Media

di Roberto Signori

Amazon pagherà le donne che abortiscono

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le accese polemiche suscitate dalla bozza della Corte Suprema americana in tema di aborto, e trapelata sui media grazia al sito Politico, sono destinate a durare settimane e forse l’intera estate. Anche perché rappresentano obiettivamente, al di là delle possibili (e auspicabili) conseguenze legali, una vittoria storica dei pro life.

La più alta e indipendente istanza giuridica degli Stati Uniti afferma, pur con mezzo secolo di ritardo, una fattuale verità: l’idea che l’aborto possa essere un diritto della donna – ignorando completamente la vita e la salute del bambino – è un’idea sbagliata. E dunque revocabile.

Nello stesso contesto esiste però un’altra America che si ostina a sostenere le vecchie posizioni pro choice. E che si sta manifestando, anche con violenza verbale non indifferente, in varie città degli Stati Uniti per protestare contro la possibile e ormai doverosa revoca della sentenza “Roe vs Wade”.

Contro questi progressi nella tutela della maternità e dell’infanzia, Jeff Bezos, il miliardario fondatore di Amazon, come riporta Famiglia Cristiana, «rimborserà le spese per tutti i dipendenti che decidono di interrompere la gravidanza per sé o per le loro mogli».

E questo sia, come detto, in rapporto al possibile annullamento della storica sentenza “Roe vs Wade” del 1973, sia a causa delle sacrosante limitazioni che molti Stati americani, solitamente a guida repubblicana, stanno introducendo alle leggi abortiste.

Leggi che i vari Stati avevano promulgato negli anni ’70 del secolo scorso, a seguito dell’iniqua sentenza che per la prima volta rendeva invisibile quel feto che tutti noi siamo stati. Ma quelle leggi non avevano nulla di scientifico ed erano palesemente il frutto di quella stagione trasgressiva e libertaria iniziata con il ’68.

Bezos quindi, per darsi le arie di buon progressista - e dopo che l’ormai ex moglie MacKanzie Scott ha finanziato a suon di milioni le famigerate associazioni pro aborto come Planned Parenthood - pagherà tutte le spese alle dipendenti dell’azienda (fino a 4000 dollari) le quali, per abortire - magari sino al nono mese di gravidanza - dovessero recarsi in uno Stato più permissivo di quello in cui abitualmente risiedono.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/05/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

#Donnetradite: ecco come sono sezionati e venduti i feti

Il “Center for Medical Progress” di David Daleiden ha pubblicato ieri il terzo video dell’inchiesta sui presunti traffici illeciti di Planned Parenthood. Stavolta la telecamera nascosta entra in una delle cliniche (ci sono immagini sconsigliate a stomaci deboli)

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco benedice le campane “La voce dei non nati”

Sulla campana dei pro life polacchi sono incise le parole del beato Jerzy Popiełuszko, “La vita di un bambino inizia sotto il cuore della madre”, assieme al messaggio esplicito del Quinto Comandamento dato da Dio a Mosè “Non uccidere”.

Leggi tutto

Storie

USA: detenuti maschi trans trasferiti segretamente in una prigione femminile

Secondo un sondaggio alcune agenti carcerarie hanno riferito di essere a disagio per il fatto di dover perquisire i prigionieri transgender con genitali maschili che sono ospitati nelle carceri femminili.

Leggi tutto

Società

La nostra guerra continua

Giuseppe Bruno cerca di fare un po’ di chiarezza nell’ incandescente magma comunicativo che la guerra ha scatenato, Ecco le sue personali riflessioni

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano