Storie

di Nathan Algren

Libano - Viaggio di solidarietà dei vescovi francesi a Beirut

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In una fase in cui “vi è un qualcosa di importante per la storia del mondo, che certamente si sta giocando in Libano”, una delegazione della Conferenza episcopale francese (Cef), guidata dal presidente mons. Éric de Moulins-Beaufort, arcivescovo di Reims, è in visita ufficiale in Libano dall’8 al 12 maggio. Il gruppo comprende anche mons. Nicolas Brouwet, vescovo di Nîmes, Stanislas Lalanne, vescovo di Pontoise, mons. Maroun Nasser Gemayel, vescovo maronita di Francia, Pascal Gollnisch, direttore generale de L’Œuvre d’Orient, oltre ai padri Hugues de Woillemont ed Éric Mouterde, rispettivamente segretario generale e segretario generale aggiunto della Cef.

“La Chiesa di Francia desidera vedere i frutti della solidarietà e della generosità del popolo francese che si distingue nelle numerose opere sociali, a Beirut e in tutto il Paese” ha sottolineato in una nota la delegazione nei giorni precedenti la visita. “Questo sostegno - prosegue il comunicato Cef - agli ospedali, l’assistenza ai rifugiati e alle scuole, il volontariato verso la gente di strada sono resi possibili anche grazie all’amicizia, alla preghiera e alle donazioni di centinaia di migliaia di cattolici”.

Durante il suo breve soggiorno, la delegazione della Conferenza episcopale francese ha incontrato i patriarchi cattolici orientali in Libano, oltre ai vescovi in rappresentanza delle Chiese caldea e latina. Inoltre, i partecipanti sono stati ricevuti dal nunzio apostolici in Libano, oltre all’ambasciatrice di Francia in Libano, Anne Grillo. Fra gli appuntamenti in programma vi sono state anche le visite alle comunità religiose e al campo profughi palestinese di Dbayé, situato in una zona a prevalenza cristiana della periferia di Beirut.

Uno dei momenti forti di questo soggiorno è stata la visita (nella foto) nel luogo della catastrofica esplosione del 4 agosto 2020, a porto di Beirut, in cui sono morte 220 persone.

All’ombra dei silos distrutti e dei suoni degli escavatori che lavoravano per smantellare una nave arrugginita sbalzata sulla terraferma dall’esplosione i presenti, riuniti attorno a una statuetta della Vergine Maria, si sono riuniti e hanno pregato per le vittime della terribile tragedia, compresi i dipendenti portuali e i membri di una squadra di vigili del fuoco deceduti mentre cercavano di spegnere l’incendio scoppiato nell’hangar al cui interno erano conservati - senza alcuna precauzione - centinaia di sacchetti contenenti nitrato di ammonio. Un’indagine aperta per determinare la responsabilità della tragedia non ha ancora prodotto alcun risultato, anche a causa di ostacoli politici e legali che operano per paralizzarla.

“Ho letto articoli, ho visto foto sulla catastrofe del 4 agosto, ma niente è come vedere le cose da vicino, con i propri occhi, e realizzare cosa può essere stato” ha sottolineato mons. Eric de Moulins-Beaufort, arcivescovo di Reims, a conclusione della visita al porto. Una cosa è parlare di fraternità, altro è farsi toccare nella carne su ciò che può essere accaduto lì”.

“Ho avuto - aggiunge il prelato - la possibilità di venire in Libano nel 2004 e nel 2018. Ai tempi avevo visto la piazza in cui è morto in un attentato Rafic Hariri; oggi ecco un altro luogo di catastrofe. Ciò che è impressionante in Libano, è il fatto che questo Paese sia ancora vivo. Tuttavia, a volte sembra che questa sorgente di vita si stia un po’ prosciugando, ma la nostra preghiera è per il Libano perché possa riconquistare il suo desiderio di vita, costruendo e incarnando ciò che san Giovanni Paolo Ii ha detto sul suo essere un messaggio al mondo. Vi è un qualcosa di importante per la storia mondiale che di certo, oggi, si sta giocando qui in Libano, come è sempre stato”.

In un messaggio del 7 settembre 1989 rivolto ai vescovi cattolici di tutto il mondo, Giovanni Paolo II ha affermato: “La Chiesa vuole mostrare al mondo che il Libano è più di un Paese: è un messaggio di libertà e un esempio di pluralismo per l’Oriente e per l’Occidente!”. “La scomparsa del Libano - ha aggiunto il pontefice - sarebbe senza dubbio uno dei grandi rimorsi del mondo. La sua salvaguardia è uno dei compiti più urgenti e nobili che il mondo di oggi si deve assumere”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/05/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Le solite mistificazioni sul Sinodo

Leggi tutto

Storie

In Siria troppi interessi economico-politici e poco rispetto per la sovranità nazionale

In #Siria tutto e’ pronto per una guerra devastante tra due blocchi intenzionati a non mollare! La tensione e’ altissima in Siria, e l’Onu e’ ancora una volta impotente di fronte a venti di guerra che soffiano sul Medio oriente. Il cacciatorpediniere americano USS “Donald Cook”, armato con missili Tomahawk, ha lasciato il porto cipriota di Larnaca e si dirige verso il Mediterraneo orientale, per portarsi nel raggio d’azione di Damasco, accusata dall’Occidente di aver usato le armi chimiche lo scorso 7 aprile a Duma. Russia e Iran pronte a difendere l’incolpevole alleato a tutti i costi da quella che considerano una trappola israeliana

Leggi tutto

Politica

Papa Francesco ha ricevuto Macron

Il presidente francese in udienza nel Palazzo Apostolico: un’ora in dialogo a porte chiuse con Francesco. Poi l’incontro con il segretario di Stato Parolin e il segretario per i rapporti con gli Stati Gallagher

Leggi tutto

Società

Regno Unito. Stop alle misure anti-covid, i vescovi inglesi si adeguano

In un documento sul sito della conferenza episcopale di Inghilterra e Galles vi sono le nuove indicazioni alle diocesi. Tornano il segno della pace e i canti. Non più obbligatorie le mascherine

Leggi tutto

Chiesa

Papa: Dio, ascolta la preghiera di chi fugge dal frastuono delle armi

Nuovo tweet di Papa Francesco diffuso dall’account @Pontifex, anche in lingua russa e ucraina.

Leggi tutto

Società

Nigeria: no dei vescovi ai mercenari

- Le confessioni cristiane di Kaduna: “No all’ipotesi di assoldare mercenari stranieri per combattere i terroristi”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano