Società

di Roberto Signori

Influencer ‘cattivi maestri’

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Cioccolato, dolci, bevande zuccherine e junk food. Tre quarti dei post a tema alimentare pubblicati dagli influencer sui social media hanno come protagonista prodotti non salutari. E’ quanto emerge da uno studio di due ricercatrici della Medical University di Vienna, che hanno passato in rassegna l’attività social di influencer tedeschi su TikTok, Instagram e YouTube e hanno scoperto che i cibi e le bevande postati sono “così malsani da non rispettare gli standard della pubblicità per bambini indicati dall’Organizzazione mondiale della sanità”.

La ricerca è stata presentata al Congresso europeo sull’obesità di quest’anno a Maastricht, nei Paesi Bassi. Le autrici, Maria Wakolbinger e Eva Winzer, hanno scoperto che il 75% del cibo e delle bevande in primo piano aveva un contenuto elevato di sale, grassi o zucchero e non sarebbe consentito per la commercializzazione ai bambini. La maggior parte di questi contenuti, peraltro, non era chiaramente segnalata come pubblicità. Dei 364 video/post (quasi 13 ore di riprese), un quarto presentava cibi o bevande (409 prodotti), inclusa la metà dei video su YouTube, quasi un quinto (17%) su TikTok e il 7% su Instagram, equivalente a una media di 18 prodotti all’ora. Quindi, seguendo questi influencer, gli adolescenti vedono il marketing di 18 prodotti ogni ora, tutti non sani.

Nel dettaglio, sulla base del modello del profilo nutrizionale dell’Oms, il 75% degli alimenti e delle bevande presenti sono stati considerati malsani e non dovrebbero essere commercializzati ai bambini; il 17% era consentito, e l’8% non può essere determinato a causa della mancanza di informazioni nutrizionali o non rientra in nessuna delle due categorie. I ricercatori austriaci hanno analizzato i pasti, gli snack e le bevande che sono apparsi nei post e nei video di 6 degli influencer di lingua tedesca (3 uomini e 3 donne) più famosi tra gli adolescenti di età fra 13 e 17 anni, con un totale complessivo di oltre 35 milioni di follower o abbonati. Cioccolato e dolci sono stati i prodotti più comunemente pubblicati dagli influencer. I cibi pronti rappresentavano il 9% dei post.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/05/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Presentata al Bambino Gesù la Carta dei Diritti del Bambino Inguaribile

Dopo i casi Alfie e Charlie, l’Ospedale pediatrico della Santa Sede ha messo a punto un documento per promuovere l’alleanza terapeutica e il sostegno ai bambini con malattie gravi e inguaribili. Qualcosa si può e si deve fare affinchè certi casi non si verifichino più!

Leggi tutto

Storie

Cris Galera, prima si sposa poi divorzia

Aveva sposato se stessa per «self love» appena tre mesi fa e la singolare notizia aveva fatto il giro del mondo incontrando l’entusiasmo di una nuova categoria di romantici. Ma ora la storia d’amore dell’influencer brasiliana Cris Galera sembra già arrivata al capolinea: la 33enne ha deciso di chiedere il divorzio. Da se stessa.

Leggi tutto

Società

La povertà alimentare in Italia

L’articolo pubblicato su Social Indicators Research fa parte di una serie di studi sulla povertà che alcuni degli statistici dell’Università di Pisa portano avanti da diversi anni, facendosi promotori e membri dal 2015 del Centro Interuniversitario di Ricerca e Servizi sulla Statistica Avanzata per lo Sviluppo Equo e Sostenibile – Camilo Dagum.

Leggi tutto

Società

Gli italiani si informano sempre di più su salute e prevenzione

Negli ultimi 12 mesi, l’85% degli italiani si è informato su salute e prevenzione, in crescita rispetto al 73% del 2020 e al 42% del 2016. Una conseguenza del Covid, sicuramente, ma non solo, visto nel medio periodo il trend era già in aumento, spiegano gli analisti di Ipsos.

Leggi tutto

Società

Il libro che avrei voluto scrivere per mia figlia adolescente (e non solo)

Cosa significa educare al Bello quando si tratta di sessualità? Significa ridare alla persona il ruolo centrale, senza estrapolare i suoi genitali da un contesto complesso: Thérèse Hargot, infatti, parlando di sessualità, sta molto attenta a smontare pezzo per pezzo le ideologie tronfie della Sessuologia pornificata della nostra cultura, che tende a rendere la persona l’oggetto attraverso cui godere (rapidamente e
irresponsabilmente) attraverso ridicole pratiche erotiche piuttosto noiose. T

Leggi tutto

Storie

Novara: prime somministrazioni pillola Molnupiravir

Il Molnupiravir va prescritto in determinate condizioni, in particolare nei pazienti con fragilità (oncologici, trapiantati, immunodepressi, grandi obesi). Il vantaggio principale di questa pillola è che il malato non ha necessità di recarsi in ospedale ma, la assume al proprio domicilio.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano