Politica

di Roberto Signori

COLOMBIA - Approvata la depenalizzazione del suicidio assistito

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte costituzionale della Colombia ha deciso di depenalizzare il suicidio medicalmente assistito (SMA). In questo modo si permette alle persone che lo chiedono di accedere a una morte dignitosa. Il suicidio medicalmente assistito viene consentito quando al paziente viene diagnosticata una lesione fisica o una malattia grave e incurabile, ma anche quando il paziente soffre di intensi dolori fisici o mentali incompatibili con il concetto di una vita dignitosa. Fino ad ora in Colombia erano previsti dai 16 ai 36 mesi di carcere per i medici che praticavano il suicidio assistito.

“La Conferenza Episcopale, in armonia con il perenne insegnamento della Chiesa e la sua fondamentale opzione di servire integralmente l’essere umano, e facendo propri i sentimenti del popolo credente, accoglie con profondo dolore la decisione della Corte Costituzionale di favorire il suicidio medicalmente assistito (SMA)”. Nella dichiarazione intitolata “Siamo responsabili della vita!”, i Vescovi colombiani ribadiscono la loro vicinanza a tutti, esortando a “tradurre l’amore di Cristo in gesti concreti di preghiera, affetto, servizio e accompagnamento di fronte al dolore”, come fece il buon Samaritano.

Quindi, come Chiesa cattolica, si appellano alle autorità del Paese affinché “siano coerenti con il valore inviolabile della vita umana, sancito dalla Costituzione colombiana (art. 11)”, e le decisioni prese abbiano per obiettivo “la sua protezione, difesa e cura e non la sua distruzione”. Quanti soffrono, le loro famiglie e ogni essere umano, sono esortati a respingere “la tentazione, a volte indotta da cambiamenti legislativi, di usare la medicina per produrre la morte”. Infine ribadiscono che “nessun operatore sanitario può essere costretto a collaborare alla morte degli altri”, quindi deve essere garantito il diritto fondamentale all’obiezione di coscienza personale, “così come siano salvaguardati i principi della missione e della visione delle Istituzioni secondo la loro natura, che le identifica a favore della vita”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/05/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Politica

Giornate dense

Il Popolo della Famiglia prosegue la sua opera per cambiare la società e la gente lo segue

Leggi tutto

Chiesa

Il santo dell’apologetica francese dell’800

Uomo di pensiero e di azione, Federico Ozanam è per gli universitari del nostro tempo, professori e studenti, un modello di impegno coraggioso capace di far udire una parola libera ed esigente nella ricerca della verità e nella difesa della dignità di ogni persona umana». Così Giovanni Paolo II, beatificandolo a Notre Dame, nel 1997, definiva il santo cui è stato assegnato uno dei posti più in ombra del calendario cattolico, la casella odierna, riempita dalla Vergine.

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è la sola alternativa

Il Popolo della famiglia, oggi sta continuando a seminare. Oggi mette sempre al centro la buona politica: il fare per l’altro. Oggi continua sempre di più il suo operato. Ci siamo e stiamo continuando a radicarci in tutto il territorio italiano e nelle politiche del 4 Marzo, nonostante tutto e tutti ci siamo presentati in autonomia, 220mila persone hanno sbarrato il nostro simbolo. 220 mila per molti una sconfitta ma per noi, per me rappresentano un INIZIO. Alle amministrative abbiamo superato in molti comuni l’1% e non è scontato.

Leggi tutto

Politica

Le leggi formano il costume

Quando si propone una norma va valutata anche dal punto di vista etico anche se questo aggettivo sembra non piacere più a nessuno, ma chi ritiene di far premio su una visione cristiana della vita la scorciatoia dell’amoralità non può permettersela.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano