Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Luciani, riferimento per trovare soluzioni alle sfide della Chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un pontificato breve, un’eredità eterna. Si è scritta una nuova pagina per la vita e il magistero di Papa Albino Luciani, beato il prossimo 4 settembre, questa mattina alla Pontificia Università Gregoriana dove si è svolta la giornata di studi «I sei “vogliamo”. Il Magistero di Giovanni Paolo I alla luce delle carte d’archvio». Un evento di alto livello promosso dalla Fondazione vaticana intitolata al Papa veneto, in collaborazione con il Dipartimento di Teologia dogmatica dell’Ateneo di cui Luciani fu alunno. “Un’occasione preziosa per riscoprire l’eredità spirituale e la santità di vita di questo amato Pontefice”, scrive Papa Francesco in una lettera, letta a inizio lavori, in cui plaude a questa iniziativa che, basata sulla indagine storica fondata sulle fonti, offre “un valido contributo volto ad approfondire i tratti peculiari del pensiero e del magistero” del suo predecessore.

Un “uomo saggio e umile”, lo descrive ancora Papa Francesco, “dotato di buona cultura”, che durante la sua esistenza “ha costantemente ricercato e indicato la sostanza del Vangelo come unica ed eterna verità, al di là di ogni contingenza storica o di moda”. Solo 33 i giorni sul Soglio petrino, sufficienti però per “far comprendere alcuni elementi fondamentali per la missione: porsi accanto al dolore dei fratelli, la volontà di dialogare con il mondo, la ricerca della pace, l’unità dei cristiani, la collegialità episcopale”. Tematiche, scrive ancora il Papa, che “rappresentano un sicuro punto di riferimento per trovare soluzioni concrete alle tante difficoltà e alle innumerevoli sfide che la Chiesa deve affrontare ai nostri giorni”.

Parole, queste, riecheggiate anche nell’intervento del cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, presidente della Fondazione: “Papa Giovanni Paolo I è stato e rimane un punto di riferimento nella storia della Chiesa universale, la cui importanza - come aveva fatto osservare San Giovanni Paolo II - è inversamente proporzionale alla durata del suo brevissimo pontificato: Magis ostentus quam datus”. Parolin ha espresso la soddisfazione per il lavoro di “paziente recupero” delle fonti documentali che ha portato all’organizzazione del Convegno e alla redazione del libro LEV Il magistero: lavoro “mai effettuato” prima e “fin dall’inizio portato avanti con tenacia e perseveranza dalla vicepresidente e vicepostulatrice della causa, Stefania Falasca”.

“È stato un vescovo che ha vissuto l’esperienza del Concilio Ecumenico Vaticano Il, l’ha applicato e nel suo breve pontificato ha fatto progredire la Chiesa lungo le strade maestre da esso indicate: la risalita alle sorgenti del Vangelo e una rinnovata missionarietà, la collegialità episcopale, il servizio nella povertà ecclesiale, la ricerca dell’unità dei cristiani, il dialogo interreligioso, il dialogo con la contemporaneità e il dialogo internazionale, condotto con perseveranza e determinazione, in favore della giustizia e della pace”, ha detto ancora Parolin. Alla luce delle fonti è dunque possibile “una riconsegna piena della memoria di Papa Luciani”, aprendo pure “nuove prospettive di studio sulla sua opera, inducendo a soffermarsi oggi sul suo magistero, ad una lettura teologico-pastorale, storica, ecumenica, ecclesiale. Tanto più motivati dalla stringente attualità del suo messaggio”

È seguito l’incontro con suor Margherita Marin, 81 anni, l’unica sopravvissuta delle quattro suore di Maria Bambina che si presero cura di Giovanni Paolo I nell’appartamento pontificio fino alla morte. Fu proprio suor Margherita a trovare il corpo senza vita del Pontefice, con in mano dei fogli dattiloscritti. La religiosa oggi ha regalato al cardinale Parolin la radiolina personale che Luciani teneva sempre con sé

.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/05/2022
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Gnosticismo e pelagianesimo: le ideologie che mutilano il Vangelo

La sintesi della trasmissione di ieri su Radio Mater “Temi di Dottrina sociale della Chiesa”. Dedicata alla terza Esortazione apostolica di Papa Francesco

Leggi tutto

Chiesa

Papa: l’Europa malata di stanchezza

Papa Francesco celebra a San Pietro la Messa coi partecipanti alla plenaria del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (Ccee), per il 50.mo dell’istituzione.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: grazie ai missionari che testimoniano Gesù

Papa Francesco applaude agli annunciatori che portano il Vangelo dove non è conosciuto “non per proselitismo” e ricorda le nuove Beate, suor Lucia dell’Immacolata e la giovane Sandra Sabattini

Leggi tutto

Chiesa

Al legislatore non chiedete “favori” ma proclamate diritti “

Al legislatore, spiega Francesco ai membri dell’Unione giuristi cattolici italiani che partecipano al loro 70.mo congresso nazionale, non chiedete “favori” ma proclamate diritti “che derivano dalla dignità umana

Leggi tutto

Chiesa

San Giuseppe, il padre putativo di Gesù

Nella prima udienza generale dell’anno, il Papa prosegue il ciclo delle catechesi dedicate a San Giuseppe che pur non essendo il padre biologico di Gesù se ne prese cura con infinito amore

Leggi tutto

Chiesa

Papa: la giustizia è credibile se libera dalla politica

Nell’udienza ai membri del Consiglio Superiore della Magistratura italiana, Papa Francesco ribadisce che chi amministra questo valore deve testimoniare verità, fiducia, lealtà e purezza di intenti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano