Storie

di Nathan Algren

PAKISTAN - Uccisione di due sikh a Peshawar

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Le minoranze religiose in Pakistan sono continuamente oggetto di persecuzioni, siamo preoccupati per la nostra protezione e per il nostro futuro in Pakistan. I membri delle comunità delle minoranze religiose sono aggrediti e uccisi. L’uccisione dei due sikh pakistani è per noi vergognosa. Condanniamo fermamente questo attacco ai membri della comunità Sikh e chiediamo al Presidente, al Primo Ministro e al Capo di Stato Maggiore dell’Esercito e al Primo Ministro della provincia di Khyber Pakhtun Khwa (KPK), di lavorare per la protezione delle minoranze religiose che vivono in Pakistan; chiediamo inoltre l’arresto degli assassini dei nostri fratelli sikh”: lo dice Ashiknaz Khokhar, noto attivista per i diritti umani in Pakistan, riferendosi all’ultimo episodio che ha turbato la società.

Evidenziando le sue preoccupazioni per la protezione delle minoranze religiose, Ashiknaz Khokhar afferma: “Il governo del Pakistan deve ancora impegnarsi molto per promuovere l’armonia e la pace in Pakistan. Questo omicidio di due innocenti sikh pakistani è un altro attacco all’immagine del Pakistan”.

Il 15 maggio, due uomini non identificati hanno ucciso due sikh al Bata Tal Bazaar di Peshawar, mentre i due sikh erano impegnati ad allestire i loro negozi. Saljeet Singh, 42 anni, e Ranjeet Singh, 38 anni, sono morti sul colpo. La polizia ha riferito: “Sembra essere un episodio di uccisioni mirate per diffondere la paura tra le minoranze religiose. I sikh sono stati colpiti più volte, poi gli assassini sono fuggiti dalla scena”. Dopo l’uccisione la comunità sikh di Peshawar ha protestato scandendo slogan e chiedendo protezione, l’arresto degli assassini e giustizia.
Waseem Ghouri, presidente della National Minorities Alliance, condannando fermamente l’atto di terrorismo, ha dichiarato: “È molto triste che persone innocenti vengano uccise a causa dell’odio e della discriminazione. Siamo accanto alla nostra comunità sikh in Pakistan e chiediamo giustizia”.
Joseph Johnson della Ong “Voice for Justice” ha dichiarato: “Questo attacco dice quanto le minoranze religiose siano insicure in Pakistan. Il governo del Pakistan deve prendere misure per proteggere le minoranze religiose che vivono sotto costante minaccia e paura”.
L’allarme per la vita delle minoranze tocca anche la comunità cristiana: il 13 maggio due uomini cristiani Rajish Bhatti e Naqash Bhatti sono stati uccisi da uomini musulmani a Taxila, in una piccola disputa, e la gente locale ha esposto cartelli con la scritta “Christians lives matters”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/05/2022
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

India: aumentano gli attacchi contro i cristiani

Rapporto sulla violenza anticristiana: negli ultimi nove mesi oltre 300 attacchi. È quanto registra un rapporto intitolato “Cristiani sotto attacco in India”, presentato in conferenza stampa a Nuova Delhi

Leggi tutto

Politica

India - Danneggiato da vandali un crocifisso a Mumbai

Con un atto di vandalismo, il monumento di Cristo Crocifisso situato di fronte a Pavan Hans, nella parte Ovest di Mumbai, capitale dello stato indiano di Maharastra, è stato intenzionalmente danneggiato da ignoti

Leggi tutto

Storie

Pakistan: ancora attacchi ai cristiani

Sattar Masih e il figlio Azhar lavoravano nella villa di un proprietario terriero musulmano. Quando si sono licenziati hanno cominciato a ricevere minacce.

Leggi tutto

Storie

Pakistan: cristiano accusato di blasfemia rilasciato su cauzione

Sentenza storica per il Pakistan. Nadeem Samson era stato incarcerato per una disputa sul pagamento della cauzione d’affitto. Non sono tuttavia aumentate le probabilità che venga dichiarato innocente

Leggi tutto

Storie

2022, già 127 episodi di violenza contro i cristiani in India

Secondo il rapporto a gennaio 2022 si sono verificati 40 incidenti, 35 incidenti a febbraio, 34 a marzo, altri ad aprile, e si tratta solo di quelli denunciati. Sono 89 i Pastori o parroci malmenati e minacciati di ritorsioni se continuano a condurre preghiere e liturgie. Ben 68 chiese sono state attaccate , 367 donne e 366 bambini hanno riportato ferite. Su 127 incidenti, 82 sono stati violenze di massa, compiute da una folla di militanti.

Leggi tutto

Storie

Madre promette in sposa la figlia di 12 anni

È stata promessa sposa a soli 12 anni dalla madre, ma il padre ha scoperto tutto e ha denunciato l’ex moglie. Il tutto è accaduto in Italia, a Lecce. La bambina avrebbe dovuto sposare un pakistano di 22 anni residente in Germania. La procura dei minori di Lecce ha chiesto e ottenuto dal tribunale la sospensione della potestà genitoriale per la donna che aveva promesso in sposa la figlia 12enne.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano