Politica

di Roberto Signori

EGITTO - Presidente al Sisi: subito una nuova legge sul diritto di famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La nuova legge sullo statuto personale, a cui le istituzioni egiziane lavorano da anni, deve essere approvata e entrare in vigore “il prima possibile”, deve essere equilibrata e fornire adeguate contromisure anche per contrastare fenomeni insidiosi come il preoccupante, vertiginoso aumento dei divorzi. Sono questi i richiami e le considerazioni che il Presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi va ripetendo con insistenza negli ultimi tempi, e che ha ribadito ieri sera, martedì 10 maggio, intervenendo telefonicamente a un programma d’informazione trasmesso sulla rete televisiva Sada El Balad TV.

La nuova legge sullo statuto personale è attesa da decenni anche dalla Chiesa copta ortodossa e dalle altre Chiese e comunità ecclesiali presenti in Egitto, come strumento legislativo necessario a sanare incongruenze e discriminazioni fornendo disposizioni equilibrate su delicate questioni inerenti anche il diritto di famiglia (vedi Fides 11/1/2022). I media da tempo, e con più insistenza dallo scorso gennaio, annunciano come imminente il dibattito parlamentare per l’approvazione di testi e disegni di legge sullo statuto personale presentati dal governo.
La revisione del testo legislativo sullo statuto personale, prolungatasi per lungo tempo presso il Ministero egiziano della giustizia, si era conclusa nella prima metà del 2021.

Per quanto riguarda la parte riguardante i cristiani, il processo di revisione aveva richiesto ben 16 sessioni di lavoro, ospitate presso il Ministero, che avevano visto riunirsi esperti, funzionari del Dicastero governativo e rappresentanti delle diverse confessioni cristiane, convocati dalle autorità civili al fine di limare il testo e ottenere il consenso di tutte le Chiese e comunità ecclesiali in merito alla formulazione di tutti gli articoli del disegno di legge.

Il coinvolgimento delle Chiese e comunità ecclesiali presenti in Egitto nel lungo iter per la stesura di una nuova legge sullo statuto personale, era iniziato già nel 2014. Già a quel tempo il Ministero della giustizia aveva sottoposto ai responsabili delle diverse Chiese una bozza della legge, con la richiesta di studiare il testo e far pervenire in tempo breve le proprie considerazioni in merito. I tempi di stesura della bozza si sono allungati soprattutto per i negoziati volti a garantire la formulazione di un testo che, pur essendo unitario, tutelasse comunque i diversi approcci ecclesiali a materie come la separazione coniugale e il divorzio, regolate in maniera differente dalle varie confessioni cristiane. La bozza del testo legislativo unitario, elaborata in maniera consensuale dai rappresentanti delle diverse Chiese e comunità ecclesiali, era stata consegnata alle autorità governative il 15 ottobre 2020.

Adesso, anche le dichiarazioni rese dal Presidente al Sisi nel suo intervento televisivo di martedì 10 febbraio lasciano intendere che a fermare la definitiva approvazione del nuovo testo legislativo sullo statuto personale sono soprattutto obiezioni provenienti da autorità e esponenti islamici, e si concentrano in particolare sulla questione del divorzio.

Il Presidente al Sisi, tra le altre cose, ha detto di ritenere i giudici, il governo. il parlamento e i giuristi dell’Università sunnita di Al-Azhar come “responsabili di fronte a Dio” per ciò che è stato fatto riguardo alla soluzione di problemi e situazioni di ingiustizia connessi alla questione dello statuto personale. Al Sisi ha anche espresso il suo timore che i giovani evitino il matrimonio in Egitto a causa dell’alto tasso di divorzi registrato nel Paese, ricordando che le donne vengono penalizzate dalle leggi su matrimonio, ripudio e divorzio attualmente in vigore.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/05/2022
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Sentinelle in piedi e palloncini gonfiati

Successo a Cesena per la veglia delle Sentinelle in Piedi, solita contromanifestazione goffa degli Lgbt con i media che raccontano numeri che non ci sono

Leggi tutto

Politica

Nessuna pietà per i nemici della libertà

Il nazi-buonismo torna nelle parole arroganti del ministro delle famiglie (sic!), dell’infanzia e dei diritti delle donne Laurence Rossignol, appassionata sostenitrice della legge-bavaglio contro i siti pro vita.

Quarant’anni dopo la legge Veil, ha dichiarato il ministro, «dei gruppuscoli antiabortisti avanzano mascherati, dissimulati dietro a piattaforme all’apparenza neutra e obiettiva che imitano i siti istituzionali di informazione e cercano deliberatamente di ingannare le donne. O peggio ancora, talvolta sono diffuse da cellule d’ascolto animate da militanti “no choice” senza alcuna formazione intenzionati a colpevolizzare le donne e a scoraggiarle di ricorrere all’aborto». Rossignol ha poi aggiunto che «i militanti anti-IVG resteranno liberi di esprimere la propria ostilità all’aborto. A patto di dire con sincerità chi sono, cosa fanno e cosa vogliono». «La libertà di espressione», prosegue il ministro, «non si può confondere con la manipolazione degli spiriti».

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

Società

Rachele e Diana, ostetriche per la pelle

Un’ostetrica che si diede alla professione quando già aveva vissuto “il mestiere di partorire” dall’altra parte del lettino torna a incontrare in un’ampia intervista una delle sue storiche insegnanti, Diana Panfili (che oggi ha 81 splendidi anni ed è una vivacissima perugina). Il dialogo si riversa su molti fronti fra ricordi dei primi anni ’60 e prospettive per il futuro.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Società

NON SARÀ FACILE, NON SARÀ BREVE

Zachary Willmore è stato eletto in un liceo del Missouri “reginetta della scuola”, nell’onda di ribaltamento della verità che si è abbattuta sugli Stati Uniti. D’altronde già nel 2015 la rivista Glamour nominava Bruce Jenner, decatleta medaglia d’oro olimpica con tre mogli e sei figli improvvisamente scopertosi donna, come “donna dell’anno” nella versione in cui si fa chiamare Caitlyn.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano