{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} PARAGUAY - I Vescovi: L’indipendenza della Patria sarà completa con l’unità

Storie

di Nathan Algren

PARAGUAY - I Vescovi: L’indipendenza della Patria sarà completa con l’unità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’indipendenza della Patria non sarà completa né sarà possibile, senza l’amore tra fratelli paraguaiani simile all’esempio di Gesù” scrive Monsignor Adalberto Martínez Flores, Arcivescovo della Santissima Assunzione, Presidente della Conferenza Episcopale Paraguaiana, in un lungo messaggio pubblicato in occasione del 211° anniversario dell’Indipendenza nazionale dalla Spagna, il 15 maggio 1811.

Ricordando che circa il 90 per cento della popolazione si dichiara cristiana, l’Arcivescovo sottolinea che “la realtà sociale e politica del Paraguay ci interpella come cristiani”, in quanto il paese è segnato dalla violenza in molte forme, dall’emigrazione, dalla povertà, da corruzione e impunità. “Le istituzioni democratiche sono deboli; la presenza e l’azione del narcotraffico e della criminalità organizzata è in aumento” prosegue, sottolineando che “un Paraguay come questo, fa molto male, e lo sottopone a molteplici catene che lo tengono prigioniero e la Patria dei Sogni può diventare un incubo, che richiede nuovi eroi patriottici per mantenere e approfondire l’impresa dell’Indipendenza che ricordiamo oggi”. Monsignor Martínez Flores esorta quindi “tutti i cittadini e tutti gli abitanti del territorio nazionale, qualunque sia la loro nazionalità”, a non permettere che sia loro rubata la gioia o la speranza, e ad accettare le sfide affinché nasca un nuovo Paraguay.

Monsignor Adalberto Martínez Flores esorta a proporsi “orizzonti che guidino il nostro camminare insieme, nella sinodalità, verso un Paese nuovo, veramente indipendente, per la felicità del nostro popolo”. Attraverso il dialogo e il consenso, si può costruire un progetto nazionale: “il Paraguay che vogliamo e di cui abbiamo bisogno”.

Il Presidente della Conferenza Episcopale sottolinea che pensare a un futuro diverso, richiede una profonda conversione, i cambiamenti strutturali “iniziano con cambiamenti di mentalità, atteggiamenti e pratiche culturali che ostacolano la realizzazione del bene comune”. Affronta quindi una serie di temi: i giochi di potere economico e politico sulla scena mondiale che influenzano profondamente il paese; la corruzione, pubblica e privata, che danneggiare la nostra fiducia e spreca le risorse destinate a migliorare le condizioni di vita della gente, specialmente dei settori vulnerabili, dei contadini e delle popolazioni indigene; la democrazia deve essere rafforzata, le autorità siano onesti servitori del bene comune, governando secondo i diritti fondamentali; c’è bisogno di vedere l’altro come un fratello, anche se lui la pensa diversamente da noi. La società è caratterizzata dalla diversità in tutte le aree; la diversità arricchisce, l’omogeneità impoverisce.

In Paraguay diverse istituzioni della sfera pubblica si sono dichiarate pro-vita e pro-famiglia, “questo è molto buono, ma insufficiente” evidenzia l’Arcivescovo, invitando “a tradurre questa dichiarazione di intenti in gesti coerenti”, a prendersi cura della famiglia, dei nostri figli, degli adolescenti e delle persone vulnerabili, proteggendole da ogni tipo di abuso. “L’istruzione e la cultura sono le chiavi dello sviluppo delle persone e della società” prosegue, denunciando la povertà di larga parte della popolazione nonostante il paese produca cibo sufficiente per tutti.
“Desta profonda preoccupazione lo sviluppo della criminalità organizzata, del narcotraffico e dei gruppi radicali” prosegue Monsignor Martínez Flores, citando il brutale omicio del procuratore Marcelo Daniel Pecci Albertini: “Questo abominevole crimine non deve essere considerato come un caso isolato, è una ferita mortale nel cuore di tutti i paraguaiani… La Chiesa sostiene che la priorità non dovrebbe essere data solo all’aumento delle misure legislative o delle forze dell’ordine, ma anche a un’adeguata attenzione alla popolazione e alle condizioni di vita, di salute, di istruzione e di lavoro”.

Nella conclusione il Presidente della Conferenza Episcopale sottolinea: “non si può costruire la Repubblica, la Nazione e la Patria senza cittadini onesti”. Il nuovo Paraguay, la Patria dei Sogni, “deve basarsi su un progetto nazionale fondato sulla dignità della persona umana e sul bene comune, con una politica nazionale di solidarietà e fraternità, al di là delle ideologie e degli interessi dei partiti e dei gruppi di potere”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/05/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Società

Sul filo del rasoio

Una riflessione sui momenti di debolezza e sconforto che tutti noi abbiamo. Arriva il momento in cui vediamo tutto nero e veniamo sopraffatti dal dolore. Arriviamo a un punto in cui non abbiamo più margini di manovra per affrontare le difficoltà e le traversie che incontriamo nel nostro percorso. Lì accadde qualcosa che ribalta tutto, accettiamo la nostra debolezza; le difese si abbassano e possiamo far esplodere le nostre emozioni. Da lì, come liberati da un macigno che ci faceva affondare, possiamo ripartire con un nuovo Spirito. Siamo di nuovo pronti ad affrontare la vita e riprendere a vivere, consapevoli che corriamo sul filo del rasoio; però sappiamo che non siamo mai soli.

Leggi tutto

Storie

In Uganda riaprono le scuole

L’UNICEF sta distribuendo 457 tende ad alte prestazioni per sostenere la riapertura delle scuole nei distretti colpiti dalle inondazioni in Uganda. È la prima volta che queste nuove tende innovative vengono utilizzate in un’emergenza.

Leggi tutto

Storie

In cucina alla ricerca della pace

FOOD&BOOK 2022: LA CENA DI GALA DELL’OTTAVA EDIZIONE SARÀ IN ONORE DELLE CHEF OLIA HERCULES (UCRAINA) E ALISSA TIMOSKINA (RUSSIA). A CUCINARE SARANNO LE CHEF ITALIANE SILVIA BARACCHI E FEDERICA CONTINANZA

Leggi tutto

Media

Le rare voci fuori dal coro

Oggi sono pochissimi i media che non ripetono i ritornelli del potere. La Croce, in ambito cristiano, lascia spazio ad interventi molto diversificati. Anche consentendo una partecipazione meno ingabbiata da formalismi variamente istituzionali. Il quotidiano contribuisce così profondamente ad una più autentica ricerca del vero. Byoblu ha una linea più predeterminata, ma almeno anche geopoliticamente alternativa ai media mainstream. Per cui pur personalmente condividendo poco di tale testata ne considero l’importanza in quanto voce diversa. Munera è una rivista che perlomeno, come Byoblu, consente commenti liberi anche con aggiunta di link.

Leggi tutto

Politica

Elezioni amministrative 2022, i risultati definitivi

Sindaci di centrodestra a Genova, Palermo e L’Aquila già al primo turno. Sono 13 i ballottaggi nelle 26 città capoluogo al voto

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano