Politica

di Roberto Signori

LIBANO - Elezioni, padre Zgheib; cercasi compromesso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dalle urne delle elezioni parlamentari libanesi, svoltesi domenica 15 maggio, esce un quadro politico a rischio paralisi, segnato sia dalla frammentazione delle sigle politiche che dalla polarizzazione dei potenziali assi di alleanza contrapposti.

La coalizione politica che prevaleva nella precedente assemblea parlamentare e ha determinato le ultime compagini governative, formata dal Partito sciita filo-iraniano Hezbollah e dai suoi alleati, perde la maggioranza parlamentare, ma la perdita di seggi è contenuta e non lascia immaginare un possibile rovesciamento del quadro politico. La distribuzione dei seggi tra le singole forze non appare al momento ancora definita in termini certi, ma è sicuro che Hezbollah e i Partiti alleati non controllano più i 70 seggi su 128 su cui potevano contare nel precedente Parlamento. Hezbollah e il suo principale alleato, IL Partito sciita Amal, guidato dal Presidente dell’assemblea parlamentare Nabih Berri - mantengono il controllo delle proprie roccaforti. Tra i cosiddetti Partiti cristiani, il Movimento Patriottico Libero, fondato dal Presidente Michel Aoun e alleato di Hezbollah, perde alcuni seggi, passando da 20 a 18, mentre le Forze Libanesi di Samir Geagea, appoggiate dall’Arabia Saudita e da Paesi occidentali, controllano nel nuovo Parlamento almeno 18 seggi (rispetto ai 14 guadagnati nella precedente tornata elettorale). Anche in questo caso, il travaso di seggi parlamentari dal Movimento Patriottico Libero alle Forze Libanesi non appare sufficiente a provocare un totale ribaltamento delle posizioni di forza tra gli schieramenti e gli orientamenti che determinano la politica libanese. Quanto al campo sunnita, il Movimento del Futuro, guidato da Saad Hariri, ha boicottato le elezioni, indebolendo la rappresentanza parlamentare di forze che in passate si erano collocate in maniera antagonista rispetto a Hezbollah e ai suoi alleati.
Nella nuova assemblea parlamentare, l’elemento di maggiore novità è rappresentato dall’arrivo in parlamento di 13 rappresentanti legati a sigle e gruppi che si rifanno in vari modi al movimento di protesta popolare emerso nel 2019, in seguito al fallimento bancario, e che aveva poi assunto la direzione di una contestazione globale contro tutte le forze politiche tradizionali dell’establishment libanese. Ma gli esponenti delle forze cosiddette “del cambiamento” si sono presentate alle elezioni in ordine sparso, e la loro frammentazione potrebbe indebolire nell’aula parlamentare l’impatto della loro affermazione elettorale. “Davanti a un quadro così incerto” – riconosce il sacerdote maronita Rouphael Zgheib, Direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie “è ancora presto per azzardare previsioni sul futuro politico del Paese. Ma appare chiaro ancora una volta che, se si vuole evitare lo stallo, occorre prendere atto che il Libano ha come cifra della propria identità il fatto di essere un Paese-crocevia, dove componenti diverse sono chiamate a formare un mosaico di convivenza. Nessuno può pensare di guidare il Libano esercitando un predominio che faccia fuori dalla scena i propri antagonisti politici. La via per uscire dalla crisi è quella di un alto compromesso politico, e anche geopolitico, che prenda atto della gravità della situazione e componga gli interessi e le istanze delle singole forze a vantaggio del bene comune”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/05/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il Popolo della Famiglia ed il voto

Il riepilogo dei risultati del 2016 ci ricorda che abbiamo superato lo sbarramento solo a Cordenons. L’obiettivo di queste elezioni del 2017 per il Popolo della Famiglia è intanto quello di superare lo sbarramento in più di un comune, oltre a quello di raddoppiare almeno la media nazionale del nostro consenso. Avere un Pdf che possa contare su altri eletti nelle amministrazioni locali, con una percentuale di voto nazionale oscillante tra il 2% e il 3% sarebbe un ottimo viatico per lo sforzo finale in vista delle politiche. In termini assoluti ai 52.824 voti raccolti dai candidati sindaco del Popolo della Famiglia nel 2016, ne vorremmo aggiungere altrettanti nonostante i votanti di questa tornata siano molti di meno e sia prevista anche un affluenza non altissima. Ma lo sforzo delle nostre candidate sindaco donne come Lucianella Presta e Manuela Ponti, dei nostri candidati sindaco brillanti come Lorenzo Damiano e Luca Grossi, come Maurizio Schininà e Mirko Ghirlanda, come Zecchinato Gallo e Pietro Marcazzan sarà premiato oltre le attese. Altri cinquantamila voti significherebbe avere costruito una forza politica che può contare, sugli appena 35 comuni in cui ha testato la propria presenza, su centomila simpatizzanti. Vi

Leggi tutto

Politica

Osservazioni giuridiche sul voto responsabile

Pubblichiamo, non senza una qualche orgogliosa emozione, le annotazioni tecniche che una lettrice ha posto a margine delle considerazioni del presidente nazionale del Popolo della Famiglia. Le competenze giuridiche dell’autrice balzano all’occhio e avvalorano – se possibile – ancora di più le valutazioni politiche a cui fanno riferimento.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Politica

I risultati del primo turno delle elezioni amministrative di Torino

I risultati sorprendenti del primo turno delle elezioni amministrative di Torino del 3 e 4 ottobre 2021 e alcune proposte per raggiungere obiettivi più desiderabili al secondo turno Il calo dell’affluenza, l’affermazione di Paolo Damilano, le sfide del ballottaggio ed il ruolo fondamentale degli astenuti

Leggi tutto

Società

Unicef: più di 635 milioni di studenti colpiti dalla chiusura delle scuole

Nella Giornata Internazionale dell’Istruzione e mentre la pandemia da COVID-19 si avvicina alla soglia dei due anni, l’UNICEF condivide gli ultimi dati disponibili sull’impatto della pandemia sull’apprendimento dei bambini.

Leggi tutto

Politica

Pakistan: situazione politica nel caos

La crisi politica che mette in stato di attenzione i cristiani è partita da una “mozione di sfiducia” contro Imran Khan, presentata dai partiti politici dell’opposizione il 7 marzo 2022. Un voto sull amozione era prevista per domenica 3 aprile 2022

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano