Politica

di la redazione

Asti: ecco il candidato del PDF

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si aggiunge un contendente nella griglia di partenza delle elezioni amministrative cittadine, in programma il prossimo 12 giugno. Questa mattina, infatti, il Popolo della Famiglia, movimento politico presieduto da Mario Adinolfi ha annunciato ufficialmente la sua volontà di partecipare alla partita con un proprio candidato.

“Ad Asti porteremo una vita nuovaha affermato il coordinatore regionale del PdF, Lucianella Prestadopo una fase di trattative, interessanti e costruttive, per verificare la possibilità e l’opportunità che la nostra lista confluisse in una coalizione, ci siamo resi conto che eravamo pronti e nelle condizioni di concorrere da soli, per non rischiare di attenuare la portata innovativa, direi, rivoluzionaria, anzi, “controrivoluzionaria” delle nostre proposte”.

Già chiari alcuni punti del programma, ovviamente molto cari al Popolo della Famiglia: “Noi partiamo dalle radici del problema: combattiamo la cultura di morte imperante nel nostro Paese. Prima di tutto favoriremo tutte le iniziative a favore di un incremento della natalità, affinché l’azienda più attiva in Asti non sia l’INPS, che eroga pensioni ad una cittadinanza, nella sua maggioranza, anziana. Se non nascono bambini, spariranno le pensioni. La cultura di morte che il nostro governo appoggia ci ha addirittura coinvolto in una guerra che non gli appartiene. Anche Asti nelle sue piccole e medie imprese a conduzione familiare, già provate dalle imposizioni conseguenti al COVID, ne subirà pesanti conseguenze. Noi agiremo a livello locale ma guardando lontano, così da incidere nel profondo. Una cultura della vita favorirà le giovani coppie, la salvaguardia dei bambini, la sicurezza delle famiglie. Asti sarà davvero a misura di famiglia. Tra i nostri sostenitori e simpatizzanti abbiamo famiglie numerose, segnate anche dalla presenza di disabili, eppure esempio di generosa dedizione e di autentica gioia. Cittadini esemplari perché genitori esemplari. Ad Asti porteremo la controrivoluzione del vero Bene”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/05/2022
2811/2022
San Giacomo della Marca

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I Millennials lo fanno, si ma senza un perchè

Tanta “informazione” si perde alla fine nel bicchiere di progetti astrusi che non guardano alle domande dei ragazzi

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Storie

La confessione triste e postuma di George Michael

Una confessione totalmente inattesa giunge dalla memorie di George Michael che prima di morire, parlando della sua vita l’ha definita “ un’intera perdita di tempo”.

Leggi tutto

Politica

Il problema con la libertà dei politici al governo

In almeno tre occasioni, recentemente, i pentastellati hanno messo in mostra un temperamento decisamente illiberale. Primo fra tutti, il tentativo di abolire la prescrizione dopo la sentenza di primo grado. Con la scusa di azzerare l’impunità dei “corrotti” il M5S vuole scardinare una libertà essenziale come la presunzione di innocenza dei cittadini.

Leggi tutto

Politica

La terza via sulla quale deve puntare il popolarismo sturziano dopo le Europee

Impossibile pensare di indulgere – come fanno i movimenti populisti – sull’opzione di vellicare “la pancia del Paese” (cioè le sue voglie e le sue paure)

Leggi tutto

Politica

Rimini, candidati del Pd uomo e donna si scambiano i vestiti

Continua la propaganda del PD a favore delle minoranze e contro i valori che il Popolo della Famiglia continua a difendere!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano