Chiesa

di Nathan Algren

NICARAGUA - Il Vescovo di Matagalpa “si trova recluso, in preghiera e digiuno”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Arcidiocesi di Managua “ribadisce pubblicamente la sua vicinanza nella preghiera a tutte le persone e alle famiglie che soffrono gli effetti della problematica socio-politica in cui noi nicaraguensi continuiamo ad essere immersi con tutti i suoi effetti e a tutti i livelli, che ha fatto ristagnare la nostra società in un ambiente di insicurezza, polarizzazione e intransigenza, innescando una dinamica di divisione e antagonismi che impediscono di superare questa situazione nazionale critica”.

Il comunicato dell’Arcidiocesi esprime in particolare solidarietà e vicinanza a fedeli e sacerdoti della Parrocchia del Santo Cristo de las Colinas, a Managua, dove Monsignor Rolando Alvarez, Vescovo della diocesi di Matagalpa e Amministratore apostolico di Esteli, “si trova recluso, in preghiera e digiuno”, come anche alla parrocchia di San Juan Bautista nella città di Masaya, e al suo parroco, padre Harvy Padilla, “che vivono in un clima di ansia per la loro sicurezza personale e l’impossibilità di esercitare il loro diritto a vivere e celebrare la loro fede in un ambiente di pace e libertà”. L’Arcidiocesi di Managua conclude facendo appello alla Polizia nazionale, “perché deponga questo atteggiamento inutile” e invitando a pregare “affinché le volontà si muovano per creare un clima di comprensione nazionale”.

Il regime di Daniel Ortega ha adottato ulteriori misure repressive contro la Chiesa del Nicaragua, ordinando tra l’altro la chiusura del canale televisivo della Conferenza episcopale del Nicaragua (CEN). In un video messaggio al popolo di Dio di Matagalpa e di Esteli, Monsignor Rolando Alvarez ha comunicato: “oggi sono stato perseguitato per tutto il giorno dalla polizia sandinista, dalla mattina alla sera, hanno seguito tutti i miei movimenti”. “La sera, mentre ero a casa di mia nipote, sono andato direttamente dagli ufficiali e ho chiesto loro perché mi perseguitano e mi hanno detto che obbediscono agli ordini”. “Sono entrati nella mia cerchia familiare, mettendo a rischio la sicurezza della mia famiglia”.
Nel video il Vescovo annuncia che si trova nella parrocchia del Santo Cristo de Esquipulas, dove ha iniziato un digiuno a tempo indefinito fino a quando “la polizia nazionale attraverso la Conferenza episcopale o il suo Vicepresidente, mi farà sapere che rispetterà la mia privacy familiare”. Il Vescovo ha chiesto a quanti vogliono, di unirsi al suo digiuno e di andare nelle loro parrocchie per pregare dinanzi al Santissimo Sacramento, per cantare, lodare il Signore e organizzare veglie di preghiera. “Io sarò qui in preghiera, dinanzi al Santissimo, celebrando l’Eucaristia, innalzando la mia supplica al Signore perché possa avere termine questa situazione durissima e crudele per tutti”.

I Vescovi della Conferenza Episcopale del Costa Rica hanno espresso in un messaggio la loro solidarietà “ai Vescovi del Nicaragua e a tutto il popolo fratello di questa nazione”. “Il messaggio – scrivono - viene inviato dopo alcune informazioni che vengono da quel paese; anche i Vescovi nicaraguensi si sono espressi sui problemi socio-politici, sulla tensione e l’atmosfera di ansia che vivono per la loro sicurezza personale; in modo particolare, in questo momento, da Mons. Rolando José Álvarez Lagos, Vescovo di Matagalpa e Amministratore Apostolico di Estelí”. “I Pastori della Chiesa costaricana chiedono al Signore risorto di concedere al popolo nicaraguense il dono della pace, perché gli sia concesso un clima di tranquillità e di fraternità”. I Vescovi del Costa Rica assicurano la solidarietà e la preghiera, specialmente nei momenti della prova, ai Vescovi del Nicaragua, esortando il popolo cattolico costaricano a innalzare preghiere per il popolo del Nicaragua e per i Vescovi di quella nazione. “I Vescovi della Conferenza Episcopale del Costa Rica ribadiscono la necessità che i nostri popoli centroamericani, in generale, lavorino insieme per la ricerca del bene comune, della pace e della giustizia sociale”.

Anche i Vescovi di Panama hanno espresso “Solidarietà a Monsignor Rolando Alvarez e al popolo del Nicaragua”. I Vescovi panamensi sono solidali con Monsignor Alvarez “in questi momenti in cui sperimenta la persecuzione per essere profeta di fronte alla difficile situazione per la crisi sociopolitica che vive il popolo nicaraguense”. Si uniscono quindi alla preghiera “perché cessi la persecuzione” e Monsignor Alvarez e padrer Padilla possano tornare a vivere e celebrare la fede in un clima di serenità e di pace.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/05/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

“Una sconfitta per l’umanità”

Il cardinale Parolin commenta il referendum irlandese con parole nette. I giornali tentano di raccontare una Chiesa “aperturista” che non esiste, per far approvare il vergognoso ddl Cirinnà

Leggi tutto

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Storie

Claudio Chieffo e la sua musica per la vita

Claudio Chieffo è una di quelle “dimenticanze” a cui ci abituati il secolarismo contemporaneo. Perché se sei cristiano – e scegli di professare la tua fede attraverso l’arte o la letteratura in modo diretto – non ti viene dato quel rilievo che meriteresti. Nemmeno se ti onora della tua amicizia uno come Guccini. Nemmeno se riesci a rendere pensoso uno come Gaber, che diceva: «Nelle canzoni di Claudio c’è un’onestà, una pulizia, un amore naìf che fa pensare. Siamo profondamente diversi, non solo per le sicurezze che lui ha e che io non ho, ma soprattutto perché nelle sue canzoni lui non fa mistero delle sue certezze». Stupirsi di questa “dimenticanza” del mondo laico vorrebbe dire non aver compreso nulla del Cristianesimo. Indignarsi meno ancora. Zittire le voci che inquietano è, da sempre, provare a zittire la Voce, l’unica, che rivela l’uomo a se stesso. Si suppone (ma la speranza è sempre in modalità on per chi professa Cristo) che non ci saranno tributi televisivi di un certa rilevanza nazionale per i 10 anni dalla sua morte, il 19 Agosto prossimo. Come se non avesse mai avuto un pubblico. Ma ci sarà una Messa, celebrata da mons. Luigi Negri. E si può essere certi che a lui, dov’è ora, questo “ricordo” piacerà anche più di un tributo.

Leggi tutto

Media

La riforma e le riforme nella Chiesa. Una risposta

PRESENTAZIONE LIBRO SE MONS. MARCHETTO: “LA RIFORMA E LE RIFORME NELLA CHIESA. UNA RISPOSTA”
Roma, Campidoglio 25 ottobre 2017. Pensieri conclusivi

Leggi tutto

Chiesa

Benedetta Bianchi Porro verso la beatificazione

Ricevendo il cardinal Becciu, quindi, il Papa ha autorizzato per primo il Decreto sulle virtù eroiche e sulla conferma del culto da tempo immemorabile, ottenendo quindi la beatificazione equipollente, di Michał Gjedrojć, noto anche come Mykolas Giedraitis. Nato a Giedrojcie, oggi in Lituania, intorno al 1420, fu di salute gracile fin dall’infanzia. Dato che i genitori quasi lo trascuravano, passava il suo tempo in solitudine. Questo lo condusse a domandare di entrare tra i Canonici Regolari della Penitenza dei Beati Martiri, un ordine ormai estinto ma improntato alla Regola di sant’Agostino. Si trasferì quindi a Cracovia e studiò presso l’Università Jagellonica. La chiesa del monastero del suo ordine divenne quasi la sua seconda casa, tante erano le ore che vi trascorreva in preghiera con le braccia spalancate in forma di croce. Moltissimi venivano da lui a chiedere consigli e a raccomandargli le proprie intenzioni.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano