Storie

di Roberto Signori

PAKISTAN - Fare di più per tutelare la libertà religiosa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La condizione della libertà religiosa in Pakistan desta preoccupazione: assistiamo a dozzine di episodi di violenza della folla, all’uso improprio delle leggi sulla blasfemia, conversioni forzate e profanazione dei luoghi di culto. La violenza in nome della religione è in aumento a causa della mancanza della capacità del governo di fermare la radicalizzazione e l’estremismo religioso nonostante avrebbe dovuto essere l’agenda prioritaria essere un impegno per il Piano d’azione nazionale 2014 per la lotta al terrorismo”. Lo afferma in una nota Joseph Jansen, presidente di “Voice for Justice” (VFJ), organizzazione pakistana impegnata per i diritti umani e la libertà religiosa. Accanto a “Voice for Justice”, diverse associazioni della società civile si sono espresse dopo che la Commissione USA sulla Libertà religiosa (US Commission on International Religious Freedom, USCIRF), organismo indipendente, nell’ultimo Rapporto del 2022, rileva che il Pakistan “non ha adottato misure efficaci per affrontare le violazioni della libertà religiosa, comprese la violenza della folla e le uccisioni extragiudiziali nel nome di religione”.

Condividendo queste preoccupazioni, la società civile esorta il governo a introdurre misure per prevenire atti di discriminazione e violenza contro le comunità religiose e ad adottare riforme politiche per promuovere la tolleranza e la diversità. Afferma Jansen: “Abbiamo osservato che l’azione tempestiva da parte delle forze dell’ordine nei casi relativi ad accuse di blasfemia può aiutare a prevenire la violenza della folla e salvare vite umane. Ma questo è possibile solo se la polizia assolve al suo compito di mantenere la legge e l’ordine e di proteggere gli accusati dalle uccisioni extragiudiziali”.

Asif Bastian, altro leder impegnato in VFJ, nota che “è deplorevole che semplici accuse di blasfemia siano diventate una giustificazione per l’uccisione di un blasfemo senza alcuna indagine, come evidenziato in diversi episodi: il linciaggio di Priyantha Kumara Diyawadana a Sialkot il 3 dicembre 2021; il linciaggio di Mushtaq Ahmed, una persona con problemi di salute mentale a Khanewal l’11 febbraio 2022; o l’uccisione di una insegnante di seminario, Safoora Bibi a Dera Ismail Khan il 29 marzo 2022. Questa tendenza a farsi giustizia da soli, con violenza, deve essere scoraggiata per sviluppare una società rispettosa dello stato di diritto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/05/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Renzi, il ddl Cirinnà, la responsabilità della Chiesa italiana

Arrivano messaggi in codice alla Cei, noi proviamo a decrittarli per voi, dopo la sentenza della Corte Suprema americana

Leggi tutto

Chiesa

Vescovi Usa: approvato il documento sull’Eucaristia

Con 222 voti favorevoli e 8 contrari, la Usccb, riunita in plenaria a Baltimora, dà il placet al testo “Mistero dell’Eucaristia nella vita della Chiesa”.

Leggi tutto

Chiesa

Pakistan - La Chiesa aiuta il reinserimento di ex detenuti

La Chiesa cattolica ha continuato a sostenere i 42 prigionieri cristiani rilasciati dal carcere dopo cinque anni. Questi 42 uomini sono stati arrestati per aver distrutto proprietà del governo e per aver ucciso due uomini musulmani sospettati di essere collegati agli attentatori suicidi che avevano attaccato le chiese a Youhanabad, quartiere di Lahore, il 15 marzo 2015.

Leggi tutto

Chiesa

Colombia: attacchi alla libertà religiosa e di culto: “deplorevoli e inaccettabili”

Monsignor Luis José Rueda Aparicio, Arcivescovo di Bogotá e Presidente della Conferenza episcopale (CEC), ha affermato che si tratta di “atti di irrazionalità” che si rivelano “segni deplorevoli e inaccettabili”.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Cristiani ricercati per svolgere i lavori più umili

In Pakistan circa il 95% degli operai addetti alla pulizia e alla sanificazione di strade, ospedali, scuole e istituti pubblici, fogne, appartiene alle minoranze religiose. Il fatto che questi operatori appartengano alle minoranze religiose si lega all’antica concezione castale ancora presente nelle società del subcontinente indiano, che riserva alle caste più basse i lavori più umili. Sono lavori che i musulmani rifiutano. “Si tratta di un doppio standard”, ha scritto in passato la Commissione “Giustizia e Pace” dei Vescovi cattolici del Pakistan, lamentando “il trattamento discriminatorio riservato alle minoranze religiose”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il caos in Nicaragua

Papa Francesco all’Angelus: si possano trovare nuove basi per una convivenza rispettosa e pacifica

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano