Politica

di la redazione

ADINOLFI (PDF), “SVELIAMO IL BLUFF DEL PARTITO GAY”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le amministrative del 12 giugno vivono di scontri importanti in grandi città da Palermo a Genova, ma tra i 128 comuni che vanno al voto in Lombardia ce n’è uno che attira ormai la curiosità di più di un analista. Si tratta di Averara, piccolo comune montano in zona Val Brembana, dove i 173 abitanti devono scegliere il nuovo sindaco. Tra le liste che si confrontano, quelle “nemiche” del Popolo della Famiglia e del Partito Gay. La lista espressione del movimento Lgbt candida un carabiniere 37enne, Daniele Carboni, che vive e lavora in Sardegna. Questa decisione viene commentata dal presidente nazionale del Popolo della Famiglia, Mario Adinolfi: “Dopo l’imbroglio di Ventotene dove hanno presentato un generico programma ciclostilato in cui non viene neanche citato il nome dell’isola in cui io stesso sono candidato sindaco, ora sveliamo l’altro bluff del Partito Gay in un piccolo comune del Bergamasco. Ad Averara il confronto politico è anche simbolico. Non ho stima del Partito Gay, non ha strutture territoriali e non ha elettorato, candida persone a caso a centinaia di chilometri dalla loro residenza per mere ragioni di marketing, per far parlare di loro stessi e non per amore del territorio. Noi candidiamo come sindaco Fabio Annovazzi che di Averara è stato anche vicesindaco, che vive in quei territori, che ne conosce profondamente i bisogni. Così il Partito Gay rappresenta il vuoto della politica che è solo comunicazione e drenaggio di denari pubblici, lo fa solo nei comuni sotto i mille abitanti perché lì non bisogna raccogliere firme per presentarsi alla carica di sindaco, inventando un sardo che Averara neanche sa dove sta. Il Popolo della Famiglia si contrappone a questo vuoto con dirigenti territoriali che vogliono rispondere ai bisogni della cittadinanza. Qual è il primo bisogno? Non far sparire questa comunità della Bergamasca. Io sono nato nel 1971 e in quell’anno Averara aveva quasi quattrocento abitanti, più del doppio dei 173 attuali: un altro paio di decenni così e Averara sparirà. La nostra ricetta composta da incentivi alle giovani coppie, reddito di maternità, no all’aborto e all’eutanasia, sostegno all’impresa familiare, riduzione delle addizionali comunali per le famiglie con tre figli o più, punta a ripopolare Averara secondo una politica della natalità che il Popolo della Famiglia ha l’obiettivo di implementare al governo nazionale dopo le politiche del 2023. Certo la natalità non crescerà con il Partito Gay, che contiamo di battere ad Averara e altrove per queste ragioni di fondo. Bisogna avere amore per i comuni e le comunità che si vogliono amministrare, non giocare alla lobby che si fa partito solo per avere qualche titolo sul giornale. Per questo ad Averara conto davvero che la sfida politica e simbolica sia vinta dal nostro Fabio Annovazzi e dal Popolo della Famiglia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/05/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Gli errori-orrori della Fedeli

Impareggiabile Valeria Fedeli! Anche lei è caduta nella più banale delle trappole per i parvenu culturali della politica: la finta laurea. Oscar Giannino docet! Credo si tratti di una questione psicologica. Una sorta di complesso di inferiorità che porta alcuni politici insicuri a fingersi dottori.

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Politica

Ursula, non sei il mio presidente

Leggi tutto

Storie

LA STORIA E LE STORIELLE

Dov’eri? Che facevi mentre una dozzina di kamikaze immigrati e istruiti in scuole di volo non solo americane ammazzavano qualche migliaio di occidentali? In tutto il mondo islamico quella immane strage fu festeggiata, pubblicamente da alcuni, privatamente da quasi tutti. Se non si studiano quattordici secoli di ansia espansiva dell’Islam non si capisce l’11 settembre, che è solo una marginale tappa di un percorso innescato dalla sura del Corano (2, 190-193) che recita: “Combattete per la causa di Allah coloro che vi combattono, uccideteli ovunque li incontriate, scacciateli. Combatteteli finchè il culto sia reso solo ad Allah”. C’è questo o c’è Ratisbona. O capiamo o moriamo.

Leggi tutto

Politica

I risultati del primo turno delle elezioni amministrative di Torino

I risultati sorprendenti del primo turno delle elezioni amministrative di Torino del 3 e 4 ottobre 2021 e alcune proposte per raggiungere obiettivi più desiderabili al secondo turno Il calo dell’affluenza, l’affermazione di Paolo Damilano, le sfide del ballottaggio ed il ruolo fondamentale degli astenuti

Leggi tutto

Politica

Il muso unto

Le piccole storie ignobili della politica italiana continuano. Quelli di “onestà, onestà” si avviano alla fine della legislatura in cui dovevano aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno con il muso unto di chi si è accorto quanto buono è il tonno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano