Storie

di Giuseppe Udinov

India - Statue cristiane danneggiate per una fake news

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La comunità cattolica di Guntur, nello Stato indiano dell’Andhra Pradesh, ha tenuto oggi una protesta pacifica contro la dissacrazione delle statue della Madonna, di Gesù Bambino e del Sacro Cuore di Gesù avvenuta nella notte tra il 14 e il 15 maggio in un luogo di preghiera cristiano su una collina, da tempo nel mirino dei nazionalisti indù.

Il vescovo di Guntur, monsignor. Bhagyaiah Chinnabathini, racconta l’accaduto “Hanno partecipato preti, suore, laici, fedeli di altre confessioni e persone di buona volontà, riunitesi insieme per dimostrare unità, pace e solidarietà a chi è stato vittima di questo gesto. Ci siamo ritrovati al centro intitolato a Madre Teresa per affermare pacificamente la nostra protesta”.

Come racconta il rettore del santuario, padre Bala Subash Chandra Bose, è dall’anno scorso che negli ambienti dell’hindutva circola la falsa accusa secondo cui una croce sarebbe stata innalzata al posto di un tempio indù su questa collina del distretto di Guntur. Ad alimentare la diceria è stato personalmente Sunil Deodhar, il segretario nazionale del Bjp che è anche il responsabile per l’Andhra Pradesh del partito dei nazionalisti indù: è stato un tweet diffuso dal suo account ufficiale ad accusare “la mafia cristiana” di aver costruito “una croce illegale sulla collina dove si trova il santuario di Narasimha (una divinità indù ndr)”. Già allora fu direttamente la polizia a smentire la notizia, diffondendo un video in cui si mostra chiaramente che si tratta di due colline diverse, che non hanno nulla a che fare l’una con l’altra. Eppure l’ostilità verso il luogo di culto cristiano è rimasta.

Come racconta p. Bose il terreno su cui sorge la croce è stato acquistato dai cristiani 35 anni fa e da allora i fedeli hanno iniziato a riunirsi lì per pregare. “Proprio perché i pellegrini ogni anno continuavano ad aumentare, abbiamo deciso di costruire un santuario e l’anno scorso abbiamo anche eretto la croce contro cui si sono scagliati i nazionalisti del Bjp”. Per raggiungere il santuario sulla collina i fedeli salgono un percorso con 170 gradini e all’ingresso incontrano sei statue, tra cui ci sono le tre immagini che sono state vandalizzate.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/05/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

Storie

Cio, ritardo nuove linee guida sport transgender

Pechino 2022: Il Ci lamenta il ritardo nelle nuove linee guida sport transgender ‘Causa vedute contrastanti, probabile pubblicazione dopo Giochi’.

Leggi tutto

EGITTO - Un tempo di “risveglio spirituale” in memoria dei Martiri copti di Libia

15 giorni di “risveglio spirituale” da vivere nella memoria grata verso coloro che sette anni fa morirono sussurrando il nome di Gesù, proprio mentre venivano sgozzati da empi manovali del terrore jihadista.

Leggi tutto

Chiesa

Colombia: nuove minacce al vescovo di Buenaventura

Da tempo Monignor. Rubén Darío Jaramillo sta chiedendo un intervento deciso delle autorità perché, secondo le sue parole, “ciò che si vive nella zona non è solo violenza, ma è una vera guerra”, e per questo ha ricevuto minacce di morte.

Leggi tutto

Media

Il dramma di uno showbiz divenuto amorale cronico

A forza di non fare moralismo siamo diventati amorali, indifferenti, forse persino incapaci di distinguere il bene dal male. La vicenda di Fausto Brizzi, che appare la vittima sacrificale designata a fare da capro espiatoio al traballante armadio del cinemino italiota, pieno di scheletri, faccia riflettere.

Leggi tutto

Società

IL PERICOLOSO SILENZIO

Il silenzio con cui la politica italiana ha avvolto l’orrendo assassinio in chiesa del deputato inglese David Amess è esemplare. Non una parola di cordoglio per questo politico cattolico, antiabortista, contrario ai matrimoni gay. Silenziata pure la matrice islamica dell’omicidio. D’altronde il giorno prima in Norvegia un altro islamico radicalizzato ha imbracciato arco e frecce per uccidere cinque persone e ferirne gravemente due. Non sentirete nessuno lanciare l’allarme per una recrudescenza in Europa del terrorismo islamista, che tra il 2020 e il 2021 ha messo a segno una serie di attacchi che a mio avviso sono il preludio di qualcosa che dovrebbe preoccuparci tutti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano