Politica

di la redazione

Adinolfi a Troncarellli: “Quando la sentiremo parlare di famiglia?”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia schierato a Viterbo a sostegno della candidata di Fratelli d’Italia Laura Allegrini, contesta le parole di Alessandra Troncarelli espresse a sostegno dei “diritti” Lgbt: “Ho letto da parte della candidata del Partito Democratico le solite declamazioni ideologiche che tirano in ballo la Costituzione. Non esiste nella Costituzione repubblicana nessuno accenno a speciali diritti per speciali categorie santificate per via dell’orientamento sessuale, che è un elemento che semplicemente non deve interessare un bravo amministratore e un bravo politico, visto che la Costituzione parla di uguaglianza e non di categorie da premiare rispetto alla capacità di essere lobby e drenare denaro pubblico. Questo accade nella Regione Lazio troppo spesso e non vorremmo che l’esperienza maturata da Troncarelli alla Pisana venga esportata in questo senso a Viterbo: niente denari pubblici alle lobby organizzate, uguaglianza reale dei diritti per tutti, senza l’oscenità della categorizzazione a seconda dell’orientamento sessuale. Piuttosto mi viene da chiedere a Troncarelli: conosce la definizione della parola ‘famiglia’ secondo la Costituzione repubblicana? Evidentemente non la conosce perché non ne parla mai. Gliela rinfresco perché è chiarissima e stampata all’articolo 29 della Costituzione: società naturale fondata sul matrimonio. Il Partito democratico accorre sempre quando suona il campanellino Lgbt, ma se c’è da parlare dei bisogni delle mamme e dei papà, dei loro figli, dei nonni pensionati e delle giovani coppie che vorrebbero mettere su famiglia, ecco, di tutto questo non parlano mai. Muti. Ecco perché il 12 giugno bisogna votare Popolo della Famiglia per Laura Allegrini Sindaco. Un voto per la famiglia, quella vera, riconosciuta dalla Costituzione e ignorata dalla sinistra nazionale e viterbese”. Il capolista del Popolo della Famiglia a Viterbo, Paolo Baldasarre, aggiunge: “Credo proprio che la nostra città non abbia bisogno di un sindaco ideologizzato come Alessandra Troncarelli. Il Popolo della Famiglia per questo orienta il suo consenso in crescita, valutato dall’Istituto Piepoli superiore al 5%, nel sostegno a Laura Allegrini indicata da Giorgia Meloni: donne concrete, come il nostro presidente Mario Adinolfi è, uomo che parte dall’esperienza concreta, come tutti noi candidati nella lista del Popolo della Famiglia che invitiamo i viterbesi a sostenere”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/05/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Bloccare per legge i siti porno

Thérèse Hargot nel suo “Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)” spiega i danni che l’industria della pornografia produce sui nostri figli. Già nella pre-adolescenza grazie al consumo gratuito via web l’immaginario sessuale dei nostri figli si forma su stereotipi dettati da quell’industria

Leggi tutto

Chiesa

La sussidiarietà nella Dottrina sociale della Chiesa

Il 18 maggio si terrà a Roma il secondo appuntamento della “Scuola di Dottrina sociale della Chiesa per dirigenti e iscritti del Popolo della Famiglia”. Oltre a Giovanni Marcotullio e Fabio Torriero, che parleranno rispettivamente di “Corretta laicità della politica” e “Comunicazione efficace dei principi non negoziabili”, Giuseppe Brienza terrà una relazione sul tema “L’articolazione sussidiaria del potere politico”, che qui anticipiamo in sintesi. L’incontro di questa settimana sarà seguito da altre tre sessioni con termine del corso 28 giugno

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano