Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Tornando alla supplica alla Madonna di Pompei

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Dio ha scommesso sull’umanità e continua a farlo. Davanti alla Vergine Maria portiamo il popolo dell’Ucraina e tutti coloro che oggi soffrono, scommettendo sull’umanità”. Così il cardinale Mario Grech, segretario generale del Sinodo dei vescovi, oggi presiedendo la Messa in occasione della Festa della Madonna del Rosario nel piazzale antistante al Santuario di Pompei. “Per intercessione di Maria, chiediamo anche noi di essere imitatori di Dio, capaci di scommettere su un’umanità capace di costruire e difendere la pace.

Non possiamo non portare davanti al «cuore di madre» della Vergine Maria «le tristezze e le angosce» della guerra, della violenza e dell’odio che insanguinano oggi l’Europa e tante altre parti del Mondo”, ha esortato il porporato che ha centrato la sua omelia sul cammino sindodale intrapreso dalla Chiesa. “Maria”, ha osservato, “è “donna sinodale” e il volto di una Chiesa sindale ha due ingredienti: la preghiera e la carità”. “Una Chiesa sinodale è una Chiesa che scommette sull’uomo” con compassione e tenerezza. A Pompei dunque questa mattina si è pregato anche per la pace in Ucraina. Il Paese dell’Est Europa invaso dalla Russia oltre due mesi fa e che sta vivendo tragici giorni di guerra è infatti tra le intenzioni presentate alla Vergine, perché interceda per la fine del conflitto.

I fedeli si sono preparati alla supplica - che viene recitata ogni anno l’8 maggio e la prima domenica di ottobre e che è stata scritta nel 1883 da Bartolo Longo- con la Novena d’Impetrazione, cominciata il 29 aprile, e venerdì scorso hanno celebrato l’83.mo anniversario della dedicazione della Basilica Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario e la Discesa del Quadro della Madonna. Tanti i devoti che hanno preso parte alle liturgie. Dall’1 maggio è iniziato, poi, il “Buongiorno a Maria”, l’appuntamento di preghiera del mattino - alle 6.30 - per affidare alla Vergine il nuovo giorno. Ieri si è svolta, invece, la veglia mariana, culminata con la celebrazione di mezzanotte presieduta dall’arcivescovo di Pompei, monsignor Tommaso Caputo.

La supplica alla Madonna di Pompei torna ad avere un’ampia partecipazione di fedeli dopo i due anni difficili della pandemia di Covd-19. Nel 2020 per la prima volta, in 137 anni, la preghiera alla Vergine del Rosario è stata recitata nel santuario senza le migliaia di devoti da ogni parte d’Italia e del mondo solitamente presenti. A presiederla il cardinale Crescenzio Sepe, che aveva esortato a ritrovare più a fondo se stessi, a continuare l’opera di Bartolo Longo e non rimanere con le braccia conserte di fronte alla povertà cresciuta con l’emergenza sanitaria. Il porporato aveva rivolto anche un pensiero alle vittime del coronavirus in tutto il mondo, ai tanti anziani scomparsi insieme ad un “insostituibile patrimonio di esperienza e di memorie”, alla “lunga scia di medici e operatori sanitari, uomini e donne di prima linea che, con vero eroismo fino al sacrificio della loro vita, si sono presi cura dei contagiati”, e ancora ai sacerdoti, che si sono dimostrati testimoni di una Chiesa capace di relazioni di vicinanza, segno di amore. E di fronte alle problematiche scaturite dalla pandemia, il cardinale Sepe aveva ricordato “il porto sicuro della casa di Maria”, che è anche “casa di Cristo”, invitando a recitare il Rosario, “la preghiera ordinaria dei tempi difficili”, che “ci fa famiglia”, famiglia che è il faro che illumina questa epoca”.

L’arcivescovo prelato di Pompei, monsignor Tommaso Caputo, in un’intervista alla nostra testata, due anni fa, in piena pandemia, spiegando il senso della supplica e commentando le parole di Bartolo Longo nella preghiera, che richiamano ad affanni e travagli, a pericoli nell’anima e nel corpo e a calamità ed afflizioni, aveva osservato che “non c’è, nella storia dell’umanità o anche nelle vicende personali dei singoli, un momento in cui si sia davvero liberi da ogni preoccupazione”. E aveva rimarcato che “credere, pregare con la Supplica la Vergine del Rosario di Pompei, avere fede, non sono talismani che ci proteggono da tutto, da un virus o da un evento che sconvolge la nostra esistenza”, è semmai il credere in Dio che sostiene la nostra vita. “E la Supplica è una preghiera intrisa di fede, ne è imbevuta. Non eviteremo le amarezze e le difficoltà - aveva osservato l’arcivescovo prelato di Pompei - ma non avremo paura quando, nel cuore, abbiamo la certezza che il Dio Padre è con noi, ci cammina accanto. E Maria è presente con Lui”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/05/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Chiesa

Francesco, Bartolomeo, Welby uniti dalla Terra

Papa Francesco, il Patriarca ecumenico Bartolomeo e l’arcivescovo di Canterbury si uniscono per la prima volta in un appello urgente per il futuro del pianeta. Per la prima volta, congiuntamente, mettono in guardia sull’urgenza della sostenibilità ambientale, sul suo impatto sulla povertà e sull’importanza della cooperazione globale. L’esortazione a tutti è a fare ciascuno la propria parte nello “scegliere la vita” per il futuro della Terra.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco oggi a Larnaca e Nicosia

Ecco tutti gli appuntamenti odierni di Papa Francesco a Cipro: l’arrivo a Larnaca è previsto per le ore 15.

Leggi tutto

Chiesa

Metropolita Hilarion: “poniamo fine alle rivalità”

Il titolare del Dipartimento per le relazioni esterne del Patricarcato ortodosso, il metropolita Hilarion di Volokolamsk, ha affermato che non al momento non si parla unificare la chiesa ortodossa e cattolica, però queste ultime possono muoversi per porre fine ad una rivalità che va avanti da secoli.

Leggi tutto

Chiesa

ETIOPIA - La Chiesa “soffre e condivide ansie e dolori dell’umanità”

La lettera, pervenuta all’Agenzia Fides, è indirizzata a “tutto il clero cattolico, religiosi e religiose, credenti laici e persone di buona volontà” e giunge a al termine di un anno segnato dall’escalation militare che ha visto fronteggiarsi l’esercito regolare e i ribelli del TPLF (Fronte popolare di liberazione del Tigray) senza esclusione di colpi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano