Media

di Stefano Di Tomassi

OSTIA, AL X MUNICIPIO IL FILM ‘UNPLANNED”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Unplanned - Cinema San Timoteo, 10 Maggio ore 18 e ore 21 (Via Apelle 1, Casal Palocco), proiezione di “Unplanned”: si stralcia la maschera dell’ipocrisia globalista sul X Municipio di Roma. Una storia vera che sta ‘terremotando’ gli Stati Uniti e i Paesi dell’occidente cosiddetto mondo iper civilizzato.

Si spera in questo modo di avviare un dibattito, un confronto, una ricaduta sul Territorio e nelle Scuole anche grazie ad altri temi sollevati da un cineforum libero, attento e critico.

Pro Vita X Municipio in collaborazione con il Cinema parrocchiale mostrano al Territorio e al mondo cosa accade realmente nelle cliniche dell’aborto, cosa è nascosto dietro lo sventolio degli slogan “diritti civili”, cosa certi pseudo democratici combinano dietro le vostre spalle, dall’inizio della nostra esistenza fino alla fine.

La battaglia sta attirando anche l’attenzione della Commissione Cultura della Prefettura di Ostia - Diocesi di Roma.

Quest film, che non a caso esce fuori dai circuiti commerciali tradizionali, non è basato sull’interpretazione di una realtà in senso religioso, filosofico, metafisico, ideologico: il film che potrete vedere racconta i fatti non opinionizzabili la verità, la storia vera di Abby Johnson esposta nel film di Chuck Konzelman, Cary Solomon con Ashley Bratcher, Robia Scott.

La realtà mercificata “d/all’embrione”. Tutto questo ben confezionato dai Media. Strumento di controllo, potere quanto mai all’apice della forza, come ci dimostra anche l’ultimo scenario globale, i media cercano di condizionare le nostre vite quanto più sono un mezzo strategico dei regimi dominanti. Un mercato spregiudicato e un iper liberalismo violento e schiavizzante ci hanno voluto dapprima come soggetti di consumo e oggi oggettivizzano le persone fino ad arrivare a commerciare sulla loro vita e sulla loro morte.

E’ questo il tema generale di “Unplanned” che svela la trama mondiale intorno agli affari sull’aborto, sui feti, ma che fa intravedere nella penombra anche l’enorme business che i cosiddetti “diritti civili” tanto sbandierati dai colori della natura altro non sono che il paravento che nasconde un grande affare nel quale la merce è la nostra natura umana dal concepimento fino alla cosiddetto termine fine vita.

Fermo restando il considerare in casi in cui l’aborto sia un diritto per quella estrema ratio che è il concepimento frutto delle violenze, Unplanned aspetta chi ha il coraggio di guardare oltre e di essere per tanto libero e in cuor suo, o per fede o per coscienza, pensare: anche se tutti io no.

PER PRENOTARSI CONTATTARE BARBARA E FRANCESCA—-> 338.9833156 / 375.5165238

http://cineteatrosantimoteo.com/2022/04/unplanned-la-storia-vera-di-abby-johnson/

SINOSSI:

Abby Johnson (Ashley Bratcher) è una giovane ragazza al primo anno di college. Un giorno incappa in uno stand di Planned Parenthood (una delle più grandi catene statunitensi di cliniche abortiste) nel campus e nonostante i suoi valori pro-life, si fa convincere a diventare una volontaria, poiché affascinata dal discorso che le fanno sul voler ridurre il numero di aborti. Una volta laureata, viene assunta come accompagnatrice delle donne che desiderano abortire (per “proteggerle” dai manifestanti pro-life che fuori della clinica cercano di dissuaderle) e nel 2008 diventa responsabile di una clinica a Bryan, in Texas. A settembre dell’anno successivo, un fatto cambia per sempre la sua vita. Un giorno c’è carenza di personale nella struttura in cui lavora, quindi viene chiamata ad assistere il medico durante un aborto di una donna incinta alla tredicesima settimana. Mentre effettua l’ecografia, in modo che il dottore possa muoversi con l’aspiratore all’interno dell’utero, Abby vede chiaramente il bambino, perfettamente formato, che si contorce convulsamente cercando di sfuggire alla cannula che ha il compito di risucchiarlo. Non può fare a meno di pensare a sua figlia e ai due aborti volontari avuti al tempo dell’università, a come si sia illusa e a come sia stata ingannata su ciò che avviene realmente durante questa brusca interruzione della gravidanza. In lacrime, cerca l’aiuto di una volontaria pro-life incontrata anni prima, Marilisa (Emma Roberts), e con cui è rimasta in contatto, che insieme al marito dirige un’associazione a favore della vita. Abby decide di licenziarsi da Planned Parenthood e inizia a lavorare insieme a loro come volontaria. L’organizzazione abortista la denuncia per aver rivelato informazioni confidenziali sui protocolli interni, ma quest’azione ha un sorprendente effetto boomerang che dà enorme risonanza alla storia di Abby. La notorietà della donna aumenta, anche per il comportamento intimidatorio e scorretto della Planned Parenthood, che tenta di screditare l’ex dipendente e di convincerla a smettere di raccontare della sua esperienza nella clinica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/05/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La commissione Giustizia USA dà udienza sullo scandalo Planned Parenthood

È arrivato ai più alti vertici dello Stato federale il caso della clinica abortista accusata di vendere pezzi di neonati. In aula si discutono i video del Center for Medical Progress. Testimoni bipartisan (presente anche Gianna Jessen) per una disputa politica e sociale che si fa incandescente ora dopo ora

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

Chiesa

La Madonna che viene dal mare

L’Osservatore Romano racconta la vicenda dell’antica immagine della Vergine esposta nella Basilica vaticana

Leggi tutto

Politica

Padre Maccalli: “Davanti a Dio non ci sono figli di serie B”

In questo tempo di zoom e reportage quotidiani sulla guerra in Ukraina, aiutiamo l’opinione pubblica a non considerare nessuno ostaggi di serie B.”

Leggi tutto

Media

Sinistra: due pesi, due misure, da Goldrake a Peppa Pig

La solita storia, la sinistra e la democrazia ad orologeria…...

Leggi tutto

Società

Sposatevi e figliate… spieghiamolo bene

Uno scritto privato di una nostra autrice è diventato virale sui social (addirittura venendo spacciato per “omelia di Natale” di un sacerdote). La stessa s’interroga oggi sul contenuto di quel testo che ha innescato la viralità. Non si fanno classifiche tra le madri e le non-madri, o tra le casalinghe e le donne in carriera: però la vita esige un vero impegno per la fecondità.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano