Storie

di Nathan Algren

PAKISTAN - I cristiani: No a raduni politici su terreni della Chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I cristiani in Pakistan condannano rigettano e stigmatizzano l’organizzazione di raduni politici su terreni, in edifici e proprietà delle Chiese. Come appreso da Fides, il partito politico dell’ex Primo Ministro Imran Khan, ha organizzato un raduno politico pubblico nel complesso di una scuola gestita dalla Chiesa Presbiteriana del Pakistan nella città di Sialkot, in Punjab, che viene utilizzato per organizzare un congresso cristiano annuale in Pakistan. Il Pakistan Tehreek-e-Insaaf (PTI) ha programmato il raduno dei propri militanti e sostenitori la sera del 14 maggio 2022.

Il Rev. Ishaq Masih, Pastore Incaricato della Chiesa Presbiteriana del Christian Training Institute (CTI) in un messaggio inviato all’Agenzia Fides afferma: “Il terreno nella CTI Boys High School è una proprietà della Chiesa ed è stato per la preghiera annuale della ‘Convenzione di Sialkot’, assemblea di preghiera cristiana che si svolge ogni anno fin dal 1904”. Il Pastore aggiunge: “La proprietà appartiene alla Chiesa dal 1881. Desideriamo che i beni della Chiesa non vengano utilizzati per nessuno degli incontri politici. Abbiamo anche chiesto all’Ufficiale di coordinamento distrettuale di polizia di spostare questo raduno politico in un altro luogo”.
Poi aggiunge: “Spero che i funzionari del governo ascoltino la nostra richiesta e riescano a dirottare l’incontro altrove. diversamente, renderemo noto il nostro pieno dissenso per l’utilizzo delle proprietà della Chiesa senza il permesso della direzione e amministrazione della Chiesa”, conclude il Pastore.

La CTI High School è stata fondata nel 1881 e da dispone di un terreno che è di proprietà della scuola e si trova al confine tra la CTI High School e la proprietà della CTI Church. L’amministrazione scolastica e ecclesiastica è venuta a conoscenza di questo incontro politico dopo che i volontari del PTI hanno iniziato ieri i preparativi sul terreno. Essendo un luogo normalmente usato per raduni religiosi, tenere un raduno politico in questo luogo danneggerà i sentimenti religiosi della comunità cristiana in Pakistan.

L’amministrazione della Chiesa ha presentato ricorso al Tribunale della città di Lahore e ha diffuso una nota di protesta a livello nazionale.
Shabbir Shafqat, presidente del “National Christian Party”, dice a Fides di “opporsi fermamente alla decisione del PTI di organizzare raduni politici in edifici o terreni delle Chiese”. Anche il cristiano Nasir Raza, impegnato per i diritti umani a Karachi, dichiara: “La Chiesa non fa politica e non acconsente a tenere manifestazioni politiche nelle sue proprietà. Tutti i partiti politici devono rispettare i beni ecclesiastici e l’amministrazione della Chiesa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/05/2022
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Politica

La libertè cancellata in Francia

La riforma liberticida, che dovrà ora affrontare l’esame del Senato, parte da un’iniziativa del governo di Hollande. Lo scopo che si prefiggono i socialisti è molto chiaro: spegnere la voce dei siti Internet curati da vari organismi pro-life. Una offensiva che fa il paio con la legge – approvata giusto un anno fa dalla maggioranza – che sopprimeva la settimana obbligatoria di riflessione per le donne intenzionate ad abortire. L’idea che si è voluta imporre è questa: la donna è sola arbitra della propria decisione di abortire, che da facoltà depenalizzata e concessa ad alcune condizioni si trasforma in un diritto individuale. Va dunque eliminata qualsiasi figura intermedia, va tolto di mezzo qualsiasi confronto un’istanza esterna alla propria volontà.

Leggi tutto

Politica

Omofobia in Umbria: si fa presto a dire “legge”

Lo statuto speciale della regione italiana a più alta concentrazione di santi ha permesso il varo di tante leggi regionali, la cui inefficacia dimostra il marchio ideologico

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Politica

La questione politica dirimente

Non c’è giustificazione o missione che tenga quando in parlamento si legifera di vita o di morte. Come hanno dimostrato i grillini tutti compatti e precettati (88 su 88), i bersaniani tutti compatti e precettati (40 su 40), i vendoliani tutti compatti e precettati (17 su 17) e i democratici tutti compatti e precettati (283 su 283). Sui principi non negoziabili purtroppo, sinistra e grillini hanno dimostrato di essere molto più seri di quella strana “Arca di Noè” che è il centrodestra.

Leggi tutto

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano