Chiesa

di Roberto Signori

Meta - Bocche cucite sull’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Alcune ore fa un dirigente di Meta ha riferito ai dipendenti che è vietato parlare di aborto sul posto di lavoro, per evitare che l’azienda venga percepita come un “ambiente professionale ostile”. Una politica interna che risale al 2019 ma che viene ufficializzata solo ora. Ai dipendenti dunque è proibito esprimere e discutere “opinioni o dibattiti sull’aborto, se sia giusto o sbagliato, disponibilità o diritti all’aborto e opinioni politiche, religiose e umanitarie sul tema”, secondo una sezione della “Politica di comunicazione rispettosa” interna dell’azienda, riporta The Verge

I dipendenti non hanno reagito bene: alcuni hanno chiesto l’eliminazione di questa regola, in seguito alla presentazione da parte di Politico di una bozza della Corte Suprema che avrebbe ribaltato la Roe v. Wade, la storica sentenza del 1973 sul diritto all’aborto. In queste settimane diversi Stati conservatori guidati dal partito repubblicano, come il Texas, la Louisiana e l’Oklahoma, si sono mossi per rendere illegale l’aborto. La questione dunque è molto sentita negli Stati Uniti, ma Meta non vuole che se ne parli nei suoi uffici. Il che è strano, dato che in azienda è possibile parlare e dibattere rispettosamente di altre questioni sociali, come il movimento Black Lives Matter, i diritti per le persone trans e le tematiche legate all’immigrazione.

Durante l’incontro con i dipendenti tenutosi giovedì scorso, la vicepresidente delle Risorse Umane di Meta Janelle Gale ha affermato che l’aborto è “l’argomento più divisivo e segnalato” negli uffici dell’azienda. Ha inoltre aggiunto: “anche se le persone cercano di essere rispettose nel dire il loro punto di vista sull’aborto, possono comunque lasciare ad altre persone la sensazione di essere prese di mira in base al loro sesso o religione”.

Un’altra dirigente di Meta, Naomi Gleit, ha scritto in un post poi diffuso da The Verge i motivi per cui la società ha imposto restrizioni alla discussione sull’aborto. “Al lavoro, ci sono molte sensibilità su questo argomento, il che rende difficile discuterne “. Ha pure affermato che i dipendenti potrebbero discutere di aborto sul lavoro solo “con un collega fidato in un ambiente privato (ad es. dal vivo, chat, ecc.)” e in una “sessione di ascolto con un piccolo gruppo di massimo 5 persone che la pensano allo stesso modo per mostrare solidarietà”. Gleit ha infine incoraggiato i dipendenti a utilizzare le app social di Meta per condividere le loro opinioni a titolo personale e che l’azienda “continuerà a offrire ai nostri dipendenti l’accesso all’assistenza sanitaria riproduttiva negli Stati Uniti indipendentemente da dove vivono”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

#Donnetradite: ecco come sono sezionati e venduti i feti

Il “Center for Medical Progress” di David Daleiden ha pubblicato ieri il terzo video dell’inchiesta sui presunti traffici illeciti di Planned Parenthood. Stavolta la telecamera nascosta entra in una delle cliniche (ci sono immagini sconsigliate a stomaci deboli)

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Società

Le femministe militanti vere complici dello sfruttamento delle donne

Dall’encomio dei rapporti anali all’apologia dell’aborto che “non praticano solo le donne”, una rassegna di cortocirtuiti del femminismo odierno.

Leggi tutto

Società

Cosa fare per rimettere in piedi l’economia italiana?

I soldi per tagliare le tasse e per dare lavoro a tutti ci sono. Se capiamo come funziona la moneta (anche senza uscire dall’Euro)

Leggi tutto

Società

L’Ecuador si divide sull’aborto

Manifestanti a favore e contro l’aborto si sono riuniti fuori dal parlamento in Ecuador.

Leggi tutto

Politica

USA - New York e libri per bimbi

Il Dipartimento dell’Educazione dello Stato di New York ha promosso il libro della fumettista Maia Kobabe, ‘Gender Queer: a Memoir’, che secondo quanto si apprende contiene disegni espliciti di adolescenti che fanno ogni tipo di attività sessuale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano