Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Vaticano - Pace e fraternità nello sport

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oggi pomeriggio si svolgerà la seconda edizione del Meeting inclusivo di atletica We run together. L’evento è organizzato da Athletica Vaticana, la polisportiva ufficiale della Santa Sede, e dal Gruppo Sportivo Fiamme Gialle nel Centro Sportivo della Guardia di Finanza a Castelporziano. Nel programma del Meeting, che comincerà alle ore 16, ci sono simbolicamente solo staffette (4x400) non competitive: il passaggio di mano in mano del testimone vuole essere un segno concreto di fraternità. «Tutti insieme e con pari dignità. Una testimonianza concreta di come dovrebbe essere lo sport: cioè un “ponte” che unisce donne e uomini di religioni e culture diverse, promuovendo inclusione, amicizia, solidarietà, educazione. Cioè un “ponte” di pace».

Come si gareggerà? Ci saranno delle staffette, quindi il simbolico passaggio del testimone di mano in mano, ma sono staffette molto particolari. Vi partecipano diversi campioni olimpici, ma, come dice papà Francesco, in realtà tutti gli atleti sono considerati allo stesso livello: la medaglia d’oro Tortu lo è come il ragazzo con Sindrome di Down o con autismo. Poi ci sono 5 squadre di carcerati, sia femminili del carcere di Rebibbia, sia maschili del carcere di Velletri: ci sono due squadre di rifugiati del Centro Astalli, tra l’altro la squadra femminile è composta da due ragazze ucraine, una keniana è una salvadoregna. Quindi storie diverse di immigrazione che arrivano e riscoprono di poter stare insieme attraverso l’atletica. La cosa particolare, la novità è che correranno anche le ambasciate presso la Santa Sede, che stanno creando delle formazioni composte dagli ambasciatori stessi, anche se non proprio giovanissimi, gli addetti alla segreteria, gli autisti, ecc. E questo per un discorso legato alla pace. Cioè, quando si corre insieme ci si passa il testimone in segno di collaborazione e condivisione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/05/2022
0307/2022
San Tommaso apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

A Bose nominato il nuovo priore

Il teologo e biblista Sabino Chialà nuovo priore del Monastero di Bose. Chialà succede a Manicardi, a sua volta successore del fondatore Enzo Bianchi, trasferito dopo una delicata vicenda interna che aveva richiesto l’intervento della Santa Sede

Leggi tutto

Chiesa

Settimana Santa all’insegna della prudenza

In una nota della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti si ribadisce che, in tempo di pandemia, è necessario evitare comportamenti potenzialmente rischiosi per la salute

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: i migranti non sono invasori

Messaggio del pontefice per la 108.ma Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato del 25 settembre:

Leggi tutto

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

Chiesa

CEI: il messaggio per la Quaresima

Da un versetto della Lettera ai Galati, prende spunto il messaggio della Presidenza della Conferenza episcopale italiana per la preparazione alla Pasqua 2022: prepararsi all’incontro con Gesù convertendosi all’ascolto, alla realtà e alla spiritualità

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Udienza generale: “Onora il padre e la madre”

All’udienza generale, Papa Francesco riprende il ciclo di catechesi osservando che non sempre nelle società c’è l’attenzione a restituire ai nostri vecchi l’amore ricevuto, con la tenerezza e il rispetto dovuti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano