Chiesa

di Roberto Signori

Meta - Bocche cucite sull’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Alcune ore fa un dirigente di Meta ha riferito ai dipendenti che è vietato parlare di aborto sul posto di lavoro, per evitare che l’azienda venga percepita come un “ambiente professionale ostile”. Una politica interna che risale al 2019 ma che viene ufficializzata solo ora. Ai dipendenti dunque è proibito esprimere e discutere “opinioni o dibattiti sull’aborto, se sia giusto o sbagliato, disponibilità o diritti all’aborto e opinioni politiche, religiose e umanitarie sul tema”, secondo una sezione della “Politica di comunicazione rispettosa” interna dell’azienda, riporta The Verge

I dipendenti non hanno reagito bene: alcuni hanno chiesto l’eliminazione di questa regola, in seguito alla presentazione da parte di Politico di una bozza della Corte Suprema che avrebbe ribaltato la Roe v. Wade, la storica sentenza del 1973 sul diritto all’aborto. In queste settimane diversi Stati conservatori guidati dal partito repubblicano, come il Texas, la Louisiana e l’Oklahoma, si sono mossi per rendere illegale l’aborto. La questione dunque è molto sentita negli Stati Uniti, ma Meta non vuole che se ne parli nei suoi uffici. Il che è strano, dato che in azienda è possibile parlare e dibattere rispettosamente di altre questioni sociali, come il movimento Black Lives Matter, i diritti per le persone trans e le tematiche legate all’immigrazione.

Durante l’incontro con i dipendenti tenutosi giovedì scorso, la vicepresidente delle Risorse Umane di Meta Janelle Gale ha affermato che l’aborto è “l’argomento più divisivo e segnalato” negli uffici dell’azienda. Ha inoltre aggiunto: “anche se le persone cercano di essere rispettose nel dire il loro punto di vista sull’aborto, possono comunque lasciare ad altre persone la sensazione di essere prese di mira in base al loro sesso o religione”.

Un’altra dirigente di Meta, Naomi Gleit, ha scritto in un post poi diffuso da The Verge i motivi per cui la società ha imposto restrizioni alla discussione sull’aborto. “Al lavoro, ci sono molte sensibilità su questo argomento, il che rende difficile discuterne “. Ha pure affermato che i dipendenti potrebbero discutere di aborto sul lavoro solo “con un collega fidato in un ambiente privato (ad es. dal vivo, chat, ecc.)” e in una “sessione di ascolto con un piccolo gruppo di massimo 5 persone che la pensano allo stesso modo per mostrare solidarietà”. Gleit ha infine incoraggiato i dipendenti a utilizzare le app social di Meta per condividere le loro opinioni a titolo personale e che l’azienda “continuerà a offrire ai nostri dipendenti l’accesso all’assistenza sanitaria riproduttiva negli Stati Uniti indipendentemente da dove vivono”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Quarant’anni di Movimento per la Vita

Il 22 maggio del 1975 nasceva a Firenze il primo centro di aiuto alla vita, nucleo originario di un movimento che ha fatto la storia della difesa dei più deboli in Italia

Leggi tutto

Media

Sugli stregoni della notizia

È dai tempi di Reagan che la Casa Bianca consulta scrupolosamente dei media-influencer

Leggi tutto

Chiesa

Frate Emiliano Antenucci parla di silenzio con Papa Francesco

Dopo i suoi tanti scritti sull’argomento, dopo aver incontrato Papa Francesco, dopo aver raccomandato la devozione alla Madonna del Silenzio, aggiunge queste parole: «In una società malata di rumori, parole, apparenza e alle volte di persone che hanno pubbliche virtù e vizi privati, la cura e il cammino da fare con urgenza è il silenzio, scoperta di una Presenza».

Leggi tutto

Chiesa

Papa ed aborto: l’obiezione di coscienza fedeltà alla propria professione

Papa Francesco, incontrando i soci di un’associazione italiana di farmacisti, di fronte a chi vuole togliere l’obiezione di coscienza, afferma che non è una infedeltà, ma al contrario fedeltà alla propria professione, “se validamente motivata”.

Leggi tutto

Storie

Elisa Di Francisca ed il dramma dell’aborto

A “Verissimo” la schermitrice racconta il dramma dell’aborto vissuto a 18 anni

Leggi tutto

Storie

Beirut, al via la causa di beatificazione del martire padre Nicolas Kluiters

Nato a Delft (Olanda) nel 1940, Kluiters era entrato nel 1966 nei gesuiti dopo studi di Belle arti. Tuttavia, egli ha preferito rinunciare ai suoi pennelli come san Pietro aveva rinunciato alle sue reti da pesca. Nei 10 anni successivi, dopo aver completato gli studi di teologia, egli è stato ordinato sacerdote. Ha quindi soggiornato in Libano, imparato l’arabo e ottenuto un diploma di assistente sociale dalla Usj. Poi nel 1976, in accordo con i suoi superiori, in particolare con il superiore generale dei gesuiti p. Peter-Hans Kolvenbach egli sbarca nel Paese dei cedri per iniziare la propria missione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano