Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa: la liturgia non può dividere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Rivolgendosi ai professori, agli studenti ed ex studenti del Pontificio Istituto Liturgico Sant’Anselmo, presenti con il rettore e il preside in occasione del 60° anniversario della sua fondazione, Francesco ricorda la Costituzione Sacrosanctum Concilium con cui il Vaticano II impresse una spinta al rinnovamento della vita liturgica nella Chiesa indicandone tre dimensioni: la partecipazione attiva dei fedeli, la comunione ecclesiale, animata in particolare dall’Eucaristia, e l’impulso alla missione evangelizzatrice “che coinvolge tutti i battezzati”.

“Il Pontificio Istituto Liturgico è al servizio di questa triplice esigenza”, afferma il Papa. Lo studio della liturgia deve favorire la vita liturgica, fondamentale nella vita del cristiano, questo vuol dire “educare le persone ad entrare nello spirito della liturgia, ad ‘impregnarsi’ di esso. Da qui la prima indicazione:

Al Sant’Anselmo, vorrei dire, dovrebbe succedere questo: impregnarsi dello spirito della liturgia, sentirne il mistero, con stupore sempre nuovo. La liturgia non si possiede, no, non è un mestiere: la liturgia si impara, la liturgia si celebra. Arrivare fino a questoi atteggiamento di celebrare la liturgia. E si partecipa attivamente solo nella misura in cui si entra in questo spirito di celebrazione. Non è questione di riti, è il mistero di Cristo. (...) Tutto questo, nel vostro Istituto, va meditato, assimilato, direi “respirato”.

Lo studio della liturgia, prosegue il Papa, fa crescere nella comunione ecclesiale perché apre all’altro “al più vicino e al più lontano dalla Chiesa, nella comune appartenenza a Cristo”. Ma ci sono delle tentazioni:

Vorrei sottolineare il pericolo, la tentazione del formalismo liturgico, di andare indietro a forme, alle formalità più che alla realtà, che oggi vediamo in questi movimenti un po’ che cercano di andare indietro e negano proprio il Concilio Vaticano II: la celebrazione è recitazione, è una cosa senza vita, senza gioia.

Il Papa sottolinea che la vita liturgica deve “condurre a una maggiore unità ecclesiale, non alla divisione”. E avverte:

Quando la vita liturgica è un po’ bandiera di divisione, c’è l’odore del diavolo lì dentro, subito. L’ingannatore. Non è possibile rendere culto a Dio e allo stesso tempo fare della liturgia un campo di battaglia per questioni che non sono essenziali, anzi: per questioni superate e per prendere posizione, dalla liturgia, con ideologie che dividono la Chiesa. Il Vangelo e la Tradizione della Chiesa ci chiamano ad essere saldamente uniti sull’essenziale, e a condividere le legittime differenze nell’armonia dello Spirito.

La Chiesa, grazie alla liturgia, prolunga l’azione di Cristo in mezzo agli uomini e alle donne di ogni tempo, continua Francesco, e lo studio della liturgia deve restare fedele a questo, ma ciò non impedisce le riforme. A questo proposito il Papa aggiunge a braccio un’ampia riflessione osservando “che ogni riforma crea delle resistenze”. Rievoca quindi le reazioni alle riforme di Pio XII:

Io mi ricordo, ero ragazzo, quando Pio XII cominciò con la prima riforma liturgica, la prima: si può bere acqua prima della comunione, digiuno di un’ora… “Ma questo è contro la santità dell’Eucaristia!”, si stracciavano le vesti. Poi, la Messa vespertina: “Ma, come mai, la Messa è al mattino!”. Poi, la riforma del Triduo pasquale: “Ma come, il sabato deve risorgere il Signore, adesso lo rimandano alla domenica, al sabato sera, la domenica non suonano le campane… E le dodici profezie dove vanno?”. Tutte queste cose scandalizzavano le mentalità chiuse. Succede anche oggi. Anzi, queste mentalità chiuse usano schemi liturgici per difendere il proprio punto di vista. Usare la liturgia: questo è il dramma che stiamo vivendo in gruppi ecclesiali che si allontanano dalla Chiesa, mettono in questione il Concilio, l’autorità dei vescovi…, per conservare la tradizione. E si usa la liturgia, per questo.

La liturgia - ha poi osservato il Papa - spinge alla missione. Ciò che celebriamo ci porta infatti ad andare “incontro al mondo che ci circonda, incontro alle gioie e alle necessità di tanti” dentro e fuori la Chiesa: La genuina vita liturgica, specialmente l’Eucaristia, ci spinge sempre alla carità, che è anzitutto apertura e attenzione all’altro. Tale atteggiamento sempre comincia e si fonda nella preghiera, in particolare nella preghiera liturgica. E questa dimensione ci apre anche al dialogo, all’incontro, allo spirito ecumenico, all’accoglienza.

Le sfide del tempo presente, conclude il Papa, sono molto forti, “la Chiesa ha bisogno oggi come sempre di vivere della liturgia”. E’ importante perciò, continuare il lavoro di formazione alla liturgia in continuità con i Padri conciliari, “per essere formati dalla liturgia”. Ringraziando la comunità di studio del Sant’Anselmo per il servizio reso alla Chiesa, il Papa ricorda che “la Santa Vergine Maria insieme agli Apostoli pregavano, spezzavano il Pane e vivevano la carità con tutti”. Che la liturgia della Chiesa “renda presente oggi e sempre questo modello di vita cristiana”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/05/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Un abbonamento per il Papa

Papa Francesco dice in un’intervista che legge “solo Repubblica”. Noi gli offriamo un abbonamento gratuito a La Croce.

Leggi tutto

Politica

La libertè cancellata in Francia

La riforma liberticida, che dovrà ora affrontare l’esame del Senato, parte da un’iniziativa del governo di Hollande. Lo scopo che si prefiggono i socialisti è molto chiaro: spegnere la voce dei siti Internet curati da vari organismi pro-life. Una offensiva che fa il paio con la legge – approvata giusto un anno fa dalla maggioranza – che sopprimeva la settimana obbligatoria di riflessione per le donne intenzionate ad abortire. L’idea che si è voluta imporre è questa: la donna è sola arbitra della propria decisione di abortire, che da facoltà depenalizzata e concessa ad alcune condizioni si trasforma in un diritto individuale. Va dunque eliminata qualsiasi figura intermedia, va tolto di mezzo qualsiasi confronto un’istanza esterna alla propria volontà.

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Chiesa

Un Incontro con Franco Nembrini

La Traccia” è il nome di un particolarissimo istituto scolastico, fondato trent’anni fa dall’educatore bergamasco noto per le sue trasmissioni su Dante e su Pinocchio. Vi si tengono ben undici giorni di festa, con altrettante sere: in una di queste abbiamo incontrato “Franco” per una lunga chiacchierata

Leggi tutto

Politica

Alabama “dolce casa” di tutti noi

Quello della vita è un tema che forse è anche riduttivo considerare tale: la gratuità dell’amore da una parte, l’economicismo dello scarto dall’altra. Un tema che accende gli animi, i “rumori di fondo” dei casi-limite e delle proiezioni egoistiche, spesso pilotati da lobbies potentissime. La nuova legge, assai restrittiva in fatto di aborto, segna in realtà un passo avanti per i diritti di tutti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano