Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Monsignor Russo vescovo di Velletri – Segni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si apre un nuovo capitolo nel servizio alla Chiesa di monsignor Stefano Russo, finora vescovo emerito di Fabriano-Matelica e segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana. Papa Francesco, dopo aver accolto la rinuncia al governo pastorale della diocesi suburbicaria di Velletri-Segni, presentata da monsignor Vincenzo Apicella, lo ha scelto per questo incarico.

Sessantuno anni, monsignor Russo è originario di Ascoli Piceno dove è nato il 26 agosto 1961. Nel 1990 ha conseguito la laurea in Architettura all’università di Pescara, frequentando poi i corsi per il Baccalaureato in Teologia presso la Pontificia Università Lateranense. Solo un anno dopo l’ordinazione presbiteriale.

Per molti anni, dal 1990 al 2007, è stato presidente della Commissione Arte Sacra e Beni Culturali della diocesi di Ascoli Piceno e Incaricato per i Beni Culturali Ecclesiastici. Si è occupato anche di coordinare l’ufficio diocesano per gli interventi di recupero degli edifici di valore storico-artistico danneggiati dal terremoto nelle Marche. La competenza e la passione per l’arte lo hanno portato a ricoprire, per 10 anni fino al 2015, il ruolo di responsabile del Comitato dell’Ufficio Nazionale Beni Culturali Ecclesiastici della Cei. Il 18 marzo 2016 è stato nominato vescovo di Fabriano-Matelica. Due anni dopo è diventato segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana.

In un messaggio di saluto, monsignor Russo ha ringraziato il Papa per la fiducia e il cardinale Bassetti, presidente della Cei, per l’accompagnamento soprattutto in questi anni difficili segnati dalla pandemia. “Ogni chiamata - ha scritto il nuovo vescovo di Velletri - Segni - è una sorta di capovolgimento. In tutte queste chiamate ho amato la Chiesa e ho cercato di voler bene a tutte le persone che ho incontrato: vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose, laici e laiche”. Bassetti a sua volta ha ringraziato monsignor Russo per il lavoro svolto e per il “vivo esempio di amore alla Chiesa” perchè si è speso senza riserve.

Di queste orei anche la nomina a vescovo della diocesi di Lamezia Terme del reverendo Serafino Parisi, appartenente al clero di Crotone-Santa Severina, parroco e direttore della Scuola Biblica Diocesana. Inoltre il Papa ha accettato la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Città di Castello, presentata da monsignor Domenico Cancian, e ha nominato al suo posto monsignor Luciano Paolucci Bedini, vescovo di Gubbio, unendo le due Sedi in persona Episcopi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ora tutti in piazza

Ora il disegno è chiaro. Ora si capisce perché ieri tutte quelle paginate sulla “svolta pro gay” al Sinodo. Ve l’avevamo detto subito da queste colonne: occhio alla trappola, occhio che vogliono dividerci.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ha aperto il Sinodo

Nella Messa di apertura del percorso sinodale nella Basilica di San Pietro, Papa Francesco esorta a mettersi in ascolto per incontrare il Signore e gli altri, senza insonorizzare il cuore, senza blindarci dentro le certezze

Leggi tutto

Chiesa

Nasce il progetto “Lavoro per tutti”

L’annuncio da parte di suor Alessandra Smerilli, nel corso della presentazione in Sala Stampa Vaticana del Messaggio del Papa per la 55.ma Giornata Mondiale della pace.

Leggi tutto

Media

Guardare verso l’Alto, guardare verso l’altro

Libro del pontefice sul Vangelo di Luca. Nella nuova pubblicazione, edita dalla Libreria Editrice Vaticana,Papa Francesco spiega, domenica dopo domenica, il testo dell’evangelista della misericordia

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “le parole hanno un peso”

All’Angelus, Francesco invita a fare attenzione al linguaggio utilizzato che può “alimentare pregiudizi, alzare barriere” e “inquinare il mondo”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco a Kirill: diventiamo operatori di pace

Il Pontefice invia una lettera di auguri per la Pasqua al patriarca di Mosca: “Il passaggio dalla morte alla nuova vita in Cristo diventi una realtà per il popolo ucraino, desideroso di una nuova alba che porrà fine all’oscurità della guerra”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano