Storie

di Nathan Algren

India - Karnataka e legge anti conversioni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

l governo locale dello Stato indiano del Karnataka vuole forzare la mano sulla legge anti-conversioni, facendola entrare in vigore con una procedura d’urgenza attraverso un’ordinanza del governatore, prima ancora che venga approvata dallo State Legislative Council, la Camera alta del parlamento bicamerale del Karnataka. A denunciarlo è - con un appello diffuso oggi - l’arcivescovo di Bangalore, mons. Peter Machado, che è anche presidente dell’All Karnataka United Christian forum for Human Rights.

Governato dai nazionalisti indù del Bjp, il Karnataka diventerebbe il decimo territorio indiano nel quale entrerebbe in vigore il provvedimento bandiera utilizzato dai fondamentalisti indù contro i cristiani, per “arginare” un proselitismo che alla prova dei fatti è inesistente: in India non è in atto nessun grande mutamento negli equilibri tra le diverse confessioni religiose. In Karnataka - uno Stato indiano di circa 61 milioni di abitanti - i cristiani sono stabili intorno al 2% della popolazione, contro l’84% di fedeli indù e il 13% di musulmani. Percentuali simili a quelle nazionali. Eppure nella narrazione dei nazionalisti indù la rappresentazione di un nemico al lavoro per minare l’identità indù è funzionale ai propri obiettivi politici. Così proprio in Karnataka negli ultimi tempi si sono moltiplicate le accuse di attività di “conversioni forzate”, in concomitanza con la discussione locale sulla legge anti-conversioni.

Approvato in dicembre da un ramo del parlamento locale, il provvedimento propugnato dal Bjp deve ancora terminare il suo iter legislativo, con la discussione al Senato locale. Ma il primo ministro Basavaraj Bommai, un esponente del partito del premier Modi, ha chiesto al governatore Thawar Chand Gehlot (l’autorità cui spetta il compito di promulgare le leggi) di farlo entrare in vigore subito con un’ordinanza, senza nemmeno attendere la conclusione della discussione. L’accelerazione è legata anche al fatto che presto il Karnataka potrebbe andare a nuove elezioni locali.

“Si tratta di un fatto triste - scrive monsignor Machado in una nota - e sicuramente inciderà sulle relazioni armoniose che intratteniamo con i membri di tutte le comunità del Karnataka. Non ci sono stati incidenti né di conversione né di aggressione contro la comunità. Non riusciamo a capire l’improvvisa svolta degli eventi e che cosa abbia in mente il governo con l’ordinanza, ma non c’è dubbio che alcune frange estremiste cercheranno di creare problemi ai membri della nostra comunità, come abbiamo già visto in passato e il governo non è in grado di controllarli”.

“Nella giusta tradizione democratica - continua l’arcivescovo di Bangalore - i membri della comunità cristiana si appellano al governatore affinché non dia il suo assenso alla legge, data la natura del coinvolgimento della comunità cristiana nel più ampio sviluppo dello Stato e della Comunità in materia di istruzione, assistenza sanitaria e sociale. Siamo cittadini rispettosi della legge e riponiamo la nostra fiducia nel governo per proteggere i nostri interessi e le nostre preoccupazioni. Non abbiamo alcuna difficoltà di fronte a interventi del governo contro qualsiasi eccesso o attività illecita che siano riscontrabili con prove concrete. Speriamo che il governatore, che è il capo dello Stato - conclude mons. Machado - ascolti il nostro appello e risponda alle nostre preoccupazioni non approvando il disegno di legge anti-conversione in Karnataka”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/05/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Haiti - Impotenti di fronte alla violenza

Monsignor Max Leroy Mesidor parla del Paese caraibico sprofondato nel dramma sanguinoso scatenato dalle gang criminali, che ha fatto centinaia di morti: non ci può essere pace quando gran parte della popolazione vive in condizioni disastrose.

Leggi tutto

Politica

Immigrazione illegale e ministero del Mare

Quella che i cugini transalpini francesi chiamano Azione dello Stato sul Mare affidandone la responsabilità alla Marina alle dipendenze del Primo Ministro, in Italia impegna vari attori che agiscono sotto più ministeri. La frammentazione italiana potrebbe ridursi se, nella prossima legislatura, venisse costituito il Ministero del mare, come auspicato da alcuni settori istituzionali e produttivi.

Leggi tutto

Media

I lavori per portare internet ultraveloce nelle scuole e negli ospedali

Ai lavori sono destinati circa 480 milioni. Entrano così nel vivo le attività per portare entro il 2026 internet ultraveloce in circa 10 mila scuole e 12 mila strutture del servizio sanitario pubblico del Paese.

Leggi tutto

Società

Droga: al via i congressi pisani

La cittadina toscana si prepara ad aprire i battenti, nel prossimo fine settimana, di una rassegna che con un poco di ironia si potrebbe dire “ricreativa”: il paradiso artificiale passato fugacemente dai pusher sarà intronizzato in bella mostra per tre giorni. Dolci, gelati, vini, birre e caffè alla “cannabis light”. E pazienza se il Consiglio Superiore di Sanità ha detto che non esistono droghe leggere…

Leggi tutto

Chiesa

Spagna - Giornata dell’Infanzia Missionaria

Il Direttore nazionale POM ricorda che grazie ai fondi raccolti dall’Infanzia Missionaria - per lo più grazie alle donazioni dei bambini - si possono sostenere progetti di evangelizzazione, educazione e salute per i piccoli e le loro mamme, perché possano nascere e crescere con dignità, mangiare, studiare ... Dalla Spagna, l’Infanzia Missionaria ha inviato nel 2021 € 1.933.313,21, raggiungendo più di 300.000 bambini in 34 paesi. “Per molti bambini, l’unico posto dove trovano casa è la Chiesa”

Leggi tutto

Società

Una nuova sanità?

Riflessioni di fondo sulla questione sanitaria talora vista in modo riduttivo e distorcente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano