Storie

di Nathan Algren

Pakistan - Madre cristiana accusata di blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo oltre 9 mesi di detenzione, una madre cristiana accusata di aver insultato la religione islamica in un gruppo Whatsapp non è ancora stata rilasciata. Shagufta Kiran era stata arrestata durante un raid della polizia il 29 luglio 2021.

Dopo il suo arresto gli altri membri della famiglia sono stati costretti a rifugiarsi in luoghi sicuri per fuggire dalle persecuzioni. Il caso sarà discusso in aula il 23 maggio.

Il marito, Rafiq Masih, ha raccontato “Io e mia moglie vivevamo felici con i nostri figli. Ma l’accusa di blasfemia ha fatto prendere una brutta piega alla nostra vita: ora sono molto preoccupato per il presente e per il futuro”.

Shagufta Kiran, accusata in base all’articolo 11 della legge sulla prevenzione dei crimini elettronici e agli articoli 295-A, 295-C, 298, 298-A e 109 del Codice penale pakistano, avrebbe diffuso per messaggio dei contenuti ritenuti blasfemi che le erano stati inoltrati.

Nihaal, la figlia 18enne, ha espresso il dolore di essere stata separata da una madre “premurosa” e “protettiva”: “Non abbiamo voglia di comprare vestiti nuovi per le ricorrenze religiose, non proviamo niente a festeggiare senza nostra madre”, ha raccontato la giovane ad AsiaNews. “Siamo preoccupati per il suo destino, preghiamo affinché il tribunale la liberi e possa tornare da noi”.

Harrison, il figlio di 15 anni, ha spiegato che non è nemmeno riuscito a tenere la mano della madre quando è andato a visitarla in carcere: “La tengono in una piccola stanza e c’è una barriera di separazione tra detenuti e visitatori. È straziante vederla rinchiusa in una piccola stanza” ha spiegato il ragazzo. “Vivere senza madre - ha aggiunto - è come vivere in un corpo senz’anima”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/05/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Nicaragua - Arrestato un sacerdote a Boaco

Rapito monsignor Leonardo Urbina, parroco del Perpetuo Soccorso di Boaco.

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa giapponese e la pena di morte

Di fronte all’esecuzione del detenuto Tomohiro Kato - avvenuta nelle stesse ore di quelle dei dissidenti birmani - la Comissione Giustizia e Pace dell’episcopato giapponese ha ammonito: “La violenza della pena di morte non può mai costruire una società pacifica. È una barbarie che va contro i tempi e crea nuova violenza”.

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Il dramma di un anziano cristiano

La vittima è il 62enne Boota Masih, costretto a lavorare in allevamento di bovini per ripagare i debiti del figlio. L’assassino è il proprietario dell’azienda agricola, un musulmano che è anche agente di polizia. Egli ha usato il proprio ruolo di ufficiale per insabbiare l’inchiesta. Il cadavere presentava segni evidenti di abusi e violenze

Leggi tutto

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Politica

Pakistan: no alla castrazione chimica

La castrazione chimica per gli uomini condannati più volte per stupro, approvata dal Parlamento del Pakistan, è stata tempestivamente ritirata dopo pochissime ore a causa delle obiezioni del Consiglio per l’ideologia islamica (Cii).

Leggi tutto

Storie

Pakistan, ucciso sacerdote in un agguato

La vittima è William Siraj, colpito da due proiettili all’addome e morto sul colpo. L’altro prete ferito è stato trasferito in ospedale e non è in pericolo di vita, Nessun gruppo ha rivendicato l’agguato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano