Storie

di Nathan Algren

COSTA RICA - Appello dei Vescovi: stop a corruzione e criminalità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Come Pastori del popolo di Dio, facciamo un appello veemente per arginare l’ondata di violenza e delinquenza che sta colpendo la nostra nazione”: lo chiedono i Vescovi del Costa Rica nella dichiarazione pubblicata il 17 maggio, firmata dal Presidente e dal Segretario generale della Conferenza Episcopale, rispettivamente Monsignor José Manuel Garita Herrera, Vescovo di Ciudad Quesada, e Monsignor Daniel Francisco Blanco Méndez, Vescovo ausiliare di San José.

Nella dichiarazione si richiamano le violenze accadute nelle ultime ore nella provincia di Limon, denunciate dal Vescovo locale, Monsignor Javier Román Arias: “fatti che condanniamo e che dovrebbero chiamarci tutti ad agire”. Gli atti di violenza hanno riguardato un sacerdote, nella parrocchia in cui presta il suo servizio, e una persona assassinata in un centro educativo. Tali eventi “riempiono di dolore e di lutto la nostra società – scrivono i Vescovi -. Siamo solidali con la provincia di Limon, con tutte le persone di buona volontà che abitano questo amato territorio”.

La Conferenza Episcopale si rivolge alle autorità “affinché possano attuare le azioni necessarie per affrontare efficacemente la criminalità”. “Per anni siamo stati felici di essere un paese di pace, ma la realtà ci colpisce giorno dopo giorno, con atti di violenza, aumento della criminalità e incursioni del narcotraffico. E’ inaccettabile che, agli occhi di persone buone e oneste, l’ondata di corruzione e criminalità stia devastando la nostra società”.

I Vescovi esortano “a non perdere la speranza, a riporre la nostra fiducia in Gesù Cristo”, di fronte a eventi così dolorosi che si verificano “in molte delle nostre comunità, in tutto il Paese”. Propongono infine che giovedì 19 maggio le Messe e le Adorazioni eucaristiche nelle comunità siano dedicate alla preghiera per la pace. “Nel nostro appello alle autorità, esortiamo tutte le forze politiche a cercare soluzioni insieme per proteggere la nostra nazione”.

I Vescovi del Costa Rica stanno denunciando da tempo i gravi problemi della nazione, tra cui la violenza dilagante, la criminalitò organizzata, il narcostraffico, la corruzione… Al nuovo Presidente della Repubblica, Rodrigo Chaves Robles, eletto il 3 aprile, hanno consegnato un documento sulle principali sfide che, a loro giudizio, la società costaricana deve affrontare, offrendo la loro collaborazione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/05/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

No alla comunione dei divorziorisposati

Parlando ai vescovi cileni in visita ad limina il pontefice ha risposto ad alcune loro domande su sinodo e aborto. Chiarando più punti.

Leggi tutto

Politica

Eppure Péguy aveva seppellito per sempre il moderatismo….

Il “moderatista” avversa quella grandezza d’animo che è il solo distintivo della vera nobiltà.

Leggi tutto

Politica

Il quadriennio di Donald Trump

Doveva perdere e invece riporta una sostanziale vittoria: contro i media e contro i finanziatori di tutto il Paese, il macchiettistico inquilino della Casa Bianca rafforza la propria posizione politica nelle elezioni di midterm. Se si vuole comprendere come sia possibile tanta forza politica si deve mettere da parte l’ideologia e guardare ai dati. Gli Usa di Trump hanno un’accelerazione formidabile.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Chiesa

Haiti: chiesto un riscatto per la liberazione dei missionari rapiti

17 milioni di dollari, questa la cifra chiesta dalla banda armata che ha sequestrato nei giorni scorsi un gruppo di missionari cristiani, compresi donne e bambini.

Leggi tutto

Politica

Il PDF e la politica nel 2022

Mario Adinolfi: ” il 15 gennaio ripartirà da Ancona il mio infinito giro d’Italia) e se si voterà nel 2022 il testa a testa sarà risolto da dove si schiererà il Popolo della Famiglia, che andrà al governo del Paese”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano