Storie

di Raffaele Dicembrino

Compie due anni il Santuario della Madonna del silenzio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La Madonna del Silenzio è la Madonna dei nostri giorni, giorni che hanno bisogno di profondo silenzio: silenzio di compassione e solidarietà, silenzio di preghiera e contemplazione”. Lo ha affermato sabato 8 maggio il cardinale Luis Antonio Tagle, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, in una conferenza tenuta presso il Santuario della Vergine del silenzio, sorto due anni fa ad Avezzano, nell’Italia centrale, per iniziativa di Papa Francesco.

Tutto nasce dall’iniziativa di un cappuccino, fra Emiliano Antenucci, oggi Rettore del Santuario, che nel 2010 commissiona l’icona rappresentante la Madonna con l’indice della mano destra sulle labbra, a chiedere silenzio, alle monache benedettine dell’Isola di San Giulio d’Orta. Nel giugno 2016 fra Emiliano porta l’icona originale da Papa Francesco che la benedice e la autografa scrivendo dietro l’icona: “Non sparlare degli altri!”. Poi, nel 2019, il Papa scrive una lettera al ministro provinciale dei Cappuccini d’Abruzzo, chiedendogli di “trovare un posto, una chiesa, dove si possa dare culto pubblico alla Madonna del silenzio”. Quattordici mesi dopo nasce il Santuario che compie in questi giorni due anni di vita. Nella piccola chiesa del complesso religioso oggi l’icona è conservata sull’altare e continua ad attrarre pellegrini da tutta Italia.

“Sono stati due anni di grazie e di miracoli, soprattutto nello Spirito - commenta fra Emiliano ai microfoni di Radio Vaticana - perché, come ha detto il Santo Padre, la Vergine del silenzio è Colei a cui possiamo chiedere di purificarci lo sguardo e il parlare. Il silenzio è la vera riforma e rivoluzione della Chiesa”. “Questo di cui sono Rettore - spiega ancora il religioso - è il primo Santuario al mondo dedicato alla Vergine del Silenzio. Il Papa l’ha voluto perché ha una devozione speciale per questa Madonna. Ho saputo che Francesco ha una copia dell’icona nel suo ufficio e un’altra l’ha fatta sistemare nel Palazzo Apostolico in Vaticano. Credo, e lo dico con un po’ di presunzione, che sia una Madonna che parla più delle altre, perché il silenzio è il primo linguaggio dell’amore”.

Ventiquattro mesi dopo la nascita del Santuario, il Rettore torna con la mente agli anni in cui si interrogava sull’opportunità di creare un luogo dedicato alla Vergine del silenzio. “Ricordo che un giorno gli occhi mi caddero su quel passo della Scrittura che recita ‘La mia casa sarà chiamata casa di preghiera per tutte le nazioni’. E devo dire che quelle parole del Vangelo qui ad Avezzano si sono avverate: proprio ieri mi hanno scritto dalla Corea del Sud, perché sono interessati a diffondere questa devozione. Mi hanno scritto anche dalla Cina, per lo stesso motivo”. “Guardando al futuro - conclude fra Emiliano - mi auguro davvero che questa Madonna sia conosciuta in tutto il mondo. Credo sia importante anche per il futuro della Chiesa. Penso infatti che oggi si facciano troppi convegni e si sia persa la dimensione dell’incontro con il Risorto e con gli altri, l’arte dell’amicizia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/05/2022
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Al male bisogna opporsi

Ancora una volta sul web c’è chi dà patenti di misericordiosità. Io, ovviamente, non sono misericordiosa, perché ho attaccato il neo ministro Fedeli. Invece bisogna offrire appoggio, e collaborazione, e testimoniare senza opporsi. Ma al male, non alle persone, bisogna opporsi. È vero, abbiamo scherzato tutti sulla sua non laurea, ma molti senza parole offensive (io per esempio ho diffuso un invito alla sua fantomatica festa di laurea in un autogrill: saremo in più di dodicimila, io porto le patatine), e personalmente trovo molto deprimente che qualcuno pensi di sembrare più importante con una laurea (alcune tra le persone che stimo più al mondo non ce l’hanno).

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco - Viaggio Apostolico a Budapest: Angelus

Durante l’Angelus Il Papa si rivolge alla “grande famiglia cristiana ungherese”, fratelli e sorelle “in cammino verso la piena unità”. Poi, scandito da un affettuoso applauso dei fedeli, il saluto di cuore al Patriarca Bartolomeo - che chiama ‘Fratello’ - alla Chiesa locale e a quanti si sono adoperati per i lavori del Congresso eucaristico internazionale e per l’organizzazione della visita apostolica

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’ncontro con le Clarisse al Protomonastero di Assisi

Il Papa incontrando le Clarisse ha sottolineato l’importanza di avere una mente in pace ed un cuore sereno.

Leggi tutto

Politica

Si avvicina la festa nazionale del PDF e de La Croce quotidiano

Intervista a Mirko De Carli nell’imminenza dell’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia e della festa nazionale de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano