Storie

di Roberto Signori

NIGER - “Non mi sono mai pentito di essermi convertito al cristianesimo”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Non è facile essere cristiani in Niger oggi, e ancor più dopo il jihadismo alimentato da movimenti come Al Qaeda o Boko Haram, presenti nel Paese” scrive padre Rafael Casamayor, sacerdote della Società per le Missioni Africane (SMA), dalla missione presente a Dosso. Il sacerdote ha riportato la testimonianza di un cristiano che veniva dall’Islam e che oggi fa parte della comunità cattolica di Dosso. “Non ci ho messo molto a trovare Pierre, è un uomo discreto, di poche parole e di un’intensa vita interiore. Un tesoro nella nostra missione perché ci porta subito nel cuore della nostra fede, l’amore verso Dio e verso il prossimo”.

“Sono di Filengué, djerma o songhay, come preferite, - interviene Pierre - e fin da bambino ho ricevuto un’educazione musulmana. Dopo la scuola sono andato alla madrasa coranica dove ho studiato i principi islamici con i bambini e gli adolescenti della mia età. Già alla fine dell’adolescenza ho iniziato a lavorare come saldatore in un laboratorio dove un giorno ho trovato dei libri che erano stati lasciati sui tavoli. Ne presi uno e lo portai a casa. Iniziai a leggerlo e da allora non mi sono separato da esso, era il Nuovo Testamento” sottolinea l’uomo. “Amavo leggere quel libro, c’erano storie che mi toccavano il cuore. Mi piaceva parlarne con alcuni colleghi di lavoro, nessuno di loro era cristiano, ma sapevano alcune cose. Erano storie piene di tenerezza e di vicinanza ai più poveri, ma non sapevo a cosa corrispondessero nella vita reale, non conoscevo nessun cristiano. Successivamente mi mandarono a lavorare ad Agadez e lì entrai a far parte della comunità cristiana. Volevo saperne di più sui Vangeli e sulla vita dei cristiani.”

“Il mio soggiorno ad Agadez è stato una benedizione per tutto ciò che ho imparato e sperimentato con la comunità cristiana molto diversificata: c’erano beninesi, togolesi, burkinabé, francesi, nigerini. Ho visto riflesso lo spirito che credevo di aver scoperto nei Vangeli che ho letto nella mia adolescenza a Filengué, e che sono diventati realtà. Nel corso degli anni trascorsi ad Agadez non solo ho scoperto il messaggio di Gesù e una comunità di riferimento che mi ha aiutato a viverlo, ma mi ha anche aperto un percorso spirituale che rispondeva ai miei sogni adolescenziali che avevano alimentato la lettura dei Vangeli.”

Il missionario laico conclude la sua testimonianza affermando con certezza di non essersi mai pentito di essersi convertito alla fede cristiana, “nemmeno per un solo giorno. Quello che trovo difficile da accettare è che i miei figli sono ancora musulmani anche se non li ho mai costretti a seguire le mie orme.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: libertà e diversità fanno paura

È un clima cordiale e familiare a caratterizzare gli incontri di Papa Francesco con i gesuiti durante i suoi viaggi apostolici. Così è stato anche in Slovacchia quando il 12 settembre, nella Nunziatura apostolica di Bratislava, si è ritagliato circa un’ora e mezza con i confratelli del Paese visitato. Questo l’incontro di cui La Civiltà Cattolica riporta la conversazione

Leggi tutto

Chiesa

Quanta Ostia “sugli altari della “mensa” di Dio

Dalla Cattedrale della Basilica di Sant’Aurea fino alla chiesa di Regina Pacis e Santa Monica, nel Servizio presso l’altare: i “riti” della chiesa, Ostia in prima linea: servirli, capirli, crescerci.

Leggi tutto

Chiesa

Il salto di qualità o la speranza di Pirro?

Cercare le vie adeguate per un salto di qualità: il favorire l’autentica maturazione e dunque anche partecipazione delle persone.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani: la guerra ci mette alla prova

In un videomessaggio, il Papa esorta ragazze e ragazzi che si stanno preparando alla Gmg del 2023 a Lisbona, in Portogallo, ad avere coraggio per uscire dalle crisi,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano