Storie

di Nathan Algren

Pakistan - 8 anni nel braccio della morte

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel luglio 2013, Shagufta e Shafqat Emmanuel, una coppia cattolica di Mian Channu, una piccola città a 155 miglia a sud di Lahore, in Pakistan, sono stati arrestati con la falsa accusa di blasfemia. Dopo otto anni nel braccio della morte, separati l’uno dall’altra e dai loro quattro figli, sono stati finalmente rilasciati il 3 giugno 2021 dall’Alta Corte di Lahore. Un anno dopo Shagufta racconta la vicenda sua e di suo marito ad Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs).

La donna ricorda di essere nata in una famiglia dalla profonda fede cristiana e di essere sempre stata assidua praticante in un villaggio a maggioranza musulmana, ma anche con una buona presenza cristiana. “Mio padre e mia madre - racconta - hanno insegnato a me e ai miei sei fratelli e sorelle ad essere forti nel nostro credo e ad essere pronti ad ogni tipo di sacrificio o persecuzione”. La vita nel villaggio era caratterizzata da un’estrema cordialità, che consentiva a cristiani e musulmani di partecipare reciprocamente alle feste come il Natale o l’Eid al-Fitr. “Qualche anno dopo il matrimonio con Shafqat Emmanuel - racconta la donna - ci siamo trasferiti a Gojra e mio marito ha trovato lavoro lì. Purtroppo è rimasto paralizzato da un proiettile vagante, mentre cercava di sedare una rissa, circa 12 anni fa. Da allora la vita è stata dura, ma siamo stati fortunati a trovare lavoro alla St John’s High School, a Gojra. Dopo l’orario scolastico, mio marito riparava telefoni cellulari, per guadagnare qualche soldo in più per le spese familiari. Poi, un giorno di luglio del 2013 decine di agenti della polizia hanno fatto irruzione in casa nostra e hanno arrestato me e mio marito con l’accusa di blasfemia per un messaggio offensivo sull’Islam, inviato tramite il nostro cellulare. Il messaggio offensivo era scritto in inglese, una lingua che né io né mio marito parliamo o leggiamo. Siamo stati tenuti in custodia dalla polizia per una notte; il giorno dopo siamo stati trasferiti in carcere”.

“In carcere siamo stati torturati - continua Shagufta - e gli agenti hanno detto a mio marito che se non avesse confessato, mi avrebbero violentata davanti a lui, e così lui ha confessato anche se eravamo entrambi innocenti”. Per i due, dopo qualche mese è scattata la condanna a morte senza che agli avvocati difensori e agli imputati fosse stato concesso di essere ascoltati. “La sentenza è stata un duro colpo per noi e per la nostra famiglia e ha scioccato l’intera comunità cristiana in Pakistan e altrove”. Alla pronuncia dei magistrati sono seguiti otto lunghi anni trascorsi, separati, nel braccio della morte vedendo i figli, che all’epoca erano in tenera età, ogni sei mesi e solo per pochi minuti.

“La mia vita era terrificante - continua il racconto di Shagufta - e continuavo a pensare che un giorno io e mio marito saremmo stati impiccati. Nonostante tutti questi incubi spaventosi, non ho mai perso la speranza o la fede. Pregavo ogni giorno, leggevo la Bibbia e questo mi confortava molto. Non ho mai perso la fede e la speranza che, poiché io e mio marito eravamo innocenti, il mio Signore Gesù Cristo, sempre vivo, che ha sconfitto la morte ed è risorto il terzo giorno, ci avrebbe liberato e mi avrebbe risuscitato dalla morte. Più volte mi è stato detto che se mi fossi convertita all’Islam la mia condanna a morte sarebbe stata trasformata in ergastolo e che alla fine sarei stata rilasciata. Ho sempre detto di no. Il Signore Gesù Cristo risorto è la mia vita e il mio Salvatore. Gesù Cristo ha sacrificato la sua vita per me, anche se sono un peccatore”.

“Nel frattempo, si sono levate voci molto forti contro il nostro processo e la nostra condanna ingiusta al Parlamento europeo, da parte di organizzazioni per i diritti umani di tutto il mondo, così come dalla Chiesa cattolica e da Aiuto alla Chiesa che Soffre. Per un certo periodo Asia Bibi, anch’essa condannata a morte con la falsa accusa di blasfemia, è stata con me nel braccio della morte a Multan. Ogni volta che ci incontravamo, pregavamo insieme, ci consolavamo a vicenda e rinnovavamo la nostra ferma fede in Gesù Cristo. A Natale condividevamo dolci con altri prigionieri, sia musulmani, che cristiani”. Come Asia Bibi anche i due sposi sono stati alla fine liberati senza però poter rimanere in Pakistan con la loro famiglia. Per sicurezza sono andati via e sono stati accolti in asilo da un Paese europeo. “Qui - raccolta Shagufta - siamo al sicuro e siamo liberi di praticare la nostra religione. Spero e prego che queste false accuse di blasfemia cessino in Pakistan”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/05/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Non perdetevi l’inizio del film

Qualche osservazione in merito alle divisioni nel mondo cattolico sulla manifestazione del 20 giugno a San Giovanni su gender e ddl Cirinnà

Leggi tutto

Politica

I prossimi impegni

Già da domenica prossima però sempre a Roma torneremo a trovarci insieme per festeggiare il secondo compleanno del Popolo della Famiglia, visto che l’11 marzo del 2016 siamo nati, l’organizzazione della serata è in mano al nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo. Passati i festeggiamenti c’è però davvero da mettersi subito all’opera per i prossimi traguardi. Stasera con Lanfranco Lincetto si riunisce il coordinamento regionale del Friuli Venezia Giulia, visto che per il 29 aprile sono previste lì come nel Molise le elezioni regionali e saremo protagonisti, come già riferiscono i giornali locali odierni. A proposito di giornali locali, sul Corriere della Sera edizione Verona oggi Filippo Grigoliniingaggia una perfetta polemica con Elton John e incassa una paginata di spazio, ottimo viatico per le amministrative di maggio in Veneto: si voterà a Treviso e a Vicenza, ma anche in altri importanti comuni della regione.

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Politica

Pakistan: no alla castrazione chimica

La castrazione chimica per gli uomini condannati più volte per stupro, approvata dal Parlamento del Pakistan, è stata tempestivamente ritirata dopo pochissime ore a causa delle obiezioni del Consiglio per l’ideologia islamica (Cii).

Leggi tutto

Società

Germania: cristianesimo in numeri

Attualmente, secondo gli esiti della ricerca, il 28% della popolazione dichiara di aderire alla Chiesa evangelica e il 27% a quella cattolica. Nel 1995 i dati davano il 37% per la prima e il 36% per la seconda. L’allontanamento personale del cristianesimo si è velocizzato negli ultimi anni, con la probabilità che nel giro di breve tempo l’appartenenza alle due grandi Chiese cristiane del paese non coprirà più la maggioranza della popolazione.

Leggi tutto

Società

La vernice variopinta di Hollywood

Nell’ipocrisia del mondo liberal succede anche questo: si produce una serie tv che narra di Anna Bolena e si sceglie un’attrice afroamericana per interpretare la protagonista.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano