonianza - sottolinea l’arcivescovo, appartenente all’Ordine dei Frati Predicatori - parla ancora al cuore di una moltitudine di persone. Fa parte dell’itinerario cristiano di Charles de Foucauld il consenso da lui dato alla propria ordinazione sacerdotale, il 9 giugno 1901, nella cappella del Seminario di Viviers, scelta in cui si tocca con mano “il suo zelo missionario e la sua sollecitudine di andare a raggiungere i più lontani dall’annuncio evangelico, fino ai confini del Sahara francese di allora, non riuscendo ad evangelizzare il Marocco, esplorato in modo eroico e straordinario prima della sua conversione”.

Al culmine del suo cammino esistenziale e spirituale, nella sua singolare confessione di fede resa tra i popoli della regione – prosegue l’Arcivescovo di Algeri - “Charles scoprirà uomini e donne, sicuramente sconosciuti ai buoni francesi del suo tempo, ma radicati in una tradizione, una religione e una cultura per cui si appassionerà fino al punto di sacrificare ore e ore di preghiera”, e fino a stabilire con loro “il rapporto di alterità e reciprocità proprio dell’amicizia. Fu allora, e solo allora – rimarca Jean-Paul Vesco - che Charles diventò il fratello universale che tanto desiderava essere”. E la sua “fraternità offerta a tutti, senza considerazione per le appartenenze religiose, etniche o nazionali, è il marchio di fabbrica della fratellanza dei discepoli di Cristo”.

Nella parte finale del suo intervento, l’Arcivescovo Vesco affianca la vicenda di Charles de Foucauld a wuelle di altri testimoni della fede uccisi in Algeria e in Francia in tempi più recenti: “Come per altri grandi testimoni, quali sono stati i monaci di Tibhirine o il Vescovo Pierre Claverie, la morte di Charles de Foucauld non è stata intenzionalmente ricercata, e non vale per se stessa. Essa mette in luce il compimento di una vita di cui Charles, il fratello universale, non ha potuto intravvedere l’immensa fecondità. Più vicino a noi, la morte di padre Jacques Hamel non dice niente in se stessa, se non l’accecamento dei suoi assassini. Piuttosto, essa mette in luce la bellezza e la fedeltà di una vita donata fino alla fine da un umile sacerdote, nella sequela del suo Signore”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/04/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

“Una sconfitta per l’umanità”

Il cardinale Parolin commenta il referendum irlandese con parole nette. I giornali tentano di raccontare una Chiesa “aperturista” che non esiste, per far approvare il vergognoso ddl Cirinnà

Leggi tutto

Chiesa

Gli ideali cattolici

Sta per essere pubblicato, contemporaneamente in forma cartacea e in un sito online, un saggio di carattere teologico che non riguarda soltanto gli specialisti in materia. Sebbene, infatti, il testo, non eccessivamente lungo, sia in qualche modo il risultato di decenni di studi e di esperienze, la sollecitazione definitiva che mi ha spinto a scriverlo è derivata dalla considerazione di scottanti problemi di attualità, problemi che si potrebbero riassumere in uno solo: la disgregazione dei cattolici sia nell’ambito culturale, sia nell’ambito politico - e ci si potrebbe chiedere se la disgregazione politica non sia in larga misura una conseguenza della disgregazione culturale.

Leggi tutto

Politica

Le nuove parole d’ordine della Francia

Onestà, rettitudine e coraggio sembrano essere le nuove direttrici della Repubblica francese. Questo almeno stando al discorso di inizio legislatura tenuto dal presidente del consiglio Édouard Philippe: un Paese fondato sulla classicità romana, molto più che sul giacobinismo. Copertine che non cambiano la sostanza, a ben vedere: o la fondazione di una res publica si regge sullo scavo di un’etica condivisa oppure chi è più forte vince. E basta

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Società

LA FRANCIA MANIFESTA CONTRO IL DDL BIOETICO

600mila persone sono inopinatamente tornate a manifestare, per le strade d’Oltralpe, malgrado il tiepido sostegno dei Vescovi.

Leggi tutto

Politica

LA #RIVELAZIONE “VIRTUALMENTE PIENA” DI GESÙ

Rivolgiamo la nostra attenzione pure a Gesù, che si definisce pane della vita e che non respingerà chi va a Lui

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano