Storie

di Roberto Signori

NIGERIA - Fermare la violenza: imperativo della politica e della Chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’ondata di violenze non si ferma e mette in ginocchio la popolazione. Lo dichiara preoccupato Padre Lawrence Emehel, Direttore per lo Sviluppo della diocesi di Sokoto, comprendente, oltre allo stato di Sokoto, gli Stati di Kebbi, Katsina e Zamfara. “I banditi in azione – afferma - hanno vari background. Alcuni sono allevatori Fulani locali in cerca di vendetta per le recenti uccisioni a opera di gruppi di contadini nel corso degli scontri tra questi due gruppi nella zona. Altri invece sono Fulani stranieri giunti in soccorso dei loro ‘fratelli’ in lotta contro le comunità di contadini. Sono arrivati da noi dalle zone del Sahel, dal Burkina Faso, la Mauritania o altre aree. Poi c’è un’area grigia composta da banditi locali che si uniscono a Boko Haram che sta approfittando del vuoto creato dall’insicurezza generalizzata”.

Continua il sacerdote: “I terroristi che usano l’ideologia islamica si inseriscono nel caos e realizzano rapimenti o chiedono tasse agli abitanti dei villaggi, ai viaggiatori. Naturalmente tutte queste categorie professano la religione islamica ma dalle testimonianze che ci vengono da chi è stato rapito e rilasciato, non sono particolarmente interessati a questo aspetto e non agiscono in nome della fede. In genere uccidono per vendetta. Oppure, quando sono in fuga dall’esercito che dà loro la caccia, per frustrazione danno fuoco o sparano ai civili al loro passaggio a prescindere da chi essi siano”.
Si sono sollevate molte polemiche in Nigeria sull’inazione del governo nel prevenire o limitare gli scontri in molte zone del Paese vessato da molti focolai di violenza in molti stati.
“La risposta del governo a questa situazione – rileva - è senza dubbio deficitaria. Non ha utilizzato pienamente le risorse per rinforzare l’ intelligence, circoscrivere il problema e cercare soluzioni reali. La responsabilità costituzionale del governo è tutelare la sicurezza delle vite dei cittadini e le loro proprietà e fare in modo che il loro lavoro proceda senza minacce e terrorismo. SI dice che l’architettura della sicurezza impostata dal governo stia crollando anche a causa delle divisioni etno-religiose dei responsabili. Molti di loro vengono dal Nord e sono musulmani. Naturalmente, nella normalità, ciò non dovrebbe porre nessun ostacolo al buon governo, ma alla base delle scelte della leadership ci dovrebbero essere merito e competenza”.
In tale cornice, la Chiesa cattolica, spiega il sacerdote, non resta a guardare. Si moltiplicano gli appelli di Vescovi e rappresentanti alla riconciliazione e a un’azione più efficace del governo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/05/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Scuola - Il nuovo anno scolastico

L’inizio dell’anno scolastico è diventato per molti il nuovo Capodanno, cosa che in effetti è, per certi versi, e che comporta quindi la formulazione di tutti i buoni propositi che ognuno di noi scrive in un massimo di dieci punti e che dovrebbero renderci migliori rispetto all’anno trascorso.

Leggi tutto

Politica

“Devono sputare sangue…”: l’attacco choc del Pd

“La Puglia è la Stalingrado d’Italia, qualunque cosa accada da qui non passeranno, gli faremo sputare sangue”. Così Michele Emiliano chiude il suo discorso elettorale sul palco del Pd. Enrico Letta che lo ascoltava in poltrona si alza, gli va incontro, ma anziché prendere le distanze da quelle parole violente, lo abbraccia.

Leggi tutto

Storie

Haiti: crescono le violenze contro le chiese

I Vescovi denunciavano inoltre alcuni conduttori radiofonici, che vogliono coinvolgere la Chiesa cattolica nel traffico di armi, minacciando di compiere atti violenti contro gli edifici ecclesiali, i sacerdoti, le suore e i collaboratori delle istituzioni cattoliche. Hanno quindi ribadito che la Chiesa cattolica “non è coinvolta nel commercio di armi”, e hanno chiesto di “smettere di seminare confusione tra la popolazione. La diffamazione e la calunnia sono peccati gravi”.

Leggi tutto

Storie

INDONESIA - Tragedia nello stadio di Malang, i cattolici offrono sostegno

Il giorno dopo la violenza e il disastro nello stadio di Malang, nella parte orientale dell’isola di Giava, che ha fatto 127 morti (tra i quali un bambino di 5 anni), la Chiesa cattolica indonesiana offre sostegno morale e materiali

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e le due sessioni del sinodo

Al termine della preghiera mariana, il Papa ha annunciato che i frutti del cammino sinodale sono molti e pertanto hanno bisogno di maturazione. Da qui la decisione di svolgere due sessioni del Sinodo nell’ottobre 2023 e nell’ottobre 2024

Leggi tutto

Chiesa

Hollerich: la Chiesa deve cambiare

In una lunga intervista a L’Osservatore Romano, il cardinale presidente della Commissione che riunisce gli episcopati europei parla di quanto la fase di preparazione ai prossimi Sinodi stia facendo emergere l’urgenza di un cambio di passo della pastorale: pur fermi nel Vangelo dobbiamo essere capaci di annunciarlo all’uomo di oggi che per lo più lo ignora e questo implica la disponibilità a lasciarci trasformare anche noi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano