Storie

di Stefano Di Tomassi

Torre San Michele Arcangelo: la parole dei padri

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Alla bellezza sublime dell’opera architettonica di Michelangelo Buonarroti – dichiara la segreteria della commissione cultura della prefettura di Ostia corrisponderà ogni anno la bellezza straordinaria del messaggio che vede una torre eretta a difesa dal pericolo dello scontro tra culture trasformata, i 13 Maggio apparizione di Maria ai pastorelli di Fatima, in un luogo di pace e dialogo mondiale quanto mai importante in questi giorni per il mondo.”

Un antitodo ai fondamentalismi e agli integralisti di tutto il globo quello che Ostia affida alla ‘spada’ dell’arcangelo Michele rappresentato nella possente Torre progettata da Michelangelo Buonarroti. Un monito che viene lanciato da Ostia verso Roma e da Roma verso il mondo intero.

Infatti all’ingresso il pellegrino che qui vi si recherà troverà la preghiera invocazione a San Michele Arcangelo di Papa Leone XIII, collocata in pianta stabile non appena termineranno i lavori di restauro.

Nel video che riportiamo integralmente qui sotto le parole, destinate ad entrare nella memoria storia, del Vescovo mons. Dario Gervasi ausiliare di Roma Sud Ostia e Ostia Antica, dei Padri, il direttore della moschea di Ostia Youseff Al Moghazy, Padre Gheorghe Militaru vicario italiano per gli Ortodossi, e i rappresentanti delle chiese evangeliche Naiche Di Salvo.

Le immagini del video – riportate al link qui sotto – sono in gran parte montate da Carla Dell’Aversana referente per Nostra Signora di Bonaria del gruppo per i “Messaggeri nella Bottiglia” che fa comunicazione e interparrocchialità della _commissione cultura della prefettura di Ostia_ /Diocesi di Roma.

Tutto è stato possibile grazie alla sovraintendenza e all’associazione QuattroSassi.

https://youtu.be/SCBmRcF5itg

Una rete culturale cristiana si sta edificando grazie a Dio per le strade, le piazze, le chiese di Ostia e del suo Territorio e questo grazie alla Bellezza che emerge a contrasto di quell’altra descrizione che fa onore, per altro non affatto veritiera a detta dei più, ovvero che questa sia una periferia malfamata e malfrequentata.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/05/2022
2906/2022
Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Mediterraneo frontiera di pace

Nei giorni del Convegno, Patriarchi e Vescovi cattolici delle Chiese presenti nei Paesi che si affacciano sul Mare Mediterraneo parteciperanno anche a incontri sui Testimoni della fede legati alla storia del cattolicesimo fiorentino del Novecento, come Giorgio La Pira, il Cardinale Elia Dalla Costa, don Lorenzo Milani e don Divo Barsotti.

Leggi tutto

Chiesa

Atto di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria; lettera ai vescovi

Tutto il popolo di Dio, vescovi, preti, religiosi, fedeli laici, uniti in preghiera per la fine della guerra

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco - Giovedì Santo – Messa del Crisma

Papa Francesco ha presieduto nella Basilica vaticana la Messa crismale con cardinali, vescovi e sacerdoti della diocesi di Roma.

Leggi tutto

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Storie

Una lettera d’amore del generale Gorostieta

Ricordate il generale messicano impersonato da Andy Garcia in “Cristiada”?
Oggi pubblichiamo, per la prima volta in italiano, il testo di una sua toccante lettera alla moglie, scritta esattamente 80 anni fa nel triduo del Natale: è la penna di un cavaliere, monaco e guerriero al contempo, a correre sulla carta.
Amore alla moglie, alla patria e a Dio si fondono in una lezione senza tempo.

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano