Chiesa

di Roberto Signori

La Chiesa del Niger ha bisogno di un sostegno efficace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Testimoniare il nostro carisma missionario nella diocesi di Niamey con lo studio di lingue e culture locali, facilitare il dialogo islamo-cristiano, prendersi cura dei più poveri e praticare una spiritualità attenta a questi obiettivi rappresentano lo stile pastorale tipico della Società per le Missioni Africane (SMA)”, scrive padre Rafael Casamayor, SMA, a seguito delle recenti assemblee provinciali di Benin-Niger.

“Siamo convinti che la SMA abbia il suo posto qui in Niger, - prosegue il missionario - e soprattutto in questo momento difficile! Manteniamo la nostra presenza nel Paese nonostante l’attuale insicurezza. La Chiesa del Niger oggi ha bisogno di un sostegno efficace. Siamo gli unici sacerdoti nella diocesi, oggi fuori dalla città di Niamey.”
La SMA è presente in Niger dall’inizio della sua evangelizzazione. La cattedrale di Niamey ha celebrato il 90° anniversario della sua fondazione da parte dei padri SMA.

“Attualmente siamo presenti nelle missioni di Gaya e Dosso” scrive p. Mauro Armanino (SMA) in un suo resoconto sul Niger nel quale cita notizie socio-politiche, il ruolo che la Chiesa svolge nel Paese più povero del pianeta, l’impegno e i sogni missionari. “A Gaya la pastorale giovanile è degna di nota per il gran numero di studenti beninesi nelle scuole di formazione sanitaria, l’assistenza al carcere cittadino, i bambini malnutriti e la formazione dei minori nelle scuole cattoliche, portate avanti con le suore Oblates Catechistes Petites Servantes des Pauvres (OCPSP). A Dosso, - prosegue p. Armanino - dopo diversi cambi di sacerdoti, con padre Rafael e Rene, seminarista, si sta cercando di ‘ristabilire’ relazioni e riorganizzare le comunità di base (CCB). Ci prendiamo cura dei bambini non vedenti, lavoriamo per un dialogo islamo-cristiano. Alcuni giovani sacerdoti molto dinamici seguono una delle comunità più antiche del Paese con 75 anni di presenza.” A Niamey p. Mauro si occupa della casa SMA in Niger e dell’accoglienza dei compagni, segue la pastorale dei migranti e del Centro di Formazione Cristiana nonché della comunità di Santa Monica.

Testimonianza in tempi avversi, necessità di formare e responsabilizzare i laici nel loro governo per una maggiore efficacia e per le minacce che incombono, rientrano tra le tematiche affrontate nelle ultime Assemblee diocesane SMA e aiutano a fare un quadro di ciò che sta vivendo la Chiesa del Paese. “Il Niger è minacciato da innumerevoli conflitti – si legge nella nota di p. Rafael. Malnutrizione, malattie, carestie ricorrenti, catastrofi climatiche: inondazioni, siccità, 300mila migranti interni a causa degli attacchi jihadisti ai confini con Burkina Faso, Mali, Libia e Nigeria”.

“Ricordiamo le chiese bruciate il 16/17 gennaio 2015 a Zinder e Niamey. Le cicatrici restano. A volte la mancanza di fiducia tra cristiani e musulmani si manifesta nei rapporti interpersonali. Il parroco di Dolbel, ferito dai proiettili, e il rapimento di padre Pierluigi Maccalli nel settembre 2018 hanno segnato profondamente la Chiesa del Niger. In questo contesto, la Chiesa locale si impegna, nonostante la sua fragilità, a lavorare e ad adoperarsi nell’educazione, che è esemplare, e nell’esercizio della carità.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Chiesa

La mattinata americana e l’udienza di Papa Francesco

Dopo l’incontro con la famiglia presidenziale Usa, il Santo Padre ha incontrato il popolo in Piazza.

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Chiesa

Il mercoledì delle Ceneri

Concluso il carnevale con festeggiamenti in modo minore causa covid, da oggi inizia il tempo di Quaresima con il mercoledì delle Ceneri. Andiamo a rivisitare la storia di questo giorno che avvia un periodo di conversione di 40 giorni sino alla grande festa della Pasqua.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano