Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa: la liturgia non può dividere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Rivolgendosi ai professori, agli studenti ed ex studenti del Pontificio Istituto Liturgico Sant’Anselmo, presenti con il rettore e il preside in occasione del 60° anniversario della sua fondazione, Francesco ricorda la Costituzione Sacrosanctum Concilium con cui il Vaticano II impresse una spinta al rinnovamento della vita liturgica nella Chiesa indicandone tre dimensioni: la partecipazione attiva dei fedeli, la comunione ecclesiale, animata in particolare dall’Eucaristia, e l’impulso alla missione evangelizzatrice “che coinvolge tutti i battezzati”.

“Il Pontificio Istituto Liturgico è al servizio di questa triplice esigenza”, afferma il Papa. Lo studio della liturgia deve favorire la vita liturgica, fondamentale nella vita del cristiano, questo vuol dire “educare le persone ad entrare nello spirito della liturgia, ad ‘impregnarsi’ di esso. Da qui la prima indicazione:

Al Sant’Anselmo, vorrei dire, dovrebbe succedere questo: impregnarsi dello spirito della liturgia, sentirne il mistero, con stupore sempre nuovo. La liturgia non si possiede, no, non è un mestiere: la liturgia si impara, la liturgia si celebra. Arrivare fino a questoi atteggiamento di celebrare la liturgia. E si partecipa attivamente solo nella misura in cui si entra in questo spirito di celebrazione. Non è questione di riti, è il mistero di Cristo. (...) Tutto questo, nel vostro Istituto, va meditato, assimilato, direi “respirato”.

Lo studio della liturgia, prosegue il Papa, fa crescere nella comunione ecclesiale perché apre all’altro “al più vicino e al più lontano dalla Chiesa, nella comune appartenenza a Cristo”. Ma ci sono delle tentazioni:

Vorrei sottolineare il pericolo, la tentazione del formalismo liturgico, di andare indietro a forme, alle formalità più che alla realtà, che oggi vediamo in questi movimenti un po’ che cercano di andare indietro e negano proprio il Concilio Vaticano II: la celebrazione è recitazione, è una cosa senza vita, senza gioia.

Il Papa sottolinea che la vita liturgica deve “condurre a una maggiore unità ecclesiale, non alla divisione”. E avverte:

Quando la vita liturgica è un po’ bandiera di divisione, c’è l’odore del diavolo lì dentro, subito. L’ingannatore. Non è possibile rendere culto a Dio e allo stesso tempo fare della liturgia un campo di battaglia per questioni che non sono essenziali, anzi: per questioni superate e per prendere posizione, dalla liturgia, con ideologie che dividono la Chiesa. Il Vangelo e la Tradizione della Chiesa ci chiamano ad essere saldamente uniti sull’essenziale, e a condividere le legittime differenze nell’armonia dello Spirito.

La Chiesa, grazie alla liturgia, prolunga l’azione di Cristo in mezzo agli uomini e alle donne di ogni tempo, continua Francesco, e lo studio della liturgia deve restare fedele a questo, ma ciò non impedisce le riforme. A questo proposito il Papa aggiunge a braccio un’ampia riflessione osservando “che ogni riforma crea delle resistenze”. Rievoca quindi le reazioni alle riforme di Pio XII:

Io mi ricordo, ero ragazzo, quando Pio XII cominciò con la prima riforma liturgica, la prima: si può bere acqua prima della comunione, digiuno di un’ora… “Ma questo è contro la santità dell’Eucaristia!”, si stracciavano le vesti. Poi, la Messa vespertina: “Ma, come mai, la Messa è al mattino!”. Poi, la riforma del Triduo pasquale: “Ma come, il sabato deve risorgere il Signore, adesso lo rimandano alla domenica, al sabato sera, la domenica non suonano le campane… E le dodici profezie dove vanno?”. Tutte queste cose scandalizzavano le mentalità chiuse. Succede anche oggi. Anzi, queste mentalità chiuse usano schemi liturgici per difendere il proprio punto di vista. Usare la liturgia: questo è il dramma che stiamo vivendo in gruppi ecclesiali che si allontanano dalla Chiesa, mettono in questione il Concilio, l’autorità dei vescovi…, per conservare la tradizione. E si usa la liturgia, per questo.

La liturgia - ha poi osservato il Papa - spinge alla missione. Ciò che celebriamo ci porta infatti ad andare “incontro al mondo che ci circonda, incontro alle gioie e alle necessità di tanti” dentro e fuori la Chiesa: La genuina vita liturgica, specialmente l’Eucaristia, ci spinge sempre alla carità, che è anzitutto apertura e attenzione all’altro. Tale atteggiamento sempre comincia e si fonda nella preghiera, in particolare nella preghiera liturgica. E questa dimensione ci apre anche al dialogo, all’incontro, allo spirito ecumenico, all’accoglienza.

Le sfide del tempo presente, conclude il Papa, sono molto forti, “la Chiesa ha bisogno oggi come sempre di vivere della liturgia”. E’ importante perciò, continuare il lavoro di formazione alla liturgia in continuità con i Padri conciliari, “per essere formati dalla liturgia”. Ringraziando la comunità di studio del Sant’Anselmo per il servizio reso alla Chiesa, il Papa ricorda che “la Santa Vergine Maria insieme agli Apostoli pregavano, spezzavano il Pane e vivevano la carità con tutti”. Che la liturgia della Chiesa “renda presente oggi e sempre questo modello di vita cristiana”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/05/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: la diversità è un segno dei tempi

L’udienza del Papa ai cistercensi della Comune Osservanza, incontrati in occasione del loro capitolo generale

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa agli insegnanti cattolici: attenti alle colonizzazioni ideologiche

Papa Francesco agli insegnanti: “la colonizzazione ideologica distrugge la personalità umana”

Leggi tutto

Storie

È morto il cardinale ghanese Richard Baawobr

Il decesso del vescovo di Wa, 63 anni, è avvenuto a Roma nella prima serata di domenica 27 novembre, annunciato da un comunicato dei Padri Bianchi. Era stato creato cardinale nell’ultimo Concistoro di Papa Francesco del 27 agosto 2022, ma era stato assente alla celebrazione per motivi di salute

Leggi tutto

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano