Storie

di Roberto Signori

Turchia, Riyadh, islam e investimenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ricucire i rapporti con il principe ereditario Mohammad bin Salman (Mbs), ai minimi storici dopo l’omicidio del giornalista e dissidente saudita Jamal Khashoggi a Istanbul, nel 2018; siglare accordi e rafforzare la partnership commerciale, per rilanciare l’economia interna; visitare la Mecca e propagandare l’immagine di pellegrino (e leader) nel mondo musulmano. La visita ufficiale del presidente turco Recep Tayyip Erdogan in Arabia Saudita, almeno secondo le intenzione di Ankara, intende rappresentare una svolta e archiviare le tensioni degli ultimi anni fra le due nazioni musulmane. Un summit favorito dalla decisione della magistratura turca a inizio mese di sospendere il processo in contumacia contro 26 imputati sauditi, trasferendo il fascicolo a Riyadh e sollevando non poche critiche in seno alla comunità internazionale.

Fautore negli ultimi anni di una politica nazionalismo e islam, Erdogan ha inserito nella due giorni saudita (28 e 29 aprile) una tappa alla sacra moschea della Mecca, con una tappa all’interno della Kaaba, l’edificio più sacro per il mondo musulmano. I media turchi hanno rilanciato, dandone ampio risalto, le immagini del presidente in abiti da pellegrino, accompagnato da alcuni ministri e altri componenti della delegazione ufficiale.

Tuttavia, il cuore della missione era l’incontro a Jeddah con il re saudita Salman e il principe ereditario bin Salman, il vero potere forte del regno wahhabita di cui guida la politica economica ed estera. Erdogan ha sottolineato il concetto di inizio “di una nuova era” nelle relazioni fra Ankara e Riyadh, sebbene più di un esperto di vicende mediorientali ricordi la diffidenza reciproca fra i due personaggi che un incontro, per quanto importante, non basterà certo per archiviare.

Rapporti che definire burrascosi in seguito alla vicenda Khashoggi è riduttivo - un omicidio perpetrato all’interno del consolato saudita a Istanbul dietro il quale, anche secondo l’Onu, vi sarebbe Mbs -, che si sono sbloccati solo col trasferimento del processo. Una questione che è anche fonte di polemica interna in Turchia, con le durissime accuse lanciate da Kemal Kılıçdaroğlu, presidente del principale movimento di opposizione (il Partito repubblicano Chp). “[Erdogan] fa comminare a persone innocenti l’ergastolo [il riferimento è al filantropo Osman Kavala] e difende l’operato in aeroporto. Poi scende dall’aereo e abbraccia assassini” e “si inchina davanti a quanti hanno smembrato una persona nel suo Paese”.

Al netto delle polemiche, la missione del “sultano” aveva come obiettivo il rafforzamento della partnership strategica e delle relazioni bilaterali, anche sul piano economico e commerciale, in un quadro di crisi alimentata da pandemia e guerra russa in Ucraina. Sfruttando l’ambizioso programma di riforme “Vision 2030” lanciato da Mbs e i programmi di privatizzazione, soprattutto nella sanità e nell’istruzione, Ankara intende moltiplicare gli investimenti, incentivando una crescita da tempo al palo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/05/2022
0307/2022
San Tommaso apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

LE COSE DA FARE PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

La selezione dei nostri candidati alle amministrative nelle città importanti è già partita. Il segretario nazionale Gianfranco Amato ha presentato ufficialmente nella sua trasmissione su Popolo della Famiglia Tv (in onda anche sul digitale terrestre e sul canale 891 di Sky il lunedì alle 20) il grande Filippo Grigolini da cui ci aspettiamo un importante risultato nella sfida più appassionante del Nordest, quella per la carica di sindaco di Verona. A Crema presentiamo Luca Grossi, anche qui carichi di aspettative. Nei prossimi giorni Amato ufficializzerà le ulteriori candidature finché non copriremo tutto il territorio nazionale. Io personalmente mi occuperò di essere fisicamente presente anche nei comuni più piccoli per suscitare e sostenere liste del Popolo della Famiglia, ho già un calendario fitto di piccoli centri da scoprire da Riolo Terme venerdì a Borgomanero la settimana prossima e così via. Ovunque si voglia organizzare un’iniziativa con finalità di radicamento del Popolo della Famiglia io sono a disposizione basta scrivere a [email protected] e cercherò di farmi in quattro per arrivare.
Vorrei fosse chiaro a tutti: siamo alla prova decisiva, ci giocheremo molto del nostro percorso nei prossimi sei mesi e dobbiamo farci trovare assolutamente organizzati e pronti. Ripeto, un’occasione così non tornerà mai più. E dunque volare oooh, cantare oo-oo-oo-oh. Nel blu dipinto di blu del simbolo del Popolo della Famiglia, del manto di Maria che volga sempre il Suo sguardo benevolo su di noi.

Leggi tutto

Politica

NOI O LORO: LA SCELTA È FACILE

Il 3 e 4 ottobre la scelta è semplice: noi o loro. Loro vanno di moda, hanno partiti grandi e ricchi e potenti e ipercitati dai media, ma sono attraversati da una fragilità valoriale che ormai sfocia nell’insensatezza esistenziale, non sanno neanche più perché stanno insieme se non per la caccia al potere. Loro o noi. Noi siamo piccoli ma sapete perfettamente chi siamo, cosa vogliamo, cosa ci anima, noi abbiamo una faccia sola e di questi tempi è il bene più prezioso. Non ci interessa il potere per il potere, non puntiamo alle poltrone, lo abbiamo dimostrato. Noi puntiamo al governo delle comunità e del Paese solo alle nostre condizioni, solo per realizzare quel che promettiamo, per portare in Italia quella cultura della famiglia e della vita che sola può sconfiggere i cinici nichilisti mortiferi che tanto di moda vanno in questo momento nel nostro Paese. Ma le mode passano. La famiglia resta: è l’ancoraggio vero, per tutti.

Leggi tutto

Politica

PDF alle elezioni, le date fondamentali

In appena 90 giorni potremmo trovarci davanti ad un’Italia trasformata dalla grande sorpresa di un’affermazione del Popolo della Famiglia al voto, che si tiene a 65 giorni esatti da adesso. Vale la pena di essere protagonisti di questa lotta per il cambiamento, per la famiglia, per la vita.

Leggi tutto

Politica

CIAMPINO, IL POPOLO DELLA FAMIGLIA SOSTIENE DANIELA BALLICO

DI MATTEO (PDF): “PORTEREMO I TEMI DELLA FAMIGLIA AL CENTRO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE”

Leggi tutto

Politica

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

Fino a pochi giorni fa Massimo Gandolfini si limitava a ignorare inelegantemente le attività e la stessa esistenza del Popolo della Famiglia. Arrivati all’ultimo giro, la sua preoccupazione sembra
essere anzitutto legata alla delegittimazione attiva dell’opzione di autonomia del PdF. Eppure il 4 marzo arriverà e trascorrerà: allora sarà il caso di non essere diventati autenticamente nemici.

Leggi tutto

Politica

Giornate dense

Il Popolo della Famiglia prosegue la sua opera per cambiare la società e la gente lo segue

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano