Politica

di la redazione

Adinolfi: «Omotransfobia? io ricordo Calabresi»

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Giordani celebra la giornata della omotransfobia? Io ricordo i 50 anni dall’omicidio Calabresi».

Adinolfi

«Leggo che il Pd e il centrosinistra che sostiene Sergio Giordani si prepara a ‘celebrare’ la giornata della omotransfobia - premette - .Sono proprio curioso e chiedo: ma un sindaco di una città ferita dal terrorismo come Giordani, candidato sindaco della sua strana macedonia, il 17 maggio che fa? Io il 17 maggio ricordo i 50 anni dall’omicidio di Luigi Calabresi, colpevolmente dimenticato dalle istituzioni. Ma al ministero dell’Istruzione e nella coalizione padovano di Giordani ci sono quelli che oggi lisciano il pelo alla lobby Lgbt e ieri stavano con chi firmava gli appelli affinché ‘il macellaio Calabresi’ fosse isolato e poi ucciso. Un commissario di polizia di appena 34 anni, cattolico, padre di tre figli, che fu colpito con una pistolettata alle spalle da un vile di Lotta Continua che campa libero da oltre 15 anni, perché graziato da un presidente della Repubblica (Ovidio Bompressi, graziato per motivi di salute nel 2006 da Napolitano, ndr) che decise di farlo uscire di corsa dal carcere come primo atto del suo settennato. Questo è lo Stato italiano, che oggi vuole obbligare al gay pride i bambini delle elementari e offende i suoi servitori che hanno dato la vita. La circolare che doveva arrivare nelle scuole per il 17 maggio doveva chiedere ai docenti di ricordare il sacrificio di Luigi Calabresi mezzo secolo fa, che fu preludio all’uccisione di 442 tra poliziotti, carabinieri, magistrati, avvocati, manager, industriali, politici, giornalisti, docenti in stragrande maggioranza cattolici la cui unica colpa era credere nelle istituzioni cioè in tutti noi. Sono stati ripagati con un vergognoso oblio e il 17 maggio viene appaltato alle lobby alla moda. Non bastavano Raiuno e il festival di Sanremo? Da italiano arrossisco di vergogna: a scuola bisogna studiare la nostra storia, compresi i decenni tragici del terrorismo, non spacciare nelle classi l’ideologia gender. Capito Giordani?» chiude Adinolfi, alleato di Francesco Peghin.

FURLAN

Ad Adinolfi si è subito unito Gianpaolo Furlan, presidente del circolo del Popolo della Famiglia di Padova. «Il Comune di Padova aderendo alla Giornata Internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia che ricorre il 17 maggio, nonostante il Parlamento, nel respingere il Ddl Zan, abbia deciso di non istituire nel nostro paese tale giornata, emargina ancora una volta quella parte di cittadini che non condivide l’imposizione per legge di una nuova antropologia e mostra di ignorare la decisione del Parlamento - sostiene Furlan - .Siamo sempre contro ogni discriminazione e per la tutela della dignità di ogni persona e proprio in forza di questo ci opponiamo ad una visione che definisce la persona unicamente sulla base dei vari orientamenti sessuali, riducendone così le potenzialità a quello che esprime dalla cintola in giù. La posizione assunta dalla nostra amministrazione denota la precisa volontà di contribuire al superamento del genere binario per introdurre il genere fluido e confondere in particolare le giovani generazioni sulla loro identità più profonda. Tutto ciò è inaccettabile. Riteniamo poi gravissimo il contenuto della Circolare del Ministero dell’Istruzione con la quale si invitano le scuole di ogni ordine e grado a celebrare il 17 maggio la giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia - chiude- facendo così rientrare dalla finestra quello che il Parlamento italiano ha fatto uscire dalla porta. Per questo invitiamo le famiglie a prestare attenzione e a pretendere che qualsiasi proposta dagli istituti scolastici preveda il consenso preventivo informato dei genitori».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/05/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La fame di Ivan, paravento di una sconfitta politica

A proposito di due recenti apparizioni televisive del sottosegretario alle Riforme

Leggi tutto

Società

Il fallimento delle unioni civili

Credo che i Family Day abbiano ottenuto concretamente lo stralcio della stepchild adoption, lo stop alla legalizzazione di fatto dell’utero in affitto e abbiano anche reso evidente la presenza di un popolo pronto a dare battaglia politicamente, cosa che si è verificata poi con la nascita del Popolo della Famiglia. Le manifestazioni Lgbt hanno portato a casa una brutta legge che non piace neanche a chi si è battuto per averla, peraltro con una mancanza di soggettività politica reale. Sbaglierò ma vedo il mondo Lgbt frastagliato in mille sigle e siglette tra loro anche in conflitto aspro. Esiste poi una dimensione lobbistica in cui invece credo che siete un passo avanti a noi.

Leggi tutto

Politica

Da Parigi un’Europa vera grida all’impostura della falsa

E sulla “Dichiarazione di Parigi”, firmata da immortali e altri accademici di fama, cala il silenzio

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è la sola alternativa

Il Popolo della famiglia, oggi sta continuando a seminare. Oggi mette sempre al centro la buona politica: il fare per l’altro. Oggi continua sempre di più il suo operato. Ci siamo e stiamo continuando a radicarci in tutto il territorio italiano e nelle politiche del 4 Marzo, nonostante tutto e tutti ci siamo presentati in autonomia, 220mila persone hanno sbarrato il nostro simbolo. 220 mila per molti una sconfitta ma per noi, per me rappresentano un INIZIO. Alle amministrative abbiamo superato in molti comuni l’1% e non è scontato.

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Politica

Destra e sinistra

Ho imparato da piccolo che chi mi dice “rossi e neri sono tutti uguali” dice una bugia. E ho sviluppato una idiosincrasia alla semplificazione e alla banalizzazione, sia di destra che di sinistra.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano