Politica

di la redazione

Adinolfi a Troncarellli: “Quando la sentiremo parlare di famiglia?”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia schierato a Viterbo a sostegno della candidata di Fratelli d’Italia Laura Allegrini, contesta le parole di Alessandra Troncarelli espresse a sostegno dei “diritti” Lgbt: “Ho letto da parte della candidata del Partito Democratico le solite declamazioni ideologiche che tirano in ballo la Costituzione. Non esiste nella Costituzione repubblicana nessuno accenno a speciali diritti per speciali categorie santificate per via dell’orientamento sessuale, che è un elemento che semplicemente non deve interessare un bravo amministratore e un bravo politico, visto che la Costituzione parla di uguaglianza e non di categorie da premiare rispetto alla capacità di essere lobby e drenare denaro pubblico. Questo accade nella Regione Lazio troppo spesso e non vorremmo che l’esperienza maturata da Troncarelli alla Pisana venga esportata in questo senso a Viterbo: niente denari pubblici alle lobby organizzate, uguaglianza reale dei diritti per tutti, senza l’oscenità della categorizzazione a seconda dell’orientamento sessuale. Piuttosto mi viene da chiedere a Troncarelli: conosce la definizione della parola ‘famiglia’ secondo la Costituzione repubblicana? Evidentemente non la conosce perché non ne parla mai. Gliela rinfresco perché è chiarissima e stampata all’articolo 29 della Costituzione: società naturale fondata sul matrimonio. Il Partito democratico accorre sempre quando suona il campanellino Lgbt, ma se c’è da parlare dei bisogni delle mamme e dei papà, dei loro figli, dei nonni pensionati e delle giovani coppie che vorrebbero mettere su famiglia, ecco, di tutto questo non parlano mai. Muti. Ecco perché il 12 giugno bisogna votare Popolo della Famiglia per Laura Allegrini Sindaco. Un voto per la famiglia, quella vera, riconosciuta dalla Costituzione e ignorata dalla sinistra nazionale e viterbese”. Il capolista del Popolo della Famiglia a Viterbo, Paolo Baldasarre, aggiunge: “Credo proprio che la nostra città non abbia bisogno di un sindaco ideologizzato come Alessandra Troncarelli. Il Popolo della Famiglia per questo orienta il suo consenso in crescita, valutato dall’Istituto Piepoli superiore al 5%, nel sostegno a Laura Allegrini indicata da Giorgia Meloni: donne concrete, come il nostro presidente Mario Adinolfi è, uomo che parte dall’esperienza concreta, come tutti noi candidati nella lista del Popolo della Famiglia che invitiamo i viterbesi a sostenere”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il Piemonte e le iniziative made in gender

Tre episodi, gli ultimi due a breve distanza l’uno dall’altro, portano il Piemonte alla ribalta dell’attenzione mediatica per iniziative targate gender

Leggi tutto

Politica

L’Unar finanzia il gender nelle scuole

Cig Arcigay Milano annuncia con toni trionfalistici di aver ricevuto alcuni finanziamenti dall’Unar. In realtà non si tratta affatto della prima volta che Unar collabora con Arcigay, anzi, ricordiamo la famosa “Strategia Nazionale LGBT”, il documento prodotto dal Dipartimento per le Pari Opportunità e da UNAR “per fornire misure ed azioni concrete per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere” approvato nell’aprile 2013 e che si è tradotto in un proliferare di iniziative ad hoc, condotte anche nelle scuole, proprio dalle associazioni arcobaleno, ovviamente spesso o quasi sempre senza alcun contraddittorio e sostenute da lauti finanziamenti (e parliamo sempre di soldi “pubblici”).

Leggi tutto

Storie

Texas - Bar gay con spettacolo per bambini

Un bar gay del Texas ha ospitato l’evento “Drag the Kids to Pride” in cui dei ballerini travestiti da drag queen giravano e ballavano provocatoriamente davanti a bambini anche molto piccoli.

Leggi tutto

Storie

La pantomima di Severino Antinori

Il ginecologo sospeso dall’esercizio della professione medica, Severino Antinori, arrestato per aver espiantato con violenza ovuli da una ventiquattrenne spagnola dopo averla immobilizzata e sedata contro la sua volontà oltre che per essersi fregato ventottomila euro da una coppia a cui aveva promesso un figlio tramite le sue discusse procedure, sta tentando di trasformare in un bizzarro show il suo processo in corso davanti al tribunale di Milano.

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Politica

Da Parigi un’Europa vera grida all’impostura della falsa

E sulla “Dichiarazione di Parigi”, firmata da immortali e altri accademici di fama, cala il silenzio

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano