Storie

di Giuseppe Udinov

Fugge dall’ospedale e devasta una chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Stando alla prima ricostruzione effettuata degli agenti, l’uomo è entrato nella chiesa di Sant’Andrea del capoluogo labronico a torso nudo e sanguinante, dopo aver rifilato un pugno ad un dottore del pronto soccorso ed essere scappato. E visibilmente alterato, avrebbe preso e scaraventato a terra alcune statue in gesso ed immagini sacre (fra cui la statua della Madonna di Fatima, frantumandola) un leggio con piano in vetro, alcune piante, l’obolo delle offerte e numerosi alimenti destinati ai poveri. Il tutto davanti ad un paio di persone anziane in quel frangente dedite a pregare e al parroco, il quale ha immediatamente avvertito le forze dell’ordine circa l’accaduto.

Un’azione fulminea durata poco più di un minuto, conclusasi improvvisamente nello stesso modo in cui era iniziata. Tant’è che l’ex giocatore, visibilmente fuori di sè durante il gesto compiuto, si è poi allontanato dal posto, dirigendosi verso la propria abitazione come se nulla fosse. E davanti alla propria casa ha trovato ad attenderlo una volante della polizia, con gli agenti (insieme ai sanitari della Misericordia) che lo hanno successivamente riportato al nosocomio livornese per il ricovero. Non è la prima volta poi che quello specifico luogo di culto viene preso di mira: stando a quanto riportato da Il Tirreno, pochi mesi fa la stessa chiesa fu infatti teatro di una serie di furti di calici ed oggetti d’arte sacra.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/05/2022
0206/2023
Ss. Marcellino e Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

Chiesa

Che piacere quella prolusione, cardinal Bassetti!

Fattore famiglia e incentivi alla maternità al centro delle preoccupazioni del nuovo presidente Cei. Ed i lavori saranno lunghi e complessi
.

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano