Chiesa

di Roberto Signori

La Chiesa del Niger ha bisogno di un sostegno efficace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Testimoniare il nostro carisma missionario nella diocesi di Niamey con lo studio di lingue e culture locali, facilitare il dialogo islamo-cristiano, prendersi cura dei più poveri e praticare una spiritualità attenta a questi obiettivi rappresentano lo stile pastorale tipico della Società per le Missioni Africane (SMA)”, scrive padre Rafael Casamayor, SMA, a seguito delle recenti assemblee provinciali di Benin-Niger.

“Siamo convinti che la SMA abbia il suo posto qui in Niger, - prosegue il missionario - e soprattutto in questo momento difficile! Manteniamo la nostra presenza nel Paese nonostante l’attuale insicurezza. La Chiesa del Niger oggi ha bisogno di un sostegno efficace. Siamo gli unici sacerdoti nella diocesi, oggi fuori dalla città di Niamey.”
La SMA è presente in Niger dall’inizio della sua evangelizzazione. La cattedrale di Niamey ha celebrato il 90° anniversario della sua fondazione da parte dei padri SMA.

“Attualmente siamo presenti nelle missioni di Gaya e Dosso” scrive p. Mauro Armanino (SMA) in un suo resoconto sul Niger nel quale cita notizie socio-politiche, il ruolo che la Chiesa svolge nel Paese più povero del pianeta, l’impegno e i sogni missionari. “A Gaya la pastorale giovanile è degna di nota per il gran numero di studenti beninesi nelle scuole di formazione sanitaria, l’assistenza al carcere cittadino, i bambini malnutriti e la formazione dei minori nelle scuole cattoliche, portate avanti con le suore Oblates Catechistes Petites Servantes des Pauvres (OCPSP). A Dosso, - prosegue p. Armanino - dopo diversi cambi di sacerdoti, con padre Rafael e Rene, seminarista, si sta cercando di ‘ristabilire’ relazioni e riorganizzare le comunità di base (CCB). Ci prendiamo cura dei bambini non vedenti, lavoriamo per un dialogo islamo-cristiano. Alcuni giovani sacerdoti molto dinamici seguono una delle comunità più antiche del Paese con 75 anni di presenza.” A Niamey p. Mauro si occupa della casa SMA in Niger e dell’accoglienza dei compagni, segue la pastorale dei migranti e del Centro di Formazione Cristiana nonché della comunità di Santa Monica.

Testimonianza in tempi avversi, necessità di formare e responsabilizzare i laici nel loro governo per una maggiore efficacia e per le minacce che incombono, rientrano tra le tematiche affrontate nelle ultime Assemblee diocesane SMA e aiutano a fare un quadro di ciò che sta vivendo la Chiesa del Paese. “Il Niger è minacciato da innumerevoli conflitti – si legge nella nota di p. Rafael. Malnutrizione, malattie, carestie ricorrenti, catastrofi climatiche: inondazioni, siccità, 300mila migranti interni a causa degli attacchi jihadisti ai confini con Burkina Faso, Mali, Libia e Nigeria”.

“Ricordiamo le chiese bruciate il 16/17 gennaio 2015 a Zinder e Niamey. Le cicatrici restano. A volte la mancanza di fiducia tra cristiani e musulmani si manifesta nei rapporti interpersonali. Il parroco di Dolbel, ferito dai proiettili, e il rapimento di padre Pierluigi Maccalli nel settembre 2018 hanno segnato profondamente la Chiesa del Niger. In questo contesto, la Chiesa locale si impegna, nonostante la sua fragilità, a lavorare e ad adoperarsi nell’educazione, che è esemplare, e nell’esercizio della carità.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
2911/2022
San Saturnino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Società

L’uomo vero non stupra

In Italia lo 0.95% delle donne da 18 a 74 anni ha subito uno stupro da parte di un estraneo nella sua vita. In Francia la percentuale è del 2.3%, in Inghilterra del 2% e in Svezia del 3.3%, ma ciò non significa, ahimé, che siamo meno a rischio, ma piuttosto che le donne italiane non denunciano le violenze, se non quando le condizioni fisiche in cui le aggressioni le hanno ridotte lo rendono strettamente necessario. La vergogna è il tratto distintivo dello stupro, lo stigma che inspiegabilmente lascia sulla vittima, che comincia a domandarsi se in qualche modo ha colpa di ciò che ha subito, con gli abiti, i gesti, le parole.

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve ancora di più

Il centrodestra ha convenuto che sarà il M5S a esprimere il presidente della Camera (Roberto Fico), mentre toccherà a Forza Italia la seconda carica dello Stato (candidata probabile Anna maria Bernini). Giorgia Meloni è ridotta al ruolo di comparsa dopo aver accarezzato il sogno di diventare presidente della Camera nel solco di Fini. Si apre una stagione in cui per i cattolici ci sarà spazio solo nel segno di un’autonomia politica valoriale.

Leggi tutto

Politica

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

Mirko De Carli risponde ad un lettore su presente e futuro del Popolo della Famiglia dopo il voto emerso dalle urne europee

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano