Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Il dono della chiave

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Che dono intuire che Gesù, Dio e uomo, è la chiave di ogni cosa. Talora certe spiritualità cercano un cielo senza terra o una terra senza cielo.

Giovanni Battista annunciava l’imminente venuta del Messia che avrebbe messo in riga tutti. Ma quando riconosce Cristo il suo cuore aperto si lascia spiazzare: è nella delicatezza di una colomba che viene la vera potenza dello Spirito, il vero leone della tribù di Giuda è un agnello. La grazia è divina e umana, non calpesta l’umanità ma fa maturare ciascuno in un cammino libero e sereno, a misura, pieno di buonsenso nella luce.

È bello vedere nei vangeli come Gesù accompagna ogni specifica persona nel suo personalissimo, ben al di là degli schemi, percorso, verso la pienezza della vita. Sensi di colpa, forzature, risposte meccaniche, per reazione inutili sbrachi, vengono sempre più facilmente riconosciuti dal cuore che cresce sereno nella grazia. Un cuore che in questa semplicità impara a non lasciarsi ingannare nemmeno da ferite, paure, schemi.

Quante gabbie, quanti pesi, quanti nodi, si sciolgono: il mio giogo è soave, il mio peso leggero. Il figliol prodigo si scopre svuotato, troppo dipendente da rapporti fasulli, il maggiore sente la fragilità di un cuore rigido e anaffettivo, spento ad ogni luce, ad ogni vitalità. La fuga dalla spiritualità del minore si rivela un mero fare e mero fare si scopre lo spiritualismo del primogenito. Si va allora dallo psicologo che propone come rimedio proprio un diverso mero fare, funzionare, magari variamente giustapposto a qualche non meglio identificata spiritualità.

La società della ragione astratta, della falsa tecnica a tutto campo, conduce verso il crollo personale e sociale. L’uomo ha bisogno di trovare sé stesso in una ricerca identitaria libera e serena e nel solo allora autentico scambio con gli altri. Si trovano le vie per uscire dalle vuote astrazioni riprendendo sempre più il contatto col proprio cuore semplice nella luce piena di buonsenso, a misura. Fiducia in sé perché si sta trovando la strada della fiducia in Gesù e ogni limite viene relativizzato, essendo aperti alla naturale maturazione integrale come Cristo che cresceva in sapienza, età e grazia.

Nuova spiritualità, nuova cultura, nuova filosofia, nuova scienza, nuova psicologia, nuova logica… Non più le scissioni, le astrazioni, di fede e ragione: Gesù mai ne ha parlato, ci ha invece insegnato il sentiero della coscienza spirituale e psicofisica, del cuore, che matura nella luce serena (dunque ogni uomo, anche un ateo, è, con i suoi doni, in tale andare verso il Signore). Nuova vita dunque perché in questo cammino si vive e si vede ogni cosa in modo sempre nuovo, semplice e profondo. Non a caso Maria ha detto che alla fine il suo cuore immacolato trionferà.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/05/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e gli esercizi spirituali ad Ariccia

“Come possiamo aiutare i cristiani del nostro tempo a non perdere la fede, a riprendere coscienza della propria fede, quella di cui si parla nel Nuovo testamento, la fede gioiosa, totalizzante, l’adesione alla persona di Gesù, come possiamo fare perché non avvengano più questi suicidi?”.

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Società

Francia, quadro instabile: la bioetica slitta a giugno

Dopo i rituali “stati generali”, previsti dalla stessa “Legge bioetica” con cadenza decennale in vista dell’aggiornamento della stessa, il governo Macron aveva dichiarato di poter procedere alla rivisitazione del testo legale entro la fine dell’anno solare. In realtà l’ospite dell’Eliseo sta attraversando una crisi politica cui fa da sfondo l’emorragia dei consensi. Così il Président prende tempo e spinge l’apertura del dibattito parlamentare alla fine della primavera.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano