Storie

di Roberto Signori

Bimbi sani in Europa, i disabili gravi restano a Kiev

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I bambini sani vanno in Europa, quelli gravemente disabili rimangono a Kiev. È l’amara decisione, maturata con la guerra in diversi orfanotrofi ucraini, che ha esasperato le difficoltà degli istituti di accoglienza dei minori, in gran parte risalenti al regime sovietico, che spesso, già prima del conflitto, lamentavano carenza di cibo e medicine. Lo ha rivelato l’associazione Disability rights international (Dri) presentando i risultati delle ispezioni effettuate a fine aprile in sette strutture dell’Ucraina occidentale. Le condizioni in cui sono stati relegati i piccoli costretti a restare perché affetti da gravi deficit fisici e cognitivi, sintetizza il rapporto, possono essere «atroci».

I dettagli dell’inchiesta parlano di bambini disabili abbandonati a se stessi sui lettini ammassati in stanze senza aria e senza luce. Di corpi maleodoranti, immobili da chissà quanto, feriti dalle piaghe. Di braccia strette in camicie di forza. Dei lamenti di un idrocefalo a cui da tempo non vengono somministrati i farmaci. Orrore. Sulla descrizione del dramma pesa l’idea che alcuni di questi piccoli siano stati trasferiti a ovest di Kiev dalle regioni orientali, quelle più esposte ai bombardamenti dell’esercito russo, con un viaggio che avrebbe invece potuto portarli fuori dall’Ucraina, in Italia, Polonia o Germania, come avvenuto per gli altri minori evacuati. Perché, ci si chiede, non è stata data anche a loro questa opportunità? La disabilità grave, soprattutto cognitiva, è purtroppo fonte di paura e pregiudizio in ogni società. Nella regione del conflitto tra Mosca e Kiev, spiega Eric Rosenthal, è considerata come «non recuperabile». Ci si preoccupa solo di tenerli in vita, aggiunge, «di assicurare ai bambini, se possibile, il cambio del pannolino e della coperta».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/05/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Chi è che gode delle liti tra cattolici e luterani

Avvicinandosi il momento della visita di Papa Francesco a Lund, in Svezia, per l’apertura del “giubileo luterano”, si acuisce nel mondo cattolico la sensibilità sugli storici “temi del dissenso”. E l’occasione è buona per fare il punto del cammino percorso insieme – e delle grandi sfide del presente

Leggi tutto

Politica

Eu: all’Italia 4,7 miliardi per sostenere l’occupazione

La Commissione europea ha concesso 4,7 miliardi di euro all’Italia a titolo di REACT-EU per sostenere la risposta del paese alla crisi del coronavirus e contribuire a una ripresa socioeconomica sostenibile.

Leggi tutto

Storie

Picchiata a 14 anni dalla famiglia perché rifiuta il matrimonio combinato

Roma, la ragazza vuole studiare per diventare chirurgo. Ma i familiari la costringono a indossare il velo e a sposarsi con uno sconosciuto

Leggi tutto

Politica

L’inutile strage

Adinolfi: “Proteggiamo i civili ucraini dai folli che li stanno mandando a fronteggiare i tank russi armandoli con molotov e fucili, basta massacri, fermate l’inutile strage”

Leggi tutto

Storie

Italia – Armi negli aerei al posto degli aiuti umanitari

Italia – Le armi verso l’Ucraina partono anche dall’aeroporto Galileo Galilei di Pisa mascherate da “aiuti umanitari”

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: costruire un sistema di sicurezza collettiva

La Pontificia Accademia delle Scienze pubblica una lunga dichiarazione sulla prevenzione della guerra nucleare, elencando i rischi che essa porterebbe all’intera umanità

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano