Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Le significativamente poco conosciute classi sociali odierne

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tanti apparentemente scientifici studi sociologici si guardano bene dal rilevare cosa accade davvero alla composizione della nostra società.

Antonio Gramsci sviluppa una riflessione su una presa del potere senza rivoluzione armata. Una élite illuminata cerca di prendere piede, di espandersi tra gli esponenti della cultura, dell’educazione, dell’informazione, nei gangli dello stato… Si crea un sistema che prende di fatto a dominare anche quando non ha la maggioranza alle elezioni. Tra l’altro dunque un sottile imporre il proprio politically correct e uno screditare gli altri orientamenti e persino le persone, in ogni modo. Più radicalmente possiamo osservare che è in realtà la cultura dell’astratto razionalismo che sviluppa nel tempo le sue conseguenze.

La storia ha ampiamente dimostrato che il risultato non è la liberazione del popolo condotto da questi illuminati. Si forma invece un vasto apparato che tende a controllare tutti i punti sensibili di vario potere. Dunque codici, parole d’ordine, che teleguidano automaticamente i soggetti del sistema. I quali ne ricavano lavoro, prestigio, disinteressandosi di una ricerca personale e comunitaria del vero.

Si impone un pensiero unico che si traveste da oggettività scientifica, dove tutto ciò che è tecnicamente possibile può divenire anche giusto e lecito. Una cultura assolutizzata, isolata da una vitale crescita comune, confrontata. L’uomo viene svuotato, omologato, reso succube di ogni proprio istinto. Lontano da sé stesso e dagli altri. Un tale sistema non può dunque che venire sempre più mosso dal potere, dal denaro. Tendendo ad infiltrarsi in ogni ambito attraverso gli automatismi dei ruoli, delle competenze, predefiniti, incanalati.

Ne scaturisce dunque una classe di burattini del potere di pochi. E al fondo della tecnica stessa. Il popolo viene impossibilitato alla libera scelta dell’educazione nell’identità ricercata e nello scambio con le altre, ad una partecipazione reale nell’informazione. Sempre più estraniato dalla propria storia, da una ricerca libera e liberamente confrontata viene denigrato per la sua immaturità se non segue il sistema nel suo falso omologante filantropismo. Non si è formati al dialogo ma al bianco o nero, senza sfumature. Senza crescita, partecipazione, scambio, non si legge o si legge solo quello che già si pensa. Per cui cercare il vero ovunque si trovi al di là di ogni schema prefabbricato è ancor più in tale situazione un germe di rinascita anche sociale. Anche cominciando dal poco che realmente si può. E allo stesso modo il dare spazio al vero.

È la storia che mostra il formarsi dunque di una elite di spesso involontari, per il bisogno di lavorare, servi del potere e di una crescente maggioranza di persone espropriate di tutto, di ogni libera umanità. E, sia pur talora per le cause suddette in modo meno maturo, naturalmente esasperate dal sistema dominante. Anche per gli effetti pratici di una società che svuotata di valori va verso un crollo generalizzato.

Anche qui è dunque interessante osservare che il potere interpreta tecnicamente tale ribellione come dovuta alla crisi economica. Senza voler ma forse anche senza poter comprendere che è principalmente la profonda alienazione a causarla e a farla vivere in questo modo. Le persone, la comunità, le reti, la società, la terra, stanno morendo ma il sistema persevera in automatico.

Sarà necessario che si giunga all’irreparabile per ricominciare? Nella Bibbia vediamo più volte che popoli sull’orlo dello sfacelo si riprendono per aver ascoltato qualche profeta inviato dal Signore, per la conversione talora anche di una minoranza. E vediamo che la salvezza non viene da opere da energumeno ma dal semplice cercare di lasciarsi portare, crescere, dalla luce serena donata dal Padre. Cinque pani e due pesci, bagnarsi nel fiume Giordano… Fidarsi dunque dello Spirito che Dio infonde a misura, con mille, ricche, sfumature, anche ad un ateo. Graduali, sincere, realmente possibili, aperture, anche controcorrente, che aiutano a costruire un mondo nuovo.

Orientarsi dunque verso le basi autentiche dello sviluppo personale e civile: la libera educazione nell’identità ricercata e nello scambio, l’informazione realmente partecipata. Finché non ci si muoverà, sia pure nei tempi e nei modi adeguati, in tale direzione potranno non di rado facilmente crescere movimenti politici antisistema ma in procinto di divenire sistema anch’essi. Solo la libera maturazione, collaborazione, delle persone può attenuare tanti limiti, tanti pericoli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Ripensando alla vicenda del senza tetto che non desiderava ospitalità

«Si vergognano di vergognarsi – diceva Agostino – e non si vergognano di non vergognarsi»: il cinismo del vicesindaco leghista di Trieste ha scatenato un’ondata d’indignazione sui social e nei
media tradizionali. Lo stesso politico è tornato a cercare di rabberciare lo strappo (allargandolo): la lezione intramontabile in materia la danno da sempre santi come fratel Ettore Boschini.

Leggi tutto

Società

Anpr: certificati anagrafici online per i cittadini

A partire dal 15 novembre i cittadini italiani ovunque residenti potranno scaricare i certificati anagrafici online in maniera autonoma e gratuita, per proprio conto o per un componente della propria famiglia, senza bisogno di recarsi allo sportello.

Leggi tutto

Storie

La crisi Ucraina

Confidiamo sempre nella Provvidenza, che possa riparare alla inettitudine di questa generazione di capi di stato incapaci di vedere il vero Bene dei popoli che amministrano.

Leggi tutto

Chiesa

La Curia Romana e la scuola

La strutturazione essenziale della Curia Romana può suscitare molte domande e riflessioni. Quanto si dia davvero spazio alla comunione, alla partecipazione, in vario modo anche del popolo. Rimuovendo per esempio formalismi di apparato come le cosiddette competenze che tali sono in modo molto distorto quando non inserite in una più libera e profonda crescita di tutti e di ciascuno.

Leggi tutto

Chiesa

Il viso espressivo di monsignor Castellucci

Mons. Castellucci non è nuovo per la mobilitazione pubblica e personale in favore della vita umana nascente. Nello scorso aprile ha partecipato ad esempio alla grande mobilitazione prolife organizzata nel centro di Modena con un corteo e un momento di preghiera che ha coinvolto oltre 350. Quando la proposta gli è giunta alle orecchie, subito il vescovo, non se l’è lasciata sfuggire, tanto più in occasione del Giubileo della Misericordia. «Può essere un segno - ha spiegato l’arcivescovo - e un modo per dire che la vita vale sempre. La Misericordia si manifesta fin dall’inizio. Ci sono tre elementi deboli nella vita umana: l’origine, l’esposizione e la fine. Non sempre si dà attenzione al livello normativo e culturale». Se la vita vale in quanto tale, i cristiani sono chiamati a un compito. «Dobbiamo avere uno sguardo più profondo», sostiene quindi mons. Castellucci, che si ottiene «guardando ai più piccoli, come fatto da Gesù Cristo: per essere grandi siate come i bambini».

Leggi tutto

Società

Nuove vie di rinascita personale e sociale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano