Politica

di la redazione

Mario Adinolfi per Margherita Ruffino ad Asti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, protesta contro la circolare del ministro Bianchi sul 17 maggio da dedicare nelle scuole alla giornata della omotransfobia e entra nella campagna elettorale astigiana dove candida sindaco la 74enne Margherita Ruffino: “Leggo che il Pd e il centrosinistra che sostiene Paolo Crivelli si prepara a ‘celebrare’ la giornata della omotransfobia. Sono proprio curioso e chiedo: ma un candidato sindaco come Crivelli il 17 maggio che fa? Io il 17 maggio con il nostro candidato sindaco Margherita Ruffino ricordo i 50 anni dall’omicidio di Luigi Calabresi, colpevolmente dimenticato dalle istituzioni.

Ma al ministero dell’Istruzione e nella coalizione astigiana di Crivelli ci sono quelli che oggi lisciano il pelo alla lobby Lgbt e ieri stavano con chi firmava gli appelli affinché ‘il macellaio Calabresi’ fosse isolato e poi ucciso. Un commissario di polizia di appena 34 anni, cattolico, padre di tre figli, che fu colpito con una pistolettata alle spalle da un vile di Lotta Continua che campa libero da oltre 15 anni perché graziato da un presidente della Repubblica che decise di farlo uscire di corsa dal carcere come primo atto del suo settennato.
Questo è lo Stato italiano che oggi vuole obbligare al gay pride i bambini delle elementari e offende i suoi servitori che hanno dato la vita. La circolare che doveva arrivare nelle scuole per il 17 maggio doveva chiedere ai docenti di ricordare il sacrificio di Luigi Calabresi mezzo secolo fa, che fu preludio all’uccisione di 442 tra poliziotti, carabinieri, magistrati, avvocati, manager, industriali, politici, giornalisti de La Stampa come Casalegno, docenti in stragrande maggioranza cattolici la cui unica colpa era credere nelle istituzioni cioè in tutti noi.

Sono stati ripagati con un vergognoso oblio e il 17 maggio viene appaltato alle lobby alla moda. Non bastavano Raiuno e il festival di Sanremo? Da italiano arrossisco di vergogna: a scuola bisogna studiare la nostra storia, compresi i decenni tragici del terrorismo, non spacciare nelle classi l’ideologia gender. Capito Crivelli? Anche per questo ad Asti invito a votare per il Popolo della Famiglia e per Margherita Ruffino sindaco”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/05/2022
2611/2022
San Leonardo da Porto Maurizio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

A Camaldoli per il bene comune

A Camaldoli per il bene comune e per la festa de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

Politica

GLI OBIETTIVI POLITICI DEL POPOLO DELLA FAMIGLIA

Chi vota Popolo della Famiglia il 26 maggio, in una tornata elettorale caratterizzata dalla legge elettorale proporzionale pura con cui si vota alle Europee, vuole rafforzare la capacità di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato di essere determinante. La rappresentanza di quanti in Italia si oppongono alla deriva nichilista del “partito radicale di massa” non può essere appaltata ad altri

Leggi tutto

Politica

Senza manco capir perchè

Ecco perchè la sinistra continua a perdere consensi in Italia e nel mondo…...

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia presente alla Falchera

Si volantina tra la gente a sostegno di Damilano, un sindaco anche per le famiglie delle periferie.

Leggi tutto

Politica

POPOLO DELLA FAMIGLIA: “LA SINISTRA DICA NO ALL’UTERO IN AFFITTO”

Barbara Figus, coordinatore regionale del Popolo della Famiglia Sardegna, commenta la vicenda della bambina commissionata tramite utero in affitto e successivamente abbandonata in Ucraina:

Leggi tutto

Politica

Modena: no alla giornata per la vita nascente

I due ordini del giorno, proposti da Lega Modena e Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, non sono stati approvati dal consiglio comunale modenese

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano