Politica

di Giuseppe Udinov

Segreto militare sui vaccini, report sulla sicurezza negati dall’Ema

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le case farmaceutiche, almeno sulla carta, sono obbligate a presentare i rapporti sula sicurezza dei vaccini anti Covid, ma le associazioni che ne hanno fatto richiesta non hanno ancora potuto visionare i documenti. L’Ema, l’Agenzia europea per i medicinali, per motivare il suo diniego alle richieste parla anche di ordine pubblico e segreto militare.

A garantire il carattere pubblico dei rapporti sulla sicurezza dei farmaci c’è una determina dell’Aifa, l’Agenzia nazionale del farmaco che è stata anche pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

Questa regola, però, sembra non essere applicata ai vaccini anti Covid di Pfizer-Biontech, Moderna, Astrazeneca e Johnson&Johnson. I dati sembrano essere un vero e proprio segreto.

Secondo quanto riportato dal Fatto Quotidiano, due associazioni di promozione sociale, la Idu, Istanza diritti umani, di Novara, e la Dus, Diritti umani e salute, di Roma, ne hanno fatto richiesta, ma sono stati negati loro i documenti.

A spiegare l’accaduto è Enzo Iapichino, uno dei legali delle associazioni le quali hanno poi presentato una querela alla Procura di Roma contro Aifa, il Ministero della Salute, il Comitato tecnico-scientifico, l’Istituto superiore di sanità. Nella denuncia vengono indicate diverse ipotesi di reato dall’omissione di atti d’ufficio al falso ideologico

Come riportato dal giornale, il direttore generale dell’Aifa, Nicola Magrini ha risposto alla richiesta delle associazioni spiegando che i rapporti sulla sicurezza dei vaccini hanno natura riservata, sono di proprietà delle case farmaceutiche e soprattutto che Aifa non detiene la documentazione richiesta.

Magrini avrebbe detto alle associazioni di rivolgersi a Ema, l’Agenzia europea del farmaco, e così hanno fatto.

Ema ha opposto un diniego, indicando tre motivi. “Primo: i report non possono essere divulgati per non pregiudicare il processo decisionale sull’autorizzazione incondizionata. Secondo: rientrano nelle eccezioni del loro regolamento, che attengono all’ordine pubblico e al segreto militare. Terzo: l’interesse di non incidere sulla decisione finale, che riguarda appunto l’autorizzazione, prevale sull’interesse pubblico”.

Iapichino ha definito assurda la risposta “perché in Italia abbiamo intere categorie obbligate a vaccinarsi”. La conclusione dell’avvocato è “che manca la trasparenza da parte delle istituzioni.


Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/05/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Nessun aumento per le persone con invalidità

Nessun aumento per le persone con invalidità. In una Legge di Bilancio da 30 miliardi di euro, infatti, non è stato reperito nemmeno un centesimo per l’incremento degli assegni che a fine mese vengono erogati agli invalidi.

Leggi tutto

Storie

Elio e le Storie Tese cantano l’aderenza terapeutica

Sono ancora 4 milioni le persone che ogni anno in Europa perdono la vita a causa delle malattie cardiovascolari, nonostante negli ultimi due decenni si stia assistendo a un progressivo calo della mortalità.

Leggi tutto

Media

L’osceno agire dei media contro i no vax

Pessima ed inaccettabile la violenza con cui i media si lanciano contro i no vax

Leggi tutto

Politica

PDF: insegnante lavora da 5 mesi senza stipendio

Il Popolo della Famiglia Marche, in forza all’art. 36 della Costituzione, invita l’Ufficio scolastico regionale ad occuparsi della questione e a risolverla nel più breve tempo possibile. “

Leggi tutto

Società

Cristianofobia in Francia

Quasi novecento atti anti-cristiani in un anno, quasi 1700 atti anti-religiosi nello stesso periodo. Anche in Francia, i cristiani restano i fedeli più sotto attacco, con un trend che va dai 700 ai 900 atti anti-cristiani l’anno che non accenna a diminuire

Leggi tutto

Storie

Intervista a don Moreno Cattelan, sacerdote italiano in Ucraina

Intervista a don Moreno Cattelan, sacerdote italiano in Ucraina sulla drammatica situazione nel Paese

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano