Società

di Roberto Signori

L’Etiopia ed il dramam dell’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel 2005 l’Etiopia ha legalizzato l’aborto nella speranza di ridurre la mortalità materna. La sua legge è piuttosto liberale, più o meno come quella del Regno Unito. L’aborto è su richiesta, senza condizioni. Con quale risultato?

Uno studio sull’Ethiopian Medical Journal condotto da un accademico dell’Università di Oxford, Calum Miller, ha scoperto che:

- la mortalità per aborto stava già diminuendo prima della legalizzazione e che i tassi di mortalità non sono cambiati dopo la legalizzazione.

- la morbilità materna è invece nettamente aumentata.

La percentuale di donne con shock settico è più che raddoppiata, la percentuale di donne ricoverata in terapia intensiva è quasi triplicata. Tra il 2008 e il 2014, la percentuale di donne che ricevono cure post-aborto per gravi complicazioni è aumentata di oltre il 50%, dal 7% all’11%, le peritoniti sono quintuplicate.

Complessivamente, le complicazioni sono raddoppiate tra il 2008 e il 2014, da 53.000 a 104.000. Ciò nonostante che l’assistenza sanitaria sia notevolmente migliorata, ci sia stato un netto aumento della contraccezione e ci siano stati “grandi progressi” nella fornitura di aborto sicuro. La legalizzazione dell’aborto ha portato inoltre a un enorme aumento del numero di aborti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/05/2022
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Storie

Lambert, e la sentenza dei medici

Si è pronunciato il team di medici indipendenti convocati dal tribunale amministrativo di Chalons-en-Champagne: Vincent Lambert non è migliorato, negli ultimi quattro anni, e anzi è lievemente peggiorato; tuttavia ciò di cui ha bisogno non configura accanimento terapeutico. Un pronunciamento salomonico che rimanda la palla al giudice. L’udienza è aggiornata per il 19 dicembre.

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Media

Cardinale Comastri: non cancellate mamma e papà

Dieci comandamenti per dieci cardinali è il titolo del libro del vaticanista Fabio Marchese Ragona. Anticipiamo un breve stralcio tratto dalla riflessione dell’ arciprete emerito della Basilica di San Pietro, su “Onora il padre e la madre”

Leggi tutto

Politica

La Corte Suprema deciderà sul futuro dell’aborto negli Stati Uniti

Negli USA è iniziato il dibattimento che tiene il movimento femminista con il fiato sospeso e fa sperare gli Stati conservatori, che puntano a limitare per quanto possibile quel diritto.

Leggi tutto

Storie

Albania: morta la suora che battezzava i bambini di nascosto dai comunisti

Il regime comunista albanese ha ucciso i cattolici e distrutto sistematicamente le chiese per imporre uno Stato ateo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano