Storie

di Roberto Signori

NIGER - “Non mi sono mai pentito di essermi convertito al cristianesimo”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Non è facile essere cristiani in Niger oggi, e ancor più dopo il jihadismo alimentato da movimenti come Al Qaeda o Boko Haram, presenti nel Paese” scrive padre Rafael Casamayor, sacerdote della Società per le Missioni Africane (SMA), dalla missione presente a Dosso. Il sacerdote ha riportato la testimonianza di un cristiano che veniva dall’Islam e che oggi fa parte della comunità cattolica di Dosso. “Non ci ho messo molto a trovare Pierre, è un uomo discreto, di poche parole e di un’intensa vita interiore. Un tesoro nella nostra missione perché ci porta subito nel cuore della nostra fede, l’amore verso Dio e verso il prossimo”.

“Sono di Filengué, djerma o songhay, come preferite, - interviene Pierre - e fin da bambino ho ricevuto un’educazione musulmana. Dopo la scuola sono andato alla madrasa coranica dove ho studiato i principi islamici con i bambini e gli adolescenti della mia età. Già alla fine dell’adolescenza ho iniziato a lavorare come saldatore in un laboratorio dove un giorno ho trovato dei libri che erano stati lasciati sui tavoli. Ne presi uno e lo portai a casa. Iniziai a leggerlo e da allora non mi sono separato da esso, era il Nuovo Testamento” sottolinea l’uomo. “Amavo leggere quel libro, c’erano storie che mi toccavano il cuore. Mi piaceva parlarne con alcuni colleghi di lavoro, nessuno di loro era cristiano, ma sapevano alcune cose. Erano storie piene di tenerezza e di vicinanza ai più poveri, ma non sapevo a cosa corrispondessero nella vita reale, non conoscevo nessun cristiano. Successivamente mi mandarono a lavorare ad Agadez e lì entrai a far parte della comunità cristiana. Volevo saperne di più sui Vangeli e sulla vita dei cristiani.”

“Il mio soggiorno ad Agadez è stato una benedizione per tutto ciò che ho imparato e sperimentato con la comunità cristiana molto diversificata: c’erano beninesi, togolesi, burkinabé, francesi, nigerini. Ho visto riflesso lo spirito che credevo di aver scoperto nei Vangeli che ho letto nella mia adolescenza a Filengué, e che sono diventati realtà. Nel corso degli anni trascorsi ad Agadez non solo ho scoperto il messaggio di Gesù e una comunità di riferimento che mi ha aiutato a viverlo, ma mi ha anche aperto un percorso spirituale che rispondeva ai miei sogni adolescenziali che avevano alimentato la lettura dei Vangeli.”

Il missionario laico conclude la sua testimonianza affermando con certezza di non essersi mai pentito di essersi convertito alla fede cristiana, “nemmeno per un solo giorno. Quello che trovo difficile da accettare è che i miei figli sono ancora musulmani anche se non li ho mai costretti a seguire le mie orme.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/05/2022
2406/2024
Natività di San Giovanni Battista

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

Chiesa

Mali: liberata suor Narvaez, rapita 4 anni fa

Gioia per il rilascio della religiosa, francescana colombiana, in Mali, dopo anni di prigionia, molti dei quali trascorsi assieme al missionario padre Gigi Maccalli. La suora è in buone condizioni fisiche ed è arrivata in Italia per incontrare Papa Francesco.

Leggi tutto

Società

Torino: ai transgender la possibilità di cambiare nome sugli abbonamenti bus

Dopo Bologna anche Torino vuole infatti introdurre, per le persone transgender, la possibilità di avere il nome di elezione sugli abbonamenti dei mezzi pubblici. Ad annunciarlo, in Commissione consiliare, l’assessore alle Pari Opportunità Jacopo Rosatelli

Leggi tutto

Chiesa

La parabola obbligata della ragione astratta

Il razionalismo astrae, schematizza. La stessa pseudo scienza razionalista va scoprendo il proprio limite di non riuscire a stare dietro alla vita reale con le sue mille sfumature. L’impostazione razionalista orienta non a caso automaticamente verso l’omologazione, lo svuotamento, delle persone in realtà soggiogate dalla tecnica, che teleguida gli stessi potenti che credono di tenerne le redini. Tutto è formalizzato da codici pseudo scientifici che annullano un’autentica, partecipata, ricerca del vero.

Leggi tutto

Storie

India - Karnataka e legge anti conversioni

Il primo ministro locale al governatore: sia promulgata senza attendere il voto della Camera alta del parlamento. Diventerebbe il decimo Stato indiano ad adottare il provvedimento utilizzato contro le attività dei cristiani. L’appello dell’arcivescovo di Bangalore: “Verrà utilizzata da frange estremiste per seminare discordia, il governatore non la approvi”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano