Chiesa

di Giuseppe Udinov

NICARAGUA - “Giustizia e Pace”: “la Chiesa continuerà ad annunciare il Vangelo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Fedeli al mandato del Signore e fedele alla sua vocazione, la Chiesa continuerà ad annunciare il Vangelo, denunciando le strutture sociali del peccato, accompagnando la gente, specialmente i poveri e i deboli”: lo ribadisce la Commissione “Giustizia e Pace” dell’Arcidiocesi di Managua in un messaggio.

Nel testo si ricorda che “la missione della Chiesa provocherà sempre contraddizioni in questo mondo, dove accanto alla luce c’è anche l’oscurità del male”. Quindi cita il passo evangelico in cui Gesù assicura: “non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e nel futuro la vita eterna” (Mc 10, 29-30).

La Commissione Giustizia e Pace prosegue: “Ci preoccupa la situazione del paese che amiamo come figli di Dio, come nicaraguensi e come cristiani. Ci uniamo in preghiera affinché Dio possa trasformare i cuori duri in cuori sensibili con amore per il prossimo, liberi da sentimenti che impediscono la normalità che porta ad un’autentica pace sociale. Prevalga in tutti l’amore, il perdono e la misericordia nella ricerca del bene comune praticando i principi cristiani”.

Nel messaggio, inviato “al popolo santo di Dio e alle persone di buona volontà” si ricorda che la Chiesa fondata da Gesù Cristo, è “la comunità santa, universale ed eterna” di cui fanno parte laici, religiosi, diaconi, presbiteri e vescovi. La Chiesa è sempre presente nelle nostre gioie e anche nelle sofferenze, “la sua forza non è nel potere umano, che è temporale, né nei beni materiali, che sono effimeri, ma nel potere di Dio che ci dona lo Spirito Santo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/05/2022
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Quarant’anni di Movimento per la Vita

Il 22 maggio del 1975 nasceva a Firenze il primo centro di aiuto alla vita, nucleo originario di un movimento che ha fatto la storia della difesa dei più deboli in Italia

Leggi tutto

Società

Impiccherano Charlie con una corda d’oro

Abbiamo promesso a Charlie ogni giorno che lo avremmo portato a casa. Sembra veramente sconvolgente, dopo tutto quello che abbiamo passato, vederci negato anche questo». Così Connie Yates ha implorato dal mondo il soccorso che possa frapporsi tra loro e l’ultimo sfregio dello spietato nosocomio cui va imputata la morte del bambino. Francis ha stabilito data e ora di morte di Charlie

Leggi tutto

Società

Droga: al via i congressi pisani

La cittadina toscana si prepara ad aprire i battenti, nel prossimo fine settimana, di una rassegna che con un poco di ironia si potrebbe dire “ricreativa”: il paradiso artificiale passato fugacemente dai pusher sarà intronizzato in bella mostra per tre giorni. Dolci, gelati, vini, birre e caffè alla “cannabis light”. E pazienza se il Consiglio Superiore di Sanità ha detto che non esistono droghe leggere…

Leggi tutto

Società

I bambini sono grumi di cellule

.....questo discredito complessivo nei confronti di chi, con dolcezza e infinito tempo, porge orecchio e cuore a chi soffre o a chi si trova a dover scegliere che strada intraprendere, è assurdo e del tutto scorretto dal punto di vista dell’onestà intellettuale che ognuno di noi dovrebbe utilizzare quando si tratta di argomenti così delicati. E cosa significa, poi, affermare che coloro che soffrono sono state assistite male e sicuramente giudicate da chi possiede tabù socio-religiosi? Significa che tutte le donne che non soffrono hanno trovato chi ha detto loro che fanno bene a non soffrire, il che non è assistenza a un soggetto, ma è meramente un avvalorare un concetto aberrante: «Tu non sei capace di affrontare questo problema (la gravidanza), per cui ti aiutiamo noi che siamo molto più bravi», è un’accondiscendenza paternalistica, oserei dire patriarcale. Sì, uso questo termine chiave perché sono molte le donne femministe che oggi lo affermano chiaramente: aiutare la donna ad abortire, quand’ella lo farebbe solo per paura, è patriarcale. Assumersi l’onore di essere le salvatrici della donna, garantendo che solo grazie al loro intervento la donna risolverà tutti i problemi, è patriarcale. Regalare la pillola del giorno dopo a una minorenne di nascosto ai genitori, è patriarcale. Proprio ciò che la dottoressa XXX e le sue seguaci affermano di contrastare.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia a piazza Cavour contesta il referendum - imbroglio

Contestazione da parte di Mario Adinolfi, fondatore del Popolo della Famiglia, contro il deposito delle firme in Cassazione per chiedere l’eutanasia legale

Leggi tutto

Storie

A Ravanusa “tutto è compiuto”

Un funerale amaro. Un funerale difficile. Un funerale partecipato. Un funerale per chi spera nonostante tutto perché la morte improvvisa di dieci persone colpisce tutta la comunità:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano