Chiesa

di Stefano Di Tomassi

Ostia - Musulmani e cristiani insieme per fine digiuno

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I musulmani di Ostia hanno festeggiato il termine del digiuno per il Ramadan invitando i cristiani a partecipare nella fattispecie la segreteria della commissione cultura della prefettura di Ostia (diocesi di Roma) con il consiglio ecumenismo e dialogo religioso in stretto contatto con l’ausiliare Roma Sud Ostia e Ostia Antica vescovo Dario Gervasi.

Hanno partecipato anche il Presidente del X Municipio Falconi e rappresentanti della Grande Moschea di Roma; l’evento della folta comunità islamica locale è stato organizzato per l’occasione al centro anziani di via del Sommergibile non avendo ancora (o più correttamente non più) un luogo abbastanza ampio.

Yousef Al Moghazy, direttore della moschea lidense ‘Servi di Dio’, l’associazione ItaliArabi e l’Istituto Culturale Islamico di Ostia si sono incontrati con Guido Antiochia, il reverendo don Franco Nardin, Salvatore de Stefano della rete Pacis, hanno dunque seguito i festeggiamenti in rappresentanza del mondo cristiano territoriale.

Prossimità e quotidianità permettono conoscenza reciproca e relazioni significative garantendo a cittadinanza e istituzioni quella sicurezza e collaborazione, nel segno dell’identità culturale, capace di fare consapevolezza e coscienza civica. In questo modo il Territorio viene vissuto insieme nel rispetto anziché usato e a volte ahi noi abusato per finalità egoistiche dagli speculatori.

L’incontro riattiva ufficialmente un percorso di ascolto, interrotto in questi anni, ma che è iniziato da almeno un decennio grazie anche al Progetto e la Rete Pacis.

Negli ultimi anni i rapporti si erano congelati a causa di bruschi interventi. Questo è stato davvero un colpo duro anche per chi con l’Islam locale operava per l’integrazione in senso identitario e non spersonalizzante, tecnico e operativo e non populistico ideologico; la perdita di fiducia verso politici e amministratori fu forte.

Nel corso di questi lunghi anni passati erano stati attivati incontri tra la comunità e il mondo della scuola, dell’associazionismo oltre che attività in relazione con altri centri di culto. L’apertura, rimasta sulla carta, dell’ufficio del dialogo del X Municipio di Roma aveva fatto ben sperare, salvo poi rimanere un ufficio fantasma, una scatola vuota.

Infatti oggi il progressivo dialogo riprende e procede con attenzione e serietà coinvolgendo peculiarmente sedi religiose e centri di culto, dopo che negli anni scorsi purtroppo la moschea lidense venne chiusa d’autorità delle istituzioni politico amministrative a causa di una “discussa” accusa di morosità (sembra abbiano avuto un comodato d’uso gratuito) che è ancora al vaglio della magistratura e che sembra sia frutto più di uno scontro tra politici di partito che di fatti reali. Sta di fatto che la situazione ha costretto migliaia di mussulmani da un lato a chiudersi in loro stessi, dall’altro a vagare senza avere la possibilità di riunirsi se non ospitati dapprima da associazioni amiche e poi con la collaborazione di qualche politico lungimirante nel parco Pallotta per le adunate straordinarie di preghiera, quindi finalmente e tutt’ora in uno spazio pubblico.

La speranza è che il dialogo religioso di prossimità e quotidiano accompagni i fedeli, i credenti di ogni comunità e centro di culto a conoscersi e riconoscersi nel tessuto cittadino anche come custodi di valori comuni necessari sempre più ad edificare una società nuova che si regga sul Cuore anziché sull’ideologia e sul mercato, sui soldi come traino di tutto, meccanismo che ha portato sempre più la speculazione globale a un atteggiamento materialista anche locale che non ha remore nell’usare e abusare anche di religioni e religiosi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/05/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Chiesa

Papa: le culture autoreferenziali si ammalano

Papa - Inaugurando una nuova sala espositiva della Biblioteca Apostolica Vaticana, Francesco sottolinea il valore della bellezza che non è l’illusione fugace di un’apparenza o di un ornamento.

Leggi tutto

Storie

Honduras - Assassinato un operatore pastorale indigeno

Anche la rete “Iglesias y Minería” ha condannato “con energia e dolore l’omicidio del difensore dei diritti umani e comunicatore sociale”, chiedendo che le autorità “svolgano un’indagine rapida, esaustiva e indipendente che includa tra le sue linee di indagine il lavoro di difesa dei diritti umani esercitato da Pablo Hernández”

Leggi tutto

Chiesa

Ostia: Don Franco sacerdote di tutti

Ieri è tornato a celebrare ad Ostia don Franco DE Donno

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Libertà su cauzione concessa a un cristiano

“Concedere la cauzione a Stephen Maish, un malato di mente accusato di blasfemia è una mossa positiva: non si può addebitare a una persona mentalmente instabile nessuna accusa, perché la persona non ha la piena coscienza di quello che sta facendo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano