Media

di Giampaolo Centofanti

Le rare voci fuori dal coro

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Viviamo nella drammatica epoca del pensiero unico, dell’informazione dominata dai detentori di potenti mezzi di comunicazione.

Oggi sono pochissimi i media che non ripetono i ritornelli del potere. La Croce, in ambito cristiano, lascia spazio ad interventi molto diversificati. Anche consentendo una partecipazione meno ingabbiata da formalismi variamente istituzionali. Il quotidiano contribuisce così profondamente ad una più autentica ricerca del vero. Byoblu ha una linea più predeterminata, ma almeno anche geopoliticamente alternativa ai media mainstream. Per cui pur personalmente condividendo poco di tale testata ne considero l’importanza in quanto voce diversa. Munera è una rivista che perlomeno, come Byoblu, consente commenti liberi anche con aggiunta di link.

In questo più che striminzito panorama di libera partecipazione restano per esempio alcuni blog più conosciuti. Quello di Luigi Accattoli ha una sua vicinanza, più moderata, ai media mainstream ma con spazi di libera spiritualità, anche nella partecipazione, e anche per liberi commenti e link, persino, in quest’ultimo caso, senza imporre l’obbligo di aggiungere commenti scritti.

Tra i blog conosciuti quello, per esempio, di Magister conserva perlomeno una certa coerenza di visuale, che pure non sento in genere di condividere. Ma: anche qui una voce fuori dal coro. Alcuni blog conosciuti hanno pure essi conservato come Settimo Cielo una loro certa coerenza mentre altri hanno seguito il trasformismo del parlamento omologato. Ossia rispecchiano il formarsi, nella società del pensiero teleguidato, di due nuove classi sociali: quella dei manipolatori al servizio della mera tecnica, vera dominatrice dei suoi stessi padroni; e quella della gente, sempre più spogliata di una libera ricerca e partecipazione, di una libera iniziativa, isolata, privata di tutto.

Vi sono poi blog e siti da scovare da parte del grande pubblico come https://gpcentofanti.altervista.org/ nel quale sviluppo una mia ricerca cristiana a tutto campo, vissuta in comunione e obbedienza nella Chiesa ma su questa via anche amorevolmente libera e aperta al vero, alla grazia, da ovunque venga. Stimolata da decenni di studio classico e universitario e a 360 gradi e prima di tutto da un cammino spirituale e umano in vario modo condiviso con tanta gente.

Vi sono siti aperti ai differenti contributi spirituali come Cerco il tuo volto o Qumran.

I media direttamente della Santa Sede devono esprimere il pensiero del pontefice. Ma gli altri media cattolici dovrebbero alimentare la libera e dunque diversificata partecipazione, tanto più in un’epoca come questa di onnipervasivo pensiero unico.

Il pullulare di contributi sui vari social mi pare per certi aspetti positivo proprio nei margini di libera partecipazione che esprime. Ma forti sono le limitazioni arbitrarie da parte di chi governa questi media. Detenendo un potere capace di soppiantare le democrazie. Inoltre davvero tragico è il paradosso dei media mainstream che condannano la scarsa maturità di molta di questa partecipazione. Quando là dove di reale immaturità si tratti è da essi voluta e causata. Per cui ciò che disturba i potenti sono in realtà quei pur scarsissimi margini di libertà che ancora sono possibili.

Youtube con i suoi video per certi aspetti facilita certa comunicazione ma anche qui si riscontra l’arbitraria discrezionalità di chi vi governa ma soprattutto l’antidemocraticità insita nel tanto potere nelle mani di pochi. Inoltre, per esempio, anche chi in qualche onesto modo si trova ad avere un largo seguito di visitatori non emerge tanto facilmente nelle ricerche automatiche.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Vie di sblocco di un’autentica crescita

Il pensiero unico sta svuotando, manipolando, spogliando di tutto, tante persone. È necessario individuare i media liberi, farli conoscere, è necessaria l’accoglienza reciproca al di là delle diversità. Uscire dalle sordità e dagli interessi di bottega che spingono a non imparare dagli altri e a difendere il proprio orticello senza reciproca accoglienza, senza diffondere la conoscenza anche di altri media liberi. Sono miopie che spengono la maturazione delle persone e le lasciano ingabbiate da quel pensiero unico che emargina ogni altra voce. Si ritorcono dunque subito contro la testata sedicente libera ma di tali corte vedute perché, per esempio, la gente non legge più.

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa tedesca per l’Africa

Campagna 2022 dei Cantori della Stella: “La salute dei bambini è costantemente minacciata”

Leggi tutto

Storie

Ciclisti trans nelle gare femminili dei Commonwealth Games

Un portavoce ha affermato che il nuovo regolamento “sarà in linea con i principi stabiliti nel quadro del CIO sull’equità, l’inclusione e la non discriminazione sulla base dell’identità di genere e dell’orientamento sessuale”.

Leggi tutto

Storie

Sagaing: la giunta militare attacca un villaggio cristiano

Sono almeno 20 le case bruciate in questi giorni a Chan Thar, oltre 500 le scorte di riso andate perse e parecchi gli sfollati. I soldati hanno fatto irruzione e dato fuoco alle abitazioni “senza alcuna ragione”.

Leggi tutto

Chiesa

Cambogia - Una chiesa per la città di Kampot

Intitolata a Sant’Agostino viene consacrata il 4 giugno dal vicario apostolico mons. Schmitthaeusler.

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Diritti delle minoranze

Nasira Iqbal, giudice in pensione, ha dichiarato: “Sono passati otto anni dall’emanazione di quel pronunciamento e stiamo ancora aspettando la sua attuazione. È responsabilità del governo attuare gli ordini dei tribunali e affrontare gravi problemi che le minoranze incontrano in Pakistan. La sentenza sottolinea l’uguaglianza dei diritti per tutti i cittadini, indipendentemente dalla fede, pertanto il governo deve sviluppare programmi di studio inclusivi e tolleranti per tutti, come disposto dal tribunale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano