Storie

di Nathan Algren

Cina - È morto monsignor Wu Junwei, vescovo di Yuncheng

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mons. Pietro Wu Junwei, vescovo della diocesi di Yuncheng (Shanxi), è morto dopo un attacco di cuore: aveva solo 59 anni.

Ordinato sacerdote nel 1990, da quando diviene vescovo nel 2010 mons. Wu si dedica all’evangelizzazione; lavora duramente anche sulla questione delle proprietà della Chiesa, oltre a promuovere l’organizzazione di classi di catechesi per i fedeli e la costruzione di nuovi luoghi di preghiera.

Da tempo mons. Wu soffriva di varie malattie a causa dei suoi sforzi per guidare la chiesa locale, soprattutto durante la pandemia da Covid-19. Egli è stato sotto una pressione inimmaginabile e il duro lavoro ha minato il suo fisico. Negli ultimi anni molti religiosi cattolici, anche giovani, sono deceduti a causa dello stress da lavoro.

Nato in un villaggio di Taiyuan (Shanxi) nel 1963, mons. Wu entra nel seminario minore nel 1982, un anno dopo la sua licenza di scuola media superiore; otto anni dopo è ordinato sacerdote della diocesi locale. Dal 1991 al 1996 è parroco di Shagou, poi fino al 2001 è responsabile degli affari diocesani. Dal 2001 al 2009 è rettore del seminario maggiore dello Shanxi.

Nel settembre 2009 è trasferito a Yuncheng. Un anno dopo è nominato ordinario della diocesi locale, consacrato con l’approvazione della Santa Sede e il benestare del governo di Pechino.

Alla Messa per la sua investitura, mons. Wu aveva espresso pubblicamente la sua gratitudine a papa Benedetto XVI per la sua nomina e la sua fiducia, e aveva giurato di “rimanere saldo e fedele al Santo Padre”. Aveva anche esortato i fedeli a seguire l’esempio di san Matteo nel rinunciare a tutto per seguire Cristo e dedicarsi alla causa dell’evangelizzazione.

Mons. Wu veniva da una fervente famiglia cattolica. Era il maggiore di sei fratelli: uno di loro diventerà poi sacerdote e una sorella suora. Il suo prozio, san Pietro Wu Anbang, ha subito il martirio durante la ribellione dei Boxer del 1899-1901: è stato canonizzato nel 2000 come uno dei 120 santi martiri cinesi.

La scomparsa del vescovo di Yuncheng arriva in un momento delicato per la comunità cattolica in Cina. La scorsa settimana è emerso che da inizio anno la polizia ha arrestato almeno 10 sacerdoti della diocesi di Baoding (Hebei).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/05/2022
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Cina - Addio a Ren Yanli, apprezzato e appassionato studioso del cattolicesimo

Si è spento presso l’Ospedale Chaoyang di Pechino, dove era stato ricoverato dopo aver contratto il Covid, in uno stato di salute già compromesso da diverse patologie. Con lui scompare uno degli accademici cinesi impegnati da più tempo sul terreno delle ricerche sulla Chiesa cattolica e il cattolicesimo in età contemporanea, con particolare riferimento al contesto cinese.

Leggi tutto

Storie

Rupnik non fa più parte dei Gesuiti

Lettera aperta del delegato per le Case e Opere Internazionali Romane, padre Verschueren, sul sacerdote al quale il 14 giugno scorso è stato consegnato il decreto di dimissione, in seguito al rifiuto di “intraprendere un percorso di verità e di confronto con il male denunciato da tante persone che si sono sentite ferite”. Trascorsi trenta giorni, non essendo stato presentato ricorso a tale decreto, Marko Rupnik non fa più parte della Compagnia

Leggi tutto

Chiesa

Un bosco simbolico sul sagrato di San Pietro

Una scenografia multiforme di arbusti, graminacee, erbacee e fioriture è l’installazione green realizzata da Confagricoltura e Assoverde che farà da cornice a “Together - Raduno del Popolo di Dio”, la veglia presinodale che si svolgerà il 30 settembre, in Piazza San Pietro.

Leggi tutto

Politica

Telefonata tra il Papa e Biden

Circa 20 minuti il colloquio tra Francesco e il presidente degli Stati Uniti sulle situazioni di conflitto nel mondo

Leggi tutto

Storie

Le religioni possono svolgere un ruolo positivo nella promozione della pace

Rappresentante cinese all’ONU: le religioni possono svolgere un ruolo positivo nella promozione della pace e nella soluzione dei conflitti

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: criminalità organizzata e Vangelo sono inconciliabili

Il Pontefice ha inviato un messaggio rivolto ai partecipanti al convegno organizzato alla Lumsa per ricordare i trent’anni dalla morte e i dieci dalla beatificazione di don Pino Puglisi, ucciso dalla mafia a Palermo nel 1993

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano