Politica

di la readazione

Adinolfi candidato a sindaco di Ventotene

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ripopolare l’isola sperimentando il reddito di maternità”. E’ questo l’obiettivo del Popolo della famiglia che, dopo aver presentato le sue liste di ispirazione cristiana nei comuni capoluogo in vista delle amministrative del 12 giugno prossimo, scende in campo a Ventotene con la candidatura a sindaco del presidente nazionale del movimento Mario Adinolfi. Si tratta dunque di un’altra candidatura, che si affianca a quelle dell’uscente Gerardo Santomauro, sfiduciato nei mesi scorsi, di Luca Vittori e di Carmine Caputo.

Adinolfi aveva già tentato in passato la candidatura proprio sull’isola di Ventotene nel 2017. “Questa volta non volevo - spiega - ma sono stato convinto a farlo da un quinquennio di continua erosione della popolazione dell’isola. Ventotene è il perfetto microcosmo in cui può rispecchiarsi l’Italia intera: un luogo straordinariamente bello adagiato al centro del Mediterraneo, dove non nascono più figli e dominano gli anziani, inospitale per le giovani famiglie e per i più deboli perché manchevole sia sul piano della sanità che su quello dell’istruzione, in mano a una politica clientelare e ferocemente rissosa che bada al bene proprio più che a quello comune. Così la bellezza sbiadisce, la ricchezza che potenzialmente potrebbe essere prodotta diventa sussistenza, si vive nella gestione del giorno per giorno senza una visione sul futuro. Il Popolo della Famiglia proverà a proporre la sua visione fatta di giovani coppie, di un’isola a misura di bambino, di sostegno concreto a anziani e disabili’. “Con la tradizionale proposta del Popolo della Famiglia del reddito di maternità - spiega ancora - intendiamo attrarre entro il 2023 almeno 50 giovani coppie che diventeranno residenti dell’isola. Ventotene si ripopolerà e si capirà come si può far ripartire la natalità e la produzione di ricchezza in tutta Italia. Ventotene sarà laboratorio politico per l’Italia e per la nuova Europa che non può essere quella dei banchieri e delle forniture di armi, ma deve essere l’Europa delle Famiglie. Prima della fine della campagna elettorale presenterò alla stampa il Nuovo Manifesto di Ventotene per la centralità dell’Italia nella costruzione della nuova Europa, che non potrà rinunciare alla sua radice cristiana. La sfida è difficilissima, su una piccola isola il rischio di prendere zero voti per via degli interessi cementati che si vanno a sfidare è concreto. Ma anche questo è parte del laboratorio politico che inneschiamo con la mia candidatura a sindaco: vedere quanto ascolto ci può essere per una proposta che parla di futuro e non di mera gestione dell’esistente”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/05/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Lettera alla Marzano: i bambini hanno diritto ad una mamma ed un papà

Sganciare il concetto di gravidanza con quello di maternità come tenta di argomentare la Marzano desta perplessità fondate: una donna che decide di portare alla luce un figlio come può farlo scegliendo di non allevarlo?

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia a Pomezia

Mario Adinolfi: “all’assemblea nazionale di Pomezia sono state dette parole che resteranno. Un altro pezzetto di strada l’abbiamo compiuto, come piace a noi, insieme. Viva il Popolo della Famiglia”.

Leggi tutto

Politica

Quirinale. I cattolici tifano Cartabia ed Adinolfi

Per la corsa al Quirinale i cattolici tifano Cartabia, secondo Berlusconi, terza Casellati. Segue Adinolfi

Leggi tutto

Politica

UCRAINA: DI MATTEO (PDF), “SIAMO VICINI ALLA POPOLAZIONE CIVILE”

Di Matteo: “RACCOGLIAMO L’APPELLO DI PAPA FRANCESCO ALLA PREGHIERA E AL DIGIUNO”

Leggi tutto

Politica

PdF Marche: un Reddito di Maternità di 300 euro al mese

La nota del PDF Marche riguardante la richiesta di sostegno per famiglia e genitorialità presentata in Regione Marche.

Leggi tutto

Politica

Verona: Tommasi, inserita nel programma l’adesione alla “Carta Re.a.dy”

Il candidato sindaco sinistro di Verona, Damiano Tommasi, ha inserito nel programma elettorale l’adesione alla “Carta Re.a.dy”, ovvero promozione (anche nelle scuole) dell’ideologia gender.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano